L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Haunting of Bly Manor: la spiegazione del finale, tra fantasmi e amore

The Haunting of Bly Manor: la spiegazione del finale, tra fantasmi e amore

Di Filippo Magnifico

ATTENZIONE: IL SEGUENTE ARTICOLO CONTIENE SPOILER

The Haunting of Bly Manor (QUI trovate la nostra recensione) è una storia di fantasmi, ma soprattutto è una storia d’amore e questa cosa viene chiarita benissimo nell’ultimo episodio della serie, da poco sbarcata su Netflix.

Bly Manor racconta la storia della ricca famiglia Wingrave, che vive in una tenuta di campagna che, oltre ai dipendenti della famiglia in questione, ospita anche le anime di persone che, negli anni, sono morte o sono state uccise per mano della “Signora del Lago”.

Chi è la Signora del Lago?

Nell’ottavo episodio ci viene raccontata la storia della “Signora del Lago”, lo spirito più pericoloso di Bly.
Era una nobildonna del XVIII secolo di nome Viola, che prima di essere colpita da una dura malattia si sposò ed ebbe anche una figlia.
Durante la sua malattia, fu assistita dalla sorella Perdita, che lentamente si trasformò nella vera signora della casa.
La cosa ovviamente scatenò nel cuore di Viola una profonda gelosia. Una gelosia motivata perché Perdita era in realtà attratta dal marito di Viola e un giorno, stanca del suo ruolo di badante, decise di soffocare a morte la sorella. Non per porre fine alla sua sofferenza ma spinta da un profondo egoismo.
Lo spirito di Viola riuscì in ogni caso a vendicarsi, uccidendo Perdita e infestando Bly alla ricerca di tutto ciò che aveva perduto. Un marito, ma soprattutto una figlia.
Il ricordo della sua famiglia, e anche di se stessa, svanì con il passare degli anni, ciononostante Viola continuò imperterrita a muoversi per Bly, spinta da una sorta di istinto legato alla sua vita terrena.

Il sacrificio di Dani

Nel finale il fantasma di Viola rapisce la piccola Flora per portarla nel lago, convita che si tratti della sua giovane figlia. Ma Dani riesce a salvarla, convincendo Viola ad entrare nel suo corpo. Viola accetta e questo rompe la maledizione che bloccava tutti i fantasmi di Bly, tra cui Quint, Miss Jessel e la governante Hannah Grose, che era sempre stata un fantasma, senza saperlo.

La possessione di Dani

Quando Quint e Miss Jessel possedevano i giovani Wingrave, i loro corpi erano totalmente guidati dai due spiriti.
La cosa è diversa tra Viola e Dani.
Lo spirito della Signora del Lago è entrato nel corpo della giovane ragazza, senza però prendere il sopravvento. Dani però è consapevole del fatto che, un giorno, Viola prenderà il controllo.
Ma per il momento tutto è tranquillo: i piccoli Wingrave si trasferiscono con lo zio negli Stati Uniti, lo chef Owen apre un ristorante dedicato alla memoria di Hannah.
Jamie e Dani possono finalmente vivere il loro sogno d’amore e costruiscono una vita insieme nel Regno Unito.
Ma mentre passano gli anni, Dani sente lo spirito di Viola crescere dentro di sé e una notte, prima che lei possa prendere il controllo e fare del male alla sua amata Jamie, decide di tornare a Bly e si suicida, gettandosi nel lago.

Il matrimonio di Flora

Negli ultimi minuti scopriamo, quindi, che la vecchia donna che ha raccontato la storia è proprio Jamie.
Ma non è tutto, il matrimonio con cui si è aperta la serie è quello di Flora.
Miles, Owen e Henry sono tutti lì.
È passato del tempo, Flora e Miles hanno dimenticato (forse rimosso) gli eventi di Bly e non si rendono conto che la storia che hanno ascoltato è proprio la loro.
Quando Jamie si ritira nella sua camera d’albergo si addormenta su una poltrona.
Nell’ultima inquadratura possiamo vedere la mano di Dani, o per meglio dire del suo spirito, poggiata sulla sua spalla.
Non si sono mai lasciate.

La sinossi ufficiale

L’ideatore Mike Flanagan e il produttore Trevor Macy di The Haunting of Hill House presentano THE HAUNTING OF BLY MANOR, il tanto atteso capitolo della serie antologica ambientato nell’Inghilterra degli anni ’80. Dopo la tragica morte dell’istitutrice, Henry Wingrave (Henry Thomas) assume una giovane bambinaia americana (Victoria Pedretti) per prendersi cura dei nipoti orfani (Amelie Bea Smith e Benjamin Evan Ainsworth) che vivono a Bly Manor con il cuoco Owen (Rahul Kohli), la giardiniera Jamie (Amelia Eve) e la governante, la signora Grose (T’Nia Miller). Ma al castello l’apparenza inganna e secoli di segreti oscuri d’amore e morte stanno per tornare a galla in questa storia gotica da brivido. A Bly Manor, la morte non è per sempre.

Il cast

Victoria Pedretti, la Eleanor Crain di Hill House, è la protagonista. Nel cast anche Oliver Jackson-Cohen, Katherine Parker, Henry Thomas, T’Nia Miller, Rahul Kohli, Amelia Eve, Benjamin Ainsworth e Amelie Smith.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Snake Eyes: domenica il trailer, ecco il poster! 14 Maggio 2021 - 21:01

Il primo trailer di Snake Eyes, lo spin-off di G.I. Joe, farà il suo debutto nel corso degli #MTVAwards, previsti per domenica prossima.

Indiana Jones 5: anche Boyd Holbrook e Shaunette Renée Wilson nel cast 14 Maggio 2021 - 20:45

Altri due volti si aggiungono al sempre crescente cast del quinto capitolo di Indiana Jones, le cui riprese dovrebbero partire in estate

Trying: la seconda stagione arriva su Apple TV+ 14 Maggio 2021 - 20:42

La seconda stagione della serie comica britannica Trying arriva oggi, venerdì 14 maggio, su Apple TV+. Ecco tutto quello che dovete sapere, la trama, il cast, il trailer.

Love, Death & Robots, la seconda stagione 14 Maggio 2021 - 15:49

Sbarca su Netflix la seconda stagione di Love, Death & Robots: pochi robot, un po' di amore, abbastanza morti.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.