L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Morto Alan Parker, regista di Evita e The Commitments

Morto Alan Parker, regista di Evita e The Commitments

Di Marco Triolo

Alan Parker, il leggendario regista di Fuga di mezzanotte, Evita e The Commitments, si è spento dopo una lunga malattia. Lo ha rivelato il British Film Institute. Parker aveva 76 anni e dal 2003, anno dell’uscita di The Life of David Gale, non aveva più diretto un film.

Nato a Islington, Londra, il 14 febbraio 1944, Alan Parker iniziò la sua carriera come copywriter, ma presto passò a scrivere e dirigere spot pubblicitari. Insieme ad altri grandi registi inglesi come Ridley Scott e Adrian Lyne rivoluzionò il linguaggio della pubblicità applicandovi l’estetica del cinema.

Parker esordì al lungometraggio con il film per la TV The Evacuees, prodotto da BBC nel 1975. Il suo primo film per il cinema fu invece Piccoli gangsters. Il successivo Fuga di mezzanotte (1978) fu un enorme successo e ottenne anche due Oscar, per la sceneggiatura di Oliver Stone e le musiche di Giorgio Moroder. Nel 1980, Parker diresse un altro cult, Saranno famosi, premiato ancora una volta con due Oscar (per le musiche di Michael Gore e la miglior canzone).

Una carriera all’insegna della musica, e non solo

Il rapporto di Alan Parker con la musica sarebbe proseguito in una serie di progetti entrati nella leggenda: da Pink Floyd: The Wall, adattamento dell’opera rock scritta dalla band di Roger Waters, a The Commitments e fino a Evita (vincitore dell’Oscar alla miglior canzone, You Must Love Me di Andrew Lloyd Webber e Tim Rice). Tra gli altri suoi titoli più celebri citiamo Birdy – Le ali della libertà, con Nicolas Cage e Matthew Modine, vincitore del Gran Premio della Giuria a Cannes. Angel Heart – Ascensore per l’inferno, celebre anche per aver dato origine a una faida tra Robert De Niro e Mickey Rourke riemersa di recente. E infine Mississippi Burning – Le radici dell’odio, film sulla lotta al Ku Klux Klan interpretato da Gene Hackman e Willem Dafoe, candidato a sette premi Oscar (vinse solo quello alla miglior fotografia).

Dal suo ritiro, Alan Parker si era dedicato alla pittura e alle serigrafie. È stato inoltre un grande sostenitore dell’industria cinematografica britannica, come membro fondatore del Directors Guild of Great Britain, presidente del consiglio di amministrazione dello UK Film Council e, prima ancora, del British Film Institute.

Fonte: Deadline

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Avatar scompare da Disney+… perché sta per tornare al cinema? 19 Agosto 2022 - 15:00

Avatar non è più disponibile su Disney+. È stato rimosso dal catalogo in tutto il mondo, senza alcuna comunicazione.

La serie di Cuphead: i nuovi episodi arrivano su Netflix, ecco una clip 19 Agosto 2022 - 14:15

Torna su Netflix la serie animata ispirata al video game Cuphead, ecco una clip con la Baronessa Bon Bon.

MonsterVerse: Mari Yamamoto da Pachinko alla serie su Godzilla 19 Agosto 2022 - 13:30

La star di Pachinko è entrata nel cast della serie Apple ambientata nel MonsterVerse di Godzilla e Kong

House of the Dragon, la recensione: benvenuti al Dallas di Westeros 19 Agosto 2022 - 9:01

Le nostre impressioni (senza spoiler) sui primi sei episodi di House of the Dragon, il prequel di Game of Thrones.

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.