L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
David Fincher e la situazione attuale del cinema, tra “estate dello spandex” e “sofferenza invernale”

David Fincher e la situazione attuale del cinema, tra “estate dello spandex” e “sofferenza invernale”

Di Filippo Magnifico

David Fincher è attualmente impegnato con il lancio di Mank, la sua ultima fatica in arrivo su Netflix il 4 dicembre.
Intervistato da Total Film, il regista si è soffermato sulla situazione attuale del cinema. Mank era un progetto che inseguiva da molto tempo e che grazie a realtà come Netflix è riuscito a diventare concreto.

A meno che tu non stia girando un film che prevede già l’uscita di un Happy Meal, nessuno è interessato.

Come dichiarato da Fincher, uno dei punti a favore del lavorare con Netflix è che non c’è la stessa pressione del primo fine settimana di apertura, quando un film viene distribuito nelle sale cinematografiche. L’opera vive e continuerà a vivere all’interno del catalogo del servizio.
Per quanto riguarda il cinema, secondo il regista al momento esistono solo due tipi di film che vengono sul serio presi in considerazione dalle major:

Le stagioni dei film ormai sono due. C’è l’estate dello spandex e la sofferenza invernale. Si fanno film solo per queste due stagioni. E se le perdi vai a finire nelle stagioni rimanenti, che di norma sono discariche. Ha senso tutto questo?
Non sono un brontolone stanco. Sono un brontolone che conosce la situazione ed è stanco.

QUI trovate la nostra recensione di MANK

Mank

A proposito di Mank

Il brillante regista non dirigeva un lungometraggio dai tempi di Gone Girl, uscito nel 2014.

Si tratta di un biopic incentrato sullo sceneggiatore Herman J. Mankiewicz, interpretato da Gary Oldman. Non racconterà tutta la sua vita, ma si focalizzerà sul periodo in cui Mankiewicz scrisse Quarto potere, scontrandosi con Orson Welles per la paternità del copione.

La sceneggiatura di Mank è stata scritta da Jack Fincher, padre di David, prima della sua morte nel 2003.

La sinossi ufficiale

La Hollywood degli anni ’30 viene raccontata attraverso gli occhi del pungente critico sociale e sceneggiatore alcolizzato Herman J. Mankiewicz mentre si affretta per finire la sceneggiatura di “Quarto Potere” per Orson Welles.

Il cast

GARY OLDMAN nel ruolo di HERMAN J. MANKIEWICZ
AMANDA SEYFRIED nel ruolo di MARION DAVIES
LILY COLLINS nel ruolo di RITA ALEXANDER
ARLISS HOWARD nel ruolo di LOUIS B. MAYER
TOM PELPHREY nel ruolo di JOE MANKIEWICZ
SAM TROUGHTON nel ruolo di JOHN HOUSEMAN
FERDINAND KINGSLEY come IRVING THALBERG
TUPPENCE MIDDLETON come SARA MANKIEWICZ
TOM BURKE come ORSON WELLES
JOSEPH CROSS come CHARLES LEDERER
JAMIE McSHANE nel ruolo di SHELLY METCALF
TOBY LEONARD MOORE come DAVID O. SELZNICK
MONIKA GOSSMANN nel ruolo di FRAULEIN FREDA
e CHARLES DANCE come WILLIAM RANDOLPH HEARST

Mankiewicz, Welles e Quarto potere

Mankiewicz fu il primo sceneggiatore incaricato da Welles per scrivere il film, e alcuni storici – come Pauline Kael – sostengono che fu sua l’idea di raccontare una storia ispirata a William Randolph Hearst, editore e imprenditore americano su cui è basata la figura di Charles Foster Kane, il protagonista di Quarto potere. Altri, fra cui Robert L. Carringer, supportano invece la versione di Welles, da lui spiegata a Peter Bogdanovich nelle loro celebri conversazioni:

L’idea originaria del film e la sua struttura base furono il risultato di una nostra collaborazione diretta; dopo ci separammo e nacquero due sceneggiature: una scritta a Victorville dal signor Mankiewicz e l’altra a Beverly Hills da me […] La versione finale della sceneggiatura […] è frutto di entrambe.

Pare che Welles volesse attribuirsene la paternità assoluta, nonostante lui l’abbia negato. In ogni caso, alla fine accettò di porre anche la firma di Mankiewitz nei crediti ufficiali del film, collocandone il nome sopra il suo. Paradossalmente, Quarto potere vinse il suo unico Oscar proprio per la sceneggiatura, condivisa quindi da Welles e Mankiewicz.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Insidious 5: riprese iniziate, ecco l’annuncio di Jason Blum 18 Agosto 2022 - 19:35

Jason Blum annuncia l'inizio delle riprese di Insidious 5, il nuovo capitolo della saga horror lanciata nel 2010 da James Wan.

House of the Dragon: ecco un nuovo spot, il fuoco regnerà! 18 Agosto 2022 - 19:15

Ecco un nuovo spot di House of the Dragon, la serie prequel di Game of Thrones in arrivo il 22 agosto.

The Morning Show: iniziate le riprese della stagione 3 18 Agosto 2022 - 18:54

Sono iniziate le riprese della terza stagione di The Morning Show, la serie Apple TV+ interpretata da Jennifer Aniston e Reese Witherspoon.

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?