L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Johnny Depp perde la causa per diffamazione contro il Sun

Johnny Depp perde la causa per diffamazione contro il Sun

Di Marlen Vazzoler

Il giudice Andrew Nicol oggi si è pronunciato contro Johnny Depp nella causa di diffamazione contro il News Group Newspapers, casa editrice di The Sun, e il suo caporedattore Dan Wootton in merito a un articolo pubblicato nel 2018.

In un documento di 129 pagine viene decretato che l’accusa di ‘marito violento’, in merito alla descrizione del rapporto travagliato tra l’attore e l’ex-moglie Amber Heard, è ‘sostanzialmente vera’.

Nel corso del procedimento di divorzio, la Heard ha dichiarato di essere vittima di abusi. Queste dichiarazioni sono al vaglio degli inquirenti in diversi casi giudiziari tra cui uno in Virginia, nel quale Depp ha citato in giudizio la Heard per diffamazione.

L’attore ha costantemente negato di averla schiaffeggiata, e gli altri casi di abuso abusi. Depp ha descritto le accuse della Heard come “malate” e una “bufala” e ha affermato che l’attrice era l’aggressore nella loro relazione.

È stato concluso che:

“Il signor Depp ha aggredito la signora Heard”

in riferimento a molteplici accuse di violenza domestica presentate durante il processo, dichiarando che la ‘grande maggioranza’ è stata provata. Il verdetto constata altresì che non è accettabile caratterizzare la Heard come una ‘cacciatrice di dote’.

Il Giudizio

La richiesta è respinta. Il ricorrente non è riuscito nel suo ricorso per diffamazione. Sebbene abbia dimostrato gli elementi necessari della sua causa di diffamazione, gli imputati hanno dimostrato che il significato di quello che hanno pubblicato, ovvero quello che avevo inteso, fosse sostanzialmente vero.

Sono giunto a queste conclusioni dopo aver esaminato in dettaglio i 14 episodi su cui si basano gli imputati, così come le considerazioni generali che il ricorrente ha sostenuto che avrei dovuto tenere in considerazione.

In queste circostanze, la legislatura afferma che un imputato ha una difesa completa. Non è stato necessario considerare l’equità dell’articolo o la “cattiveria” degli imputati perché sono irrilevanti per la difesa legale della verità.
Le parti avranno la possibilità di presentare osservazioni per iscritto sui termini precisi dell’ordine che dovrebbero seguire la mia decisione.

Prossimo processo

Jenny Afia dello studio legale Schillings, che ha rappresentato Depp nel caso, ha dichiarato:

“Questa decisione è tanto perversa quanto sconcertante. La cosa più preoccupante è l’affidamento del giudice sulla testimonianza di Amber Heard, e il corrispondente disprezzo sulla montagna di contro-prove da parte degli agenti di polizia, medici, del suo ex assistente, altri testimoni incontrastati e una serie di prove documentali che hanno completamente minato le accuse, punto per punto. Tutto questo è stato trascurato.
La sentenza è così viziata che sarebbe ridicolo per il signor Depp non appellarsi a questa decisione. Nel frattempo, speriamo che, in contrasto con questo caso, i procedimenti per diffamazione in corso in America siano equi, con entrambe le parti che hanno fornito una divulgazione completa piuttosto che una parte che sceglie strategicamente quali prove possono e non possono essere invocate”.

L’avvocato statunitense della Heard, Elaine Charlson Bredehoft, ha detto ad AP che l’esito del processo nel Regno Unito

“Non è stato una sorpresa. Molto presto, presenteremo prove ancora più voluminose negli Stati Uniti”.

Il prossimo scontro legale si terrà in Virginia, dove Depp ha citato in giudizio Heard per $50 milioni per una rubrica del Washington Post in cui ha scritto della violenza domestica subita. All’attore è stato ordinato di sedersi per la deposizione, l’11 novembre, dal giudice capo Bruce White del tribunale distrettuale della contea di Fairfax.

Fonti Deadline, THR, Variety

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Avatar scompare da Disney+… perché sta per tornare al cinema? 19 Agosto 2022 - 15:00

Avatar non è più disponibile su Disney+. È stato rimosso dal catalogo in tutto il mondo, senza alcuna comunicazione.

La serie di Cuphead: i nuovi episodi arrivano su Netflix, ecco una clip 19 Agosto 2022 - 14:15

Torna su Netflix la serie animata ispirata al video game Cuphead, ecco una clip con la Baronessa Bon Bon.

MonsterVerse: Mari Yamamoto da Pachinko alla serie su Godzilla 19 Agosto 2022 - 13:30

La star di Pachinko è entrata nel cast della serie Apple ambientata nel MonsterVerse di Godzilla e Kong

House of the Dragon, la recensione: benvenuti al Dallas di Westeros 19 Agosto 2022 - 9:01

Le nostre impressioni (senza spoiler) sui primi sei episodi di House of the Dragon, il prequel di Game of Thrones.

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.