L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
High Spook Musical: la recensione di Julie and the Phantoms, da domani su Netflix

High Spook Musical: la recensione di Julie and the Phantoms, da domani su Netflix

Di Lorenzo Pedrazzi

Nel tentativo di variare il più possibile la sua offerta, Netflix si trucca da Disney Channel e trova un suo personale High School Musical in Julie and the Phantoms, remake americano dell’omonima serie brasiliana. La mano di Kenny Ortega, in effetti, influenza pressoché ogni aspetto della produzione, dando luogo a uno show molto diverso dagli altri originali Netflix, anche nel target demografico.

Fantasmi dal passato

La trama di Julie and the Phantoms comincia nel 1995. A Los Angeles, un’ambiziosa band di adolescenti chiamata Sunset Curve sta per esibirsi all’Orpheum, locale molto ambito della città. Tre di loro, però, muoiono per un’intossicazione alimentare dopo aver mangiato un hot dog.

Saltiamo al 2020: Julie (Madison Reyes) è una ragazzina che ha perso la madre, e vive con il padre Ray (Carlos Ponce) e il fratellino Carlos (Sonny Bustamante). Molto dotata per la musica, Julie ha smesso di suonare e cantare dopo la morte della mamma. Un giorno, tra le sue cose trova un cd dei Sunset Curve. Non appena comincia ad ascoltarlo, davanti a lei appaiono i tre ragazzi deceduti nel ’95: Luke (Charlie Gillespie), Alex (Owen Joyner) e Reggie (Jeremy Shada). Sono fantasmi, e Julie è l’unica in grado di vederli.

Ancora profondamente legati alla loro musica, Luke, Alex e Reggie diventano visibili al resto del mondo solo quando suonano. Notano subito il talento di Julie, e le propongono di unirsi al gruppo. Con l’aiuto della sua migliore amica Flynn (Jadah Marie), la giovane musicista e i tre fantasmi inseguono i loro sogni di successo, ma forze esterne minacciano di dividerli…

High Spook Musical

Come si diceva all’inizio, è inevitabile pensare ai prodotti targati Disney Channel di fronte a una serie come Julie and the Phantoms. Il co-regista Kenny Ortega porta in dote un codice visivo molto specifico, fatto di colori brillanti e caramellosi, abiti sgargianti e poco realistici, votati a una stilizzazione estetica che coinvolge anche le ambientazioni. Stesso discorso per il linguaggio: l’umorismo innocuo e il melodramma si alternano con naturalezza, in una storia formativa che guarda soprattutto al pubblico pre-adolescente. Non a caso, l’impostazione dei personaggi rievoca il classico immaginario delle teen-comedy, con tanto di ape regina nel ruolo di antagonista (la Carrie di Savannah Lee May) e un corteo di mean girls alle sue spalle.

La musica è ovviamente centrale. Ogni episodio – della durata di circa 30 minuti – comprende almeno un paio di esibizioni canore: i brani sono gradevoli, spesso finalizzati a esaltare l’empowerment del singolo, fedele a un individualismo tipicamente americano che asseconda la retorica dei social network. Canzoni che puntano un po’ troppo a farsi “inno”, dove le performance giocano molto sul crescendo emotivo e sull’intesa tra Julie e Luke. In generale, le esibizioni funzionano meglio quando abbracciano in pieno il lato surreale del musical, svolgendosi sul piano del desiderio o della fantasia.

Tutto torna, o quasi

Al di là di questo, Julie and the Phantoms ha certamente il merito di raccontare una storia compatta, in grado di guadagnarsi progressivamente l’affetto per i personaggi. Talvolta riesce a sfiorare le giuste corde emotive (come nella toccante Unsaid Emily), in altri casi risulta stucchevole, ma senza mai oltrepassare i limiti. Non convince del tutto la costruzione del mondo spettrale, governato da regole poco chiare: è fin troppo palese che gli sceneggiatori abbiano voluto agevolare certi passaggi narrativi, senza dare molte spiegazioni su alcuni eventi cruciali.

Peccato anche per la timidezza con cui viene messa in scena la potenziale liaison omosessuale tra Alex e un altro fantasma, Willie, interpretato da Booboo Stewart. Netflix è solitamente più coraggiosa nella rappresentazione LGBTQ+, mentre stavolta l’eredità di Kenny Ortega potrebbe aver pesato sull’esito finale. Comunque, l’epilogo lascia aperta la porta per un’altra stagione: vedremo se la piattaforma on-line deciderà di continuare.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

It’a A Sin – Recensione della imperdibile serie LGBTQIA+ inglese divenuta già un cult 12 Giugno 2021 - 20:00

It's a Sin stupisce continuamente e rende di nuovo attuale una pagina di storia troppo raramente ricordata: ecco la nostra recensione della imperdibile (non solo per gli appartenenti al mondo LGBT+) serie inglese!

Loki – Una featurette dedicata al personaggio di Gugu Mbatha-Raw 12 Giugno 2021 - 19:00

La giudice Ravonna Renslayer di Gugu Mbatha-Raw è al centro di una nuova featurette di Loki, i cui episodi escono ogni mercoledì su Disney+.

Tom & Jerry: la nuova serie animata a luglio su HBO Max 12 Giugno 2021 - 18:00

Dopo il nuovo film diretto da Tim Story, Tom & Jerry sono pronti per tornare sul piccolo schermo con una nuova serie animata.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.