L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Spriggan – Visual dell’anime della David Production, in arrivo su Netflix nel 2021

Spriggan – Visual dell’anime della David Production, in arrivo su Netflix nel 2021

Di Marlen Vazzoler

Netflix Japan ha pubblicato online la prima visual di Spriggan, una serie animata basata sull’omonimo manga scritto da Hiroshi Takashige e disegnato da Ryoji Minagawa.

Inoltre ha rivelato lo staff principale composto da: la regia è si Hiroshi Kobayashi (Kiznaiver, Hisone to Maso-tan), la sceneggiatura e la composizione della storia sono affidate a Hiroshi Seko (Vinland Saga, Jujutsu Kaisen, Mob Psycho 100). Il character designer è Shuuhei Handa (Little Witch Academia). Animazioni David Production.

Il manga

Pubblicato su Weekly Shōnen Sunday dal 22 febbraio 1989 al 6 dicembre dello stesso anno, il fumetto ha cambiato in seguito rivista: Shōnen Sunday Zōkan dove è stato pubblicato dal 1992 al 1996. L’opera di 11 volumi è stata pubblicata in Italia da Planet Manga tra il 2000-2001.

La trama (Wikipedia):

Un reperto archeologico è stato ritrovato ed i suoi scopritori sono rimasti tutti uccisi da un’esplosione sconosciuta. Un suicidio in una scuola superiore.
Gli Spriggan sono un gruppo di élite di combattenti dell’Arcam, una multinazionale giapponese che sin dalla fondazione si occupa di ricercare questi reperti e, se necessario, di sigillarli.
Lo Spriggan Yu Ominae, un liceale con doti naturali di combattente fuori dal comune, intraprende un avventuroso viaggio verso il reperto archeologico: l’Arca di Noè citata nella Bibbia. Ad attenderlo agli scavi si trova il professor Mayzel, capo della sezione scientifica dell’Arcam, e la sua assistente Margaret.
Successivamente si scopre che è presente anche un altro Spriggan: Jean Jacquemonde. Le varie peripezie si succedono da un attacco del reparto meccanico dell’esercito americano (nel manga denominato plotone robotico) fino all’attivazione dell’arca che porterà il mondo intero ad una situazione critica.

Il film

Nel 1998 la Toho distribuì nelle sale giapponesi un film, prodotto dallo Studio 4°C, basato sulla storia ‘L’arca di Noè’. Hirotsugu Kawasaki curò lo storyboard e la regia mentre la sceneggiatura era opera di Kawasaki e Yasutaka Itō.
Katsuhiro Otomo supervisionò il progetto mentre Hiroshi Takashige e Ryoji Minagawa hanno assistito il regista durante la produzione. La pellicola incassò $350 milioni in Giappone.
In Italia è uscito per la Dynamic Italia.

Il progetto, annunciato nel marzo del 2019, verrà lanciato in tutto il mondo su Netflix nel 2021.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

WandaVision: la storia del Darkhold nel Marvel Cinematic Universe 7 Marzo 2021 - 20:00

Il Darkhold comparso in WandaVision non è affatto alla sua prima apparizione nel Marvel Cinematic Universe: ecco la sua storia all'interno dell'universo unito!

Nomadland – Uscita a rischio in Cina? 7 Marzo 2021 - 19:24

Chloe Zhao è stata al centro di una polemica di stampo nazionalista in Cina che ha portato a una censura legata al film Nomadland. La pellicola potrebbe rischiare l'uscita nelle sale cinesi

The Falcon and the Winter Soldier – Sam e Bucky sono “colleghi” nel nuovo spot 7 Marzo 2021 - 19:00

La strana coppia di The Falcon and the Winter Soldier cerca una definizione del proprio rapporto nel nuovo spot, ricco di scene inedite.t

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.