L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Lynne Ramsay porterà sul grande schermo La bambina che amava Tom Gordon

Lynne Ramsay porterà sul grande schermo La bambina che amava Tom Gordon

Di Filippo Magnifico

Importanti news per il film ispirato a La bambina che amava Tom Gordon di Stephen King.
Il progetto, che, come abbiamo già detto, coinvolge la moglie di George A. Romero, sarà diretto da Lynne Ramsay, regista di …e ora parliamo di Kevin e A Beautiful Day – You Were Never Really Here.
La Ramsay porterà sul grande schermo una sceneggiatura scritta da Christy Hall, co-creatrice e produttrice esecutiva della serie Netflix I Am Not Okay With This.

Il film sarà prodotto da Jon Berg di Stampede Ventures e Roy Lee di Vertigo Film, produttore di It Capitolo Due e Doctor Sleep, oltre a Ryan Silbert e Christine Romero. La vedova del regista, creatore dei moderni zombie cinematografici, è coinvolta perché il marito aveva tentato di adattare il romanzo anni fa, prima della sua scomparsa.

La trama

La bambina che amava Tom Gordon racconta la storia di Trisha McFarland, una bambina che si perde durante un’escursione nei boschi insieme alla madre recentemente divorziata e al fratello. Sola e spaventata, la bambina di nove anni finisce per vagare nove giorni nei boschi, allontanandosi sempre più dalla civiltà. A poco a poco, sete, fame e stanchezza iniziano aprocurarle allucinazioni. Trisha si ritrova così a parlare con una serie di personaggi immaginari. Tra cui il suo idolo, un giocatore di baseball di nome Tom Gordon. A seguire la sinossi ufficiale del romanzo.

“Il mondo aveva i denti e in qualsiasi momento ti poteva morsicare”. Questo Trisha McFarland scoprì a nove anni. Alle dieci di una mattina di giugno era sul sedile posteriore della Dodge Caravan di sua madre con addosso la sua maglietta blu dei Red Sox (quella che ha 36 Gordon sulla schiena) a giocare con Mona, la sua bambola. Alle dieci e mezzo era persa nel bosco, alle undici cercava di non essere terrorizzata, cercava di non pensare: “Questa è una cosa seria, questa è una cosa molto seria”. Cercava di non pensare che certe volte a perdersi nel bosco ci si poteva fare anche molto male. Certe volte si moriva.

Fonte: THR


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Oscar 2021: ecco come David Rockwell trasformerà la Union Station di Los Angeles 22 Aprile 2021 - 19:45

All’architetto vincitore del Tony Award David Rockwell è stato affidato il compito di trasformare la storica Union Station per la Notte degli Oscar 2021.

Virunga: Barry Jenkins sta scrivendo un adattamento con Leonardo DiCaprio 22 Aprile 2021 - 19:45

Il premio Oscar Barry Jenkins (Moonlight) sta scrivendo un adattamento del documentario Virunga con Leonardo DiCaprio

Obi-Wan Kenobi: Maya Erskine da PEN15 alla serie Disney+ 22 Aprile 2021 - 19:30

La star e autrice della serie Hulu avrà un ruolo ricorrente nelle avventure del cavaliere Jedi di Ewan McGregor

Chi è M.O.D.O.K. e da dove salta fuori con quel suo capoccione 22 Aprile 2021 - 16:22

Le origini di M.O.D.O.K., uno dei più bizzarri villain di tutta la storia Marvel.

Guerre fra Galassie (FantaDoc) 21 Aprile 2021 - 16:49

La storia dello Star Wars televisivo giapponese (ma con molti più calci volanti).

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?