L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Earwig e la strega – Goro Miyazaki “Non ho mai consultato la vecchia guardia”

Earwig e la strega – Goro Miyazaki “Non ho mai consultato la vecchia guardia”

Di Marlen Vazzoler

GUARDA ANCHE: Earwig e la strega – Poster e immagini del film Ghibli di Goro Miyazaki

Nel corso della conferenza tenutasi martedì 18 luglio per la mostra dedicata al Ghibli Park all’Aichi Prefectural Museum of Art di Nagoya, Goro Miyazaki ha parlato del primo film 3DCG dello Studio Ghibli, Earwig e la strega.
Parlando della sua realizzazione ha spiegato:

“Ero l’unico tra i membri dello [studio] Ghibli a conoscere questo metodo creativo, quindi sono stato in grado di portare avanti il ​​progetto senza consultare nessuno. Hayao Miyazaki mi ha detto di andare avanti e il produttore Toshio Suzuki mi ha incoraggiato, dicendomi che sembrava una buona idea.

Ma dopo questo, sono stato lasciato a me stesso. In pratica ero l’unico maestro a bordo. Così ho creato il film con uno staff giovane e non ho mai consultato la vecchia guardia.”

Di Aya ha detto:

“Aya è una protagonista che non è stata ancora rappresentata dallo [studio] Ghibli. È una bambina forte che fa di tutto per vivere come desidera. È sottoposta a una pressione schiacciante e attraversa molte difficoltà pur rimanendo positiva”.

La sinossi:

Gli orfanotrofi sono posti orribili. Ma Earwig adora il St. Morwaid perché, da quando è stata lasciata ancora in fasce all’ingresso dell’istituto, tutti fanno esattamente quello che vuole. Le cose cambiano il giorno in cui una coppia un po’ inquietante (che si sforza di apparire normale) decide di adottare proprio lei.

Earwig viene così catapultata nella misteriosa abitazione di Bella Yaga e Mandragora, tra stanze segrete, pozioni e libri di magia, e non ci metterà molto a scoprire che la sua nuova “mamma” è una strega, con tutte le conseguenze che ne derivano! Ma grazie alla sua intelligenza e al prezioso aiuto di Thomas, un gatto parlante, Earwig troverà il modo di farsi rispettare. Una piccola storia di grande coraggio, che insegna a non abbattersi mai, nemmeno quando tutto sembra prendere la piega sbagliata.

Aya to Mano, della durata di 82 minuti, andrà in onda sull’emittente NHK General questo inverno. Il film è basato sul romanzo di Diana Wynne Jones (Il castello errante di Howl).

Hayao Miyazaki, padre di Goro e co-fondatore dello studio Ghibli, ha collaborato al film sia nella pianificazione che nello sviluppo. Il co-fondatore Toshio Suzuki invece è il produttore.

La pellicola fa parte della selezione ufficiale di Cannes 2020.

Fonte Chunichi

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Asterix: Alain Chabat dirigerà una serie animata in 3D per Netflix 2 Marzo 2021 - 22:17

Alain Chabat, il regista del film Asterix e Obelix - Missione Cleopatra, dirigerà una serie animata in 3D per Netflix dedicata al piccolo Gallo, basata su Asterix e il duello dei capi

Soul: il film Pixar dal 31 marzo in Blu-Ray e DVD 2 Marzo 2021 - 21:45

Soul sarà disponibile in Blu-Ray, DVD e sulle piattaforme digitali a partire dal 31 marzo. Ecco tutti i dettagli sui contenuti extra.

Roar: Nicole Kidman, Cynthia Erivo e Alison Brie nella serie Apple delle creatrici di GLOW 2 Marzo 2021 - 21:00

Creata da Liz Flahive e Carly Mensch, la serie è basata su una raccolta di racconti di Cecelia Ahern

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.