L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Il Quaderno di Tomy – La storia vera dietro il commovente film Netflix

Il Quaderno di Tomy – La storia vera dietro il commovente film Netflix

Di Andrea Suatoni

E’ disponibile su Netflix dal 24 Novembre scorso il film drammatico Il Quaderno di Tomy (El Cuaderno de Tomy in originale), pellicola tratta dall’omonimo libro autobiografico di María Vázquez. Il film racconta la storia dell’autrice, che all’età di 40 anni scopre di avere un male incurabile che la porterà alla morte senza permetterle di crescere suo figlio, di appena 3 anni.

UN QUADERNO IN EREDITA’

Nel 2014, María Vázquez, una donna argentina di Buenos Aires, scoprì di essere affetta da un cancro ovarico molto aggressivo, che aveva già sviluppato metastasi in altri organi del suo corpo senza che lei si accorgesse di nulla: la diagnosi dei dottori fu fin dall’inizio molto pessimistica, ma María decise di lottare con tutta sé stessa e di tentare comunque una sfiancante terapia.
Allo stesso tempo però, conscia di non avere grandi speranze di sopravvivere alla malattia, decise di lasciare in eredità a suo figlio Nippur, nato 3 anni prima dal felice rapporto con suo marito Sebastián, un quaderno nel quale iniziò ad appuntare giornalmente le sue sensazioni e le sue emozioni.

Nel quaderno, María racconta, spesso anche con una buona dose di ironia, le varie fasi della malattia e le cure ricevute, alternando brevi racconti a frasi estemporanee e a sequenza disegnate a fumetti: la sua speranza è che il bambino, anche quando lei non ci sarà più, possa sentire accanto a lui la presenza di sua madre e dei suoi valori, e magari imparare a conoscerla meglio. In esso affronta inoltre anche un viaggio nel suo passato e in quello della sua famiglia.

Molto seguita sui social da prima della malattia grazie ad un apprezzato blog aperto nel 2009, María decise anche di mostrare al mondo la sua storia e la sua forza: sempre carica di ironia (ma anche di un po’ di sarcasmo e di un umorismo bonariamente cinico), riunì migliaia di followers intorno alla sua lotta, postando parole, pensieri, fotografie senza alcun filtro (nel vero e proprio senso della parola), decidendo di mostrarsi sempre in maniera semplice e realistica (si è ad esempio sempre rifiutata di indossare una parrucca) anche nelle ultime fasi della malattia. I social diventano così un posto dove María, che nel decorso della malattia arriva ad un momento in cui non riesce più a spostarsi autonomamente, una forma di evasione, una valvola di sfogo per dare voce al dolore, ma anche (e soprattutto) alla rabbia, che prova.

Infine, nell’Aprile del 2015, María scrive su Twitter uno dei suoi ultimi post:

La situazione è peggiorata, ora non c’è molto altro da fare se non aspettare. Si tratta di giorni.

Pochi giorni dopo infatti, María veniva a mancare, lasciando la sua famiglia (ed anche i suoi followers) ma lasciando il suo famoso quaderno (del quale fotografava e postava saltuariamente alcuni estratti sui social) in eredità non solo a suo figlio, ma al mondo intero.

IL FILM NETFLIX

La storia di María ottenne moltissima risonanza mediatica, e dopo la sua morte suo marito decise di pubblicare il famoso quaderno: El Cuaderno de Nippur diventa un caso editoriale in Argentina. La prefazione del libro viene scritta da Robin Wood, fumettista paraguayano autore del fumetto Nippur de Lagash, di cui María era fan al punto da aver usato il nome del protagonista per suo figlio.

Dal libro al film il passo è stato breve: la storia di María è arrivata su Netflix grazie al regista Carlos Sorin (del quale ricordiamo il pluripremiato film Piccole Storie, in originale Historias Mínimas, del 2002); la protagonista María è invece interpretata da Valeria Bertuccelli, attrice argentina conosciuta grazie a pellicole come XXY – Uomini, donne o tutti e due? o La reina del miedo.
Nella versione romanzata della storia di María vengono effettuati alcuni cambiamenti (Nippur, il figlio di María, è ad esempio qui chiamato Tomy), ma il cuore della storia rimane assolutamente intatto: il film trasmette moltissime emozioni, e i fazzoletti alla mano sono obbligatori durante la visione.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Venom: La furia di Carnage – Lo scontro continua sul poster IMAX 22 Settembre 2021 - 10:00

I due simbionti si scontrano sul poster IMAX di Venom: La furia di Carnage, in uscita il prossimo 14 ottobre nelle sale italiane.

Passing – Il trailer del film di Rebecca Hall, dal 10 novembre su Netflix 22 Settembre 2021 - 9:00

Due donne - Passing è il film di Rebecca Hall tratto dal romanzo di Nella Larsen, con Tessa Thompson e Ruth Negga nel ruolo di due amiche che si ritrovano nella New York degli anni Venti, tra conflitti etnici e sociali.

Knights Of The Zodiac: Il cast del live action de I Cavalieri dello Zodiaco, uscirà nella primavera del 2023 22 Settembre 2021 - 3:49

Svelato il cast principale del live action de I Cavalieri dello Zodiaco, Knights Of The Zodiac, il film uscirà nella primavera del 2023

Star Wars: Visions, la recensione 21 Settembre 2021 - 18:00

In un Giappone vicino vicino: arrivano su Disney+ i corti anime di Star Wars.

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).

Guida pratica al mondo di Dune 14 Settembre 2021 - 9:15

Dai film ai videogiochi, da Star Wars a Miyazaki, tutto quello che è nato dal romanzo di Dune (che nessuno voleva pubblicare).