L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Apologia del white trash: la recensione di Elegia americana

Apologia del white trash: la recensione di Elegia americana

Di Lorenzo Pedrazzi

La parola chiave di Elegia americana è paradossalmente esclusa dal titolo italiano, anche perché hillbilly non ha una traduzione fedele nella nostra lingua. Termine per lo più dispregiativo, hillbilly indica le persone che risiedono nelle aree rurali e montuose dell’America più profonda, soprattutto in stati come l’Ohio o la Virginia, lontano dai grandi centri abitati. Hanno fama di gente arretrata e violenta, e come tali vengono spesso ritratti dal cinema e dalla televisione. Talvolta sono oggetto di scherno (il Cletus dei Simpson), talvolta incarnano una minaccia brutale (la famiglia Sawyer di Non aprite quella porta), ma la costante è sempre la stessa: nell’immaginario collettivo degli statunitensi, rappresentano l’emblema definitivo dell’ignoranza e della grossolanità.

È anche in risposta a questi cliché che J.D. Vance ha deciso di intitolare il suo libro di memorie Hillbilly Eulogy, qui trasposto da Ron Howard per Netflix. Trattandosi di un’autobiografia, Vance (Gabriel Basso) è anche il protagonista e narratore del film: lo incontriamo mentre studia legge a Yale nel 2011, alla ricerca di uno stage presso uno studio legale per pagarsi le salatissime tasse universitarie. Sua sorella Lindsay (Haley Bennett) lo chiama dall’Ohio perché la madre Bev (Amy Adams) ha avuto un’overdose di eroina e si trova in ospedale, costringendolo a farsi 10 ore di auto per tornare a casa. J.D. ricorda quindi la difficile infanzia vissuta con una madre instabile, circondato dai drammi della povertà e della droga, ma anche da una nonna (Glenn Close) che lo ha fatto rigare dritto.

È chiaro fin dall’inizio che la vicenda di J.D. Vance racconta una sua personale versione del Sogno Americano, partendo realmente da uno degli strati più bassi della popolazione. Di sicuro non è un’espressione che Vance apprezzerebbe, ma Elegia americana mette in scena il white trash in forma quasi apologetica, diversamente da quanto il cinema americano ha fatto in passato. Se pensiamo agli anni Duemila, film come Shotgun Stories o Winter’s Bone affrontano il medesimo contesto sociale con sguardo più critico, mettendone in discussione la miseria e le leggi patriarcali. Certo, né Vance né la sceneggiatrice Vanessa Taylor (o tantomeno lo stesso Howard) nascondono le criticità di quell’ambiente, fatto di prevaricazione e indigenza, ma al contempo ne esaltano i valori familiari, all’insegna di un’arcaica unione tra consanguinei.

Gli attacchi della critica statunitense nascono proprio da qui, più che dai limiti effettivi dell’opera. Nell’America martoriata da Trump (che proprio nei redneck ha trovato i propri più grandi sostenitori), Elegia americana sembra quasi fuori luogo, come se fosse rimasto dietro la curva della Storia. Mentre i liberal chiedono maggiore diversità etnica e una celebrazione della famiglia non tradizionale, il film di Ron Howard cerca un po’ di luce in quegli strati sociali – la classe lavoratrice bianca della provincia rurale – che gran parte dell’opinione pubblica vorrebbe dimenticare. Lo fa con lo schematismo che spesso caratterizza il suo cinema, solo che stavolta non ci sono le vite straordinarie di personaggi eccezionali a mascherarne i limiti, come accadeva in Apollo 13 o A Beautiful Mind. Qui, i risvolti didascalici si sentono tutti, e sono appesantiti da un parossismo nervoso che attraversa la vicenda, soprattutto nelle interazioni violente tra i personaggi.

Certe problematiche del white trash (come il razzismo) restano ai margini, offuscate dalla glorificazione dei valori tradizionali: famiglia, radici, affermazione individuale. Peccato, perché Amy Adams e Glenn Close sono eccezionali anche in due ruoli così insoliti per entrambe, e la regia di Howard sa lavorare tanto sui volti quanto sugli ambienti per ottenere il meglio da entrambi. Non è il disastro di cui parla la critica americana, né tantomeno il suo film peggiore (per quello c’è la trilogia di Dan Brown). Eppure, non si può fare a meno di notare l’ambiguità del contenuto, cui si accompagna una forma ibrida e incerta, a metà fra le patinature di Hollywood e la crudezza del cinema indie.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Corey Hawkins sfiderà Dracula in The Last Voyage Of The Demeter 27 Gennaio 2021 - 20:45

Il film sarà diretto da André Øvredal, autore di Scary Stories to Tell in the Dark

Fear the Walking Dead: la seconda parte della stagione 6 arriverà il prossimo aprile 27 Gennaio 2021 - 20:37

Fear the Walking Dead tornerà su AMC l’11 aprile, con la seconda parte della stagione 6.

Marvel Cinematic Universe: Quali mutanti potrebbero far parte degli X-Men? 27 Gennaio 2021 - 20:30

Quali X-Men vedremo nel Marvel Cinematic Universe, al momento del loro esordio nell'universo unito dei Marvel Studios? Ecco cosa ne pensiamo!

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.