L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Anna Faris ci ricorda che Scary Movie compie 20 anni

Anna Faris ci ricorda che Scary Movie compie 20 anni

Di Lorenzo Pedrazzi

Se non fosse stato per Anna Faris, probabilmente nessuno di noi si sarebbe ricordato che Scary Movie compie vent’anni: il film uscì il 7 luglio 2000 nelle sale americane, generando un franchise che conta ben cinque capitoli. Fu prodotto con un budget di 19 milioni di dollari, e ne incassò 278 in tutto il mondo.

Non è certo il classico film di cui si celebra l’anniversario, eppure Scary Movie occupa un posto significativo nella cultura pop degli anni Duemila. In quanto parodia “ufficiale” di Scream (è stato prodotto dalla stessa Dimension, studio che ha segnato nel bene e nel male il cinema horror degli anni Novanta), la commedia di Keenen Ivory Wayans ha permesso agli spettatori di dissacrare la saga horror più iconica di quegli anni, agevolando un processo di elaborazione che è fondamentale per il pubblico.

Da un lato, Scary Movie parodia Scream con precisione ossessiva, quasi inquadratura per inquadratura, dando voce alla goliardia conviviale che spesso accompagna questi horror: vedere Scary Movie equivale a guardare il cult di Wes Craven con un gruppo di amici sfacciati e chiassosi, esperienza tipicamente connessa agli slasher; non a caso, nello stesso Scream c’è proprio una scena in cui Randy e altri amici guardano Halloween tutti insieme, con birre, pop-corn e commenti lascivi su Jamie Lee Curtis. La fruizione collettiva diviene globale.

Dall’altro lato, Keenen Ivory Wayans e i suoi sceneggiatori – tra cui i fratelli Shawn e Marlon – ci frullano dentro tutto il ciarpame mediatico dell’epoca, al punto che rivedere il film oggi equivale a salire su una macchina del tempo. In quanti ricordano che tra il 1999 e il 2000 ci divertivamo come cretini a dire “Whassuuuuup?”, imitando la campagna della birra Budweiser? O che Dawson’s Creek era il riferimento esistenziale di molti adolescenti? Scary Movie condivide lo stesso immaginario del suo pubblico, lo rielabora e ne celebra il culto, dimostrando quanto la televisione – e non ancora internet – governasse le nostre coscienze prima della rivoluzione social. Di fatto, si creavano dei meme ante litteram, diffusi a voce piuttosto che in rete.

Sul piano strettamente cinematografico, Scary Movie rilancia quel tipo di parodia demenziale che era andata scemando dopo il terzo capitolo di Una pallottola spuntata, resa celebre dai vari Jerry Zucker, David Zucker e Jim Abrahams (non è un caso che, nel terzo e quarto capitolo, sia stato proprio David a prendere le redini della saga). Di quel retaggio, i fratelli Wayans recuperano la commistione di riferimenti cinematografici – o micro parodie – innestati in una trama principale, o macro parodia. In tal caso la macro parodia è Scream, ma dentro c’è un po’ di tutto: da So cosa hai fatto a Matrix, da Il sesto senso a The Blair Witch Project, da Shining a I soliti sospetti.

Cambia però l’identità etnico-culturale degli autori, ed è qui che Scary Movie si fa innovativo: i fratelli Wayans, di fatto, si prendono gioco del cinema dei bianchi che domina il box office. In quanto afroamericani, possono permettersi sferzate comiche che ai bianchi (oggi) non sono concesse, come il trailer di Amistad II o certi riferimenti linguistico-culturali nei personaggi di Shorty, Brenda e Ray. Ne deriva un film che, nell’industria hollywoodiana, precorre i tempi di quasi vent’anni: diventa infatti il più grande incasso diretto da un regista afroamericano, superato solo nel 2005 da I Fantastici 4 di Tim Story.

Tutto questo senza mai autocensurarsi, sparando a zero su tutto e tutti, in barba al politicamente corretto. A tratti può infastidire, talvolta persino disgustare, ma si ride di gusto: e allora, buon compleanno.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Terminator: Production I.G realizzerà una serie animata per Netflix 26 Febbraio 2021 - 22:35

Il CEO di Production I.G rivela di aver chiesto consiglio a Mamoru Oshii. Il progetto è ancora nelle primissime fasi di sviluppo.

George Clooney e Julia Roberts di nuovo insieme in Ticket to Paradise 26 Febbraio 2021 - 20:45

Le due star interpreteranno una coppia divorziata in viaggio verso Bali per impedire alla figlia di commettere il loro stesso errore

Wandavision: La spiegazione della scena dopo i titoli di coda dell’episodio 8 26 Febbraio 2021 - 20:05

Anche nell'episodio 8 di WandaVision è presente una scena dopo i titoli di coda: ecco i possibili significati nascosti che potrebbe contenere!

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.