L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Old Guard rilegge il cinema d’azione ai tempi della woke culture

The Old Guard rilegge il cinema d’azione ai tempi della woke culture

Di Lorenzo Pedrazzi

Con i grandi titoli rinviati ai prossimi mesi, The Old Guard occupa l’inattesa posizione di unico blockbuster estivo del 2020, nonché uno dei pochi cinecomic a trovare la via del pubblico nell’arco di quest’anno funesto. Ruolo bizzarro per un film prodotto in sordina, e che rischiava di perdersi nel mare magnum di Netflix tra innumerevoli action e sci-fi di bassa lega. Certo, in questo caso abbiamo la luce di Charlize Theron a guidare la compagnia, mentre una solida base narrativa è garantita dal fumetto di Greg Rucka (testi) e Leandro Fernandez (disegni), con il primo coinvolto in veste di sceneggiatore: due fattori decisamente superiori alla media, almeno tra i film originali della piattaforma on-line.

Un cinecomic, quindi, ma lontano dai modelli supereroistici di Marvel e DC. The Old Guard guarda soprattutto agli esponenti dell’azione e dello spionaggio contemporanei, come John Wick e Mission: Impossible, calando le imprese dei suoi guerrieri immortali in contesti “realistici”. Sì, perché la trama ruota attorno a un gruppo di mercenari che vivono in eterno, e risorgono istantaneamente quando vengono uccisi: la più antica è Andromaca di Scizia (Theron), leader della squadra, indurita da mille battaglie e disillusa da un mondo in cui non crede più. Nicolò da Genova (Luca Marinelli) è invece un crociato che vive una relazione centenaria con un vecchio avversario, Yusuf Al-Kaysani (Marwan Kenzari), a dimostrazione di quanto l’amore superi l’odio religioso. Sebastian le Livre (Matthias Schoenaerts) è un ex soldato napoleonico, incupito dal lutto e dalla solitudine. Alla squadra si aggiunge la marine Nile Freeman (Kiki Layne), morta sul campo e tornata in vita subito dopo. Nile non ha nemmeno il tempo di adattarsi all’idea di essere immortale, che un ex agente della CIA (Chiwetel Ejiofor) e il CEO di una multinazionale farmaceutica (Harry Melling) danno loro la caccia per scoprire il segreto della vita eterna.

Quella che segue è un’avventura dall’impianto tradizionale, con sorprese modeste ma coerenti, e una successione dei fatti che premia la linearità. Ogni personaggio ha le sue motivazioni (tendenzialmente elementari e stereotipate), e reagisce agli eventi in accordo alle sue esperienze passate, come si addice a una sceneggiatura pulita e un po’ scolastica. Stesso discorso per le scene di combattimento: Gina Prince-Bythewood – alla sua prima esperienza nel cinema d’azione dopo due drammi e una commedia – le gira con professionalità, dando respiro e valore alle buone coreografie di Danny Hernandez, che citano il “gun-fu” di John Wick. Insomma, un action onesto e godibile, dove la consueta bravura di Charlize Theron spazia dall’impegno atletico alle sfumature emotive.

Il suo limite principale, se mai, è di svolgere una funzione quasi esclusivamente “introduttiva”, come il lungo pilota di una serie tv: gli antagonisti sono soltanto una flebile scusa per innescare l’azione, mentre gli accenni al passato di Andromaca, ai commilitoni perduti e alla sua visione del mondo sono gettati lì per caso. È fin troppo chiaro che The Old Guard punta alla serialità (Rucka ha concepito l’adattamento come una trilogia), e certi dettagli servono solo a preparare il terreno per i sequel.

Ciò che più colpisce, allora, è l’attenzione che il film riserva al presente per immaginare un altro modo di fare cinema action. The Old Guard rovescia infatti i rapporti di forza in seno a questo genere, storicamente dominato dal “maschio bianco etero”, ovvero l’antagonista sociale della contemporaneità. Qui, gli appartenenti a quella categoria sono tutti villain o traditori, mentre la protagonista è una donna (forse lesbica o quantomeno bisessuale, anche se non viene detto chiaramente), e la sua “erede” è una ragazza afroamericana. Nera è anche la regista Prince-Bythewood, e fa piacere che abbia avuto un’altra opportunità nei cinecomic dopo il tramonto di Silver and Black.

L’apice è però rappresentato da Nicky e Joe, raro caso di personaggi maschili gay cui viene riservato un ruolo guerresco: non è poco, in un genere che ha sempre celebrato il machismo più tradizionale. I due ex avversari sono inoltre al centro di una delle dichiarazioni romantiche più belle degli ultimi anni, stravolgendo il topos secondo cui i legami tra commilitoni sono sempre e solo di solidarietà virile. The Old Guard, peraltro, non fa niente di tutto questo in modo cattedratico: la sua lealtà verso la woke culture è pienamente assimilata nei meccanismi del racconto e nella caratterizzazione dei personaggi, senza bisogno di proclami didascalici o lezioncine saccenti. E, rispetto ad altri film della medesima “scuola” (pensiamo al recente Birds of Prey), copre un ventaglio ancora più ampio di rappresentazione etnico-sessuale. Senza forzature, con naturalezza, segno che la strada è ormai tracciata: vedremo in quanti saranno capaci di seguirla.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The New Mutants – I giovani mutanti e Demon Bear nel nuovo spot 9 Agosto 2020 - 21:00

I giovani eroi di The New Mutants devono affrontare Demon Bear nel nuovo spot del cinecomic, in uscita il 2 settembre nelle sale italiane.

Anche Brie Larson sta giocando alla beta di Marvel’s Avengers 9 Agosto 2020 - 19:00

Di recente abbiamo scoperto che Brie Larson - alias Capitan Marvel - è una videogiocatrice, e ora sta giocando alla beta di Marvel's Avengers.

The Walking Dead: prime foto dal finale della stagione 10 9 Agosto 2020 - 17:00

Daryl e Negan contro Beta e i Sussurratori nelle immagini di A Certain Doom, il finale di The Walking Dead 10 in arrivo a ottobre

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.