L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L’appello di CNA Cinema e Audiovisivi: “Indennizzi anche per le imprese della comunicazione cinematografica”

L’appello di CNA Cinema e Audiovisivi: “Indennizzi anche per le imprese della comunicazione cinematografica”

Di Redazione SW

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato di CNA Cinema e Audiovisivo che, finalmente, recepisce la richiesta di attenzione che insieme ad altri operatori del settore tra cui BadTaste, ComingSoon e Movieplayer avevamo promosso fin dall’inizio della crisi. I siti di informazione e le agenzie di servizi e comunicazione specializzati nella filiera tradizionale del cinema sono stati colpiti dalle conseguenze della chiusura delle sale tanto quanto tutte le altre realtà che operano intorno al mondo dell’esercizio, della distribuzione e della produzione.

Il comunicato di CNA Cinema e Audiovisivi

Torniamo oggi per segnalare il comunicato stampa di CNA Cinema e Audiovisivi, in cui si chiedono “Indennizzi anche alle imprese della comunicazione cinematografica!”.

Decreti Ristori

Curti (CNA Cinema e Audiovisivi): “Indennizzi anche alle imprese della comunicazione cinematografica!”

In questo rinnovato momento di crisi sanitaria ed economica nazionale, l’emergenza Covid-19 sta avendo nuovamente pesanti ripercussioni sul settore cinematografico a 360°: esercizio, produzione, distribuzione, festival.

A risentirne, però, è anche tutto un mondo parallelo ma indissolubilmente legato all’industria dell’entertainment: editori digitali on-line verticali specializzati in cinema, uffici stampa, agenzie social, di comunicazione, eventi e promozioni specializzate in gestione dei lanci cinematografici. All’improvviso anche questa tipologia di imprese – tra loro eterogenee, ma tutte accomunate da una grande passione per questa industria culturale e indispensabili allo sviluppo della stessa – si è ritrovata senza contenuti da lanciare, senza clienti e senza investimenti pubblicitari, con una situazione di totale blocco che dovrà poi ritrovare una difficilissima normalità quando l’emergenza sarà rientrata. Parliamo di decine di aziende e centinaia di addetti, dipendenti e/o liberi professionisti, a rischio sopravvivenza.

Un pool rappresentativo di questo vasto settore di supporto già a marzo – quando era scoppiata epidemia e la prima chiusura del sistema cinema – aveva deciso di comune accordo di portare all’attenzione del Mibact e del ministero dello Sviluppo economico le proprie esigenze immediate e future, richiedendo tra le altre cose sgravi fiscali per incentivare lo smart working, sospensione dei versamenti tributari, contributivi ed assistenziali e fin da allora possibilità di rientrare nel perimetro di attuazione del Fondo straordinario(art. 89 del Decreto).

“In questa ritrovata emergenza – sottolinea il presidente di CNA Cinema e Audiovisivo, Gianluca Curti –  il governo ha garantito con i Decreti Ristori e Ristori-Bis indennizzi a tutte le attività chiuse a causa delle restrizioni adottate per il contenimento della pandemia, ma purtroppo tutte le aziende in questione, non rientrando nei codici Ateco previsti dai Decreti, non hanno diritto a tale forma di sostegno mentre dovrebbero averlo perché sono equiparabili a tutti gli effetti alle sale cinematografiche. Se il governo chiude le sale cinematografiche di fatto parallelamente chiude il lavoro di aziende che vivono dell’uscita in sala dei film. Chiediamo, di conseguenza, che anche questa tipologia di imprese sia inclusa tra le aziende beneficiarie degli indennizzi indipendentemente dagli eterogenei codici Ateco di riferimento, essendo aziende specializzate verticalmente in un settore, la filiera cinematografica tradizionale, che dal primo lockdown non è mai realmente ripartita e che per le sue peculiarità – conclude Curti – rischia di rimanere sostanzialmente chiusa fino a primavera inoltrata”. 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

She-Hulk: il primo episodio in realtà doveva essere l’ottavo 18 Agosto 2022 - 17:26

Jessica Gao ha rivelato un interessante dettaglio su She-Hulk: il primo episodio della serie era in realtà stato concepito per essere l’ottavo.

Enola Holmes 2 uscirà il 4 novembre, ecco le prime immagini 18 Agosto 2022 - 16:49

Netflix distribuirà il sequel di Enola Holmes a novembre. Entertainment Weekly ha postato le prime foto del sequel

Campionati Mondiali Pokémon 2022: da oggi a Londra 18 Agosto 2022 - 16:00

Sono in corso i Campionati Mondiali Pokémon 2022, a Londra: Pokémon Masters EX e Pokémon UNITE sono sotto i riflettori, con altre novità relative al GCC e a Pokémon Scarlatto e Pokémon Violetto in arrivo.

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?