L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
André Øvredal aggiorna sul sequel di Scary Stories to Tell in The Dark

André Øvredal aggiorna sul sequel di Scary Stories to Tell in The Dark

Di Filippo Magnifico

Come sappiamo, Scary Stories to Tell in the Dark, l’adattamento dei racconti horror per ragazzi scritti da Alvin Schwartz e illustrati da Stephen Gammell, avrà un sequel. Confermato il ritorno di Dan e Kevin Hageman, che scriveranno nuovamente la sceneggiatura, basata su un’idea del produttore Guillermo Del Toro. André Øvredal (Troll Hunter, Autopsy) tornerà invece dietro la macchina da presa, ed è proprio lui ad offrire alcuni aggiornamenti sul progetto.

Abbiamo una nuova storia fantastica e una serie di racconti spaventosi che si inseriscono benissimo, sono molto emozionato per questo sequel. Non si sa ai quello che si può dire su queste cose, ma credo che sia già stato annunciato. Però non posso sbilanciarmi ulteriormente.
Sono impegnato con lo sviluppo del progetto ma non lo sto scrivendo perché di quello che se ne occupano Dan e Kevin. Ma sono coinvolto nello sviluppo questa volta. Lo script originale era stato sviluppato con l’idea di farlo dirigere a Guillermo Del Toro.

Scary Stories to Tell in the Dark

La trama del primo film

Corre l’anno 1968 negli Stati Uniti, e il vento del cambiamento imperversa possente. Sembra lontana dai disordini dei grandi centri urbani la cittadina di Mill Valley, sulla quale, ormai da generazioni, incombe la lunga ombra della famiglia Bellows. È nella loro dimora, situata ai margini della città, che Sarah, una ragazza che cela terribili segreti, ha trasformato la sua travagliata esistenza in una serie di storie spaventose, scritte in un libro che ha travalicato i limiti del tempo. Storie che diventano fin troppo realistiche per un gruppo di giovani che, durante la notte di Halloween, andranno alla scoperta della terrificante casa di Sarah, chiamati a risolvere il mistero che avvolge alcune macabre morti avvenute nella loro cittadina.

Il cast

Nel cast troviamo Zoe Coletti, Austin Abrams (Brad’s Status), Gabriel Rush (Moonrise Kingdom), Michael Garza (Wayward Pines), Austin Zajur (Kidding) e Natalie Ganzhorn (Make it Pop). Con loro Dean Norris, famoso per il ruolo di Hank Schrader in Breaking Bad, Gil Bellows (Patriot, Jett) e Lorraine Toussaint (Orange Is The New Black).

Fonte: ComingSoon.net

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

House of the Dragon: ecco un nuovo spot, il fuoco regnerà! 18 Agosto 2022 - 19:15

Ecco un nuovo spot di House of the Dragon, la serie prequel di Game of Thrones in arrivo il 22 agosto.

The Morning Show: iniziate le riprese della stagione 3 18 Agosto 2022 - 18:54

Sono iniziate le riprese della terza stagione di The Morning Show, la serie Apple TV+ interpretata da Jennifer Aniston e Reese Witherspoon.

Samaritan: lunga intervista col coprotagonista Javon Walton 18 Agosto 2022 - 18:30

Prime Video è intenzionata a mostrarci footage inedito del film con Sylvester Stallone in arrivo il 26 agosto: Samaritan. Per cominciare, ecco l'intervista al suo coprotagonista, Javon Walton.

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?