L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
TENET: Tutto ciò che bisogna sapere prima della visione

TENET: Tutto ciò che bisogna sapere prima della visione

Di Andrea Suatoni

TENET: LA NOSTRA RECENSIONE DEL NUOVO FILM DI NOLAN!

Arriva oggi finalmente al cinema Tenet, ultima fatica di Christopher Nolan che non solo regala ai fan del visionario regista un nuovo capolavoro, ma in concomitanza con la riapertura delle sale dopo l’emergenza dovuta all’epidemia di Covid-19 assume anche un altissimo valore sociale.

Noi di Screenweek abbiamo avuto la fortuna di vedere Tenet in anteprima, ed evitando accuratamente ogni minimo spoiler (che esuli dai trailer e dalla promozione del film) abbiamo approntato una piccola “guida” per lo spettatore: sia che vogliate arrivare preparati alla visione o che abbiate già visto Tenet e siate giunti fin qui in cerca di un approfondimento, ecco una serie di interessanti curiosità e retroscena riguardanti il film!

IL CAST

In veste del protagonista (il cui nome non viene mai rivelato) di Tenet troviamo John David Washington, attore ancora poco conosciuto a livello internazionale ma apprezzatissimo per il suo ruolo in BlacKkKlansman di Spike Lee (che gli valse la nomination al Golden Globe nel 2019). La protagonista femminile, Kat, è invece interpretata da Elizabeth Debicki, che abbiamo conosciuto in versione “pure gold” (nelle vesti di Ayesha) in Guardiani della Galassia 2 e che vedremo nelle ultime stagioni di The Crown su Netflix nelle vesti della principessa Diana.
Completano il cast una serie di nomi che non hanno bisogno di presentazioni: Kenneth Branagh, nel ruolo del pericoloso Andrei Sator, Robert Pattinson in veste di un agente segreto alleato del protagonista, Aaron Taylor-Johnson nel ruolo del leader di una particolare squadra militare e infine Michael Kaine, che interviene solamente in una breve scena.

IL QUADRATO DEL SATOR

Il titolo del film, TENET, è parte di un antico mistero archeologico che abbiamo affrontato al tempo in cui pensando al film di Nolan non potevamo far altro che pontificare fantasiose teorie: vi rimandiamo al nostro speciale sull’argomento (cliccate QUI) per un approfondimento che col senno di poi si è rivelato azzeccato e che chiarisce uno degli aspetti che la pellicola evita di affrontare, ovvero le origini del termine palindromo che definisce il titolo del film.

LA SCIENZA DI TENET

Pur sconfinando fortemente nella fantascienza, il film di Nolan si fonda primariamente su presupposti puramente scientifici. Come ad esempio il famoso “Paradosso del Nonno”, per il quale – essendo appunto un paradosso – non esiste soluzione: se potendo viaggiare indietro nel tempo uccidessimo nostro nonno evitando la nascita di nostro padre e quindi la nostra, cesseremmo di esistere? Ma se venissimo così cancellati dalla “storia”, allora non esisterebbe la persona che ha ucciso nostro nonno, ovvero noi… quindi noi conseguentemente esisteremmo ancora.
Viene citata anche la teoria dell’elettrone universale di Feynman e Wheeler: secondo tale postulato scientifico, la risposta al mistero per cui tutti gli elettroni di cui è composto l’universo hanno uguale massa e uguale carica è che… si tratta di un unico, singolo elettrone, in perenne stato di viaggio nel tempo e quindi presente ovunque nello stesso momento.
Infine, inseriamo in questa sede anche un chiarimento su un cenno storico cui il film fa riferimento, ovvero il “Progetto Manhattan”: si tratta di un programma di ricerca e sviluppo condotto durante la Seconda Guerra Mondiale negli Stati Uniti e che portò alla creazione delle prime bombe atomiche.

Tenet

CAPIRE IL FILM

Sicuramente Tenet è un titolo che impegna moltissimo la mente dello spettatore: non una novità per gli estimatori dei film di Nolan, ma in effetti nulla di più complicato di quanto possiamo aver “testato” con pellicole come Inception o Memento.
Tenet non è affatto avaro di spiegazioni e cerca di fare luce su tutti i punti oscuri della trama e delle dinamiche fantascientifiche che affronta, e seppure talvolta i paroloni usati dai protagonisti procurino un (voluto, non fatevi ingannare) effetto estraniante, è in realtà molto semplice riuscire a comprendere ciò che accade sullo schermo, soprattutto nel finale che, come – ancora – da tradizione classica Nolan, solleva un velo che restituisce una chiave di lettura semplificata alla pellicola.

 

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il padre della sposa: in arrivo un remake incentrato su una famiglia cubana 24 Settembre 2020 - 19:20

Warner Bros. prepara una nuova versione della storia scritta da Matt Lopez

Il padre della sposa 3: il teaser dello speciale Netflix con la reunion del cast 24 Settembre 2020 - 18:35

Tutto il cast dei due film originali tornerà per beneficenza, compresi Steve Martin e Diane Keaton

Locarno: Lili Hinstin lascia la direzione artistica del festival 24 Settembre 2020 - 18:00

Dopo soli due anni, il Locarno Film Festival ha perso il suo attuale direttore artistico per "divergenze strategiche"

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.