L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Razzismo a Hollywood: ecco perché Selma fu tagliato fuori dagli Oscar

Razzismo a Hollywood: ecco perché Selma fu tagliato fuori dagli Oscar

Di Marco Triolo

In questi giorni il tema del razzismo in America è all’ordine del giorno, in seguito all’uccisione di George Floyd che ha scatenato proteste in tutto il Paese. David Oyelowo, star di Selma, ne ha approfittato per rivangare un episodio, confermato dalla regista Ava DuVernay, che ha dell’incredibile.

Selma racconta un episodio nella vita di Martin Luther King (Oyelowo), una marcia pacifica per sollevare la questione dei diritti civili degli afroamericani. Il film fu acclamato dalla critica in patria, ma ricevette sorprendentemente solo due nomination agli Oscar: miglior film e miglior canzone (Glory di Common e John Legend, che vinse). Oyelowo ha ora spiegato perché Selma non venne candidato in nessun’altra categoria importante, nonostante la nomination come miglior film.

Parlando con Screen International, l’attore ha raccontato che il cast e la troupe di Selma decisero di indossare magliette con lo slogan “I Can’t Breathe” dopo l’uccisione di Eric Garner, avvenuta a New York nel 2014. Un caso tragicamente simile a quello di George Floyd: anche Garner fu schiacciato a terra e soffocò. Per questo lo slogan usato era lo stesso che appare in questi giorni sui cartelli dei dimostranti in tante città americane.

Questo gesto diede fastidio ai membri dell’Academy, che accusarono cast e troupe di “sollevare polemiche” gratuite. Secondo Oyelowo, l’Academy decise che “non spettava a loro farlo” e che per questo il film non avrebbe dovuto essere supportato. Ava DuVernay ha confermato la storia su Twitter:

Da allora, l’Academy ha lavorato incessantemente per diversificare il proprio corpo iscritti. La vittoria di film come Moonlight e Parasite è un segnale forte. Ma episodi come questo dimostrano che c’è ancora molto lavoro da fare.

Fonte: Collider

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

No Time to Die: arriva il podcast ufficiale di James Bond 28 Settembre 2020 - 15:42

No Time To Die arriverà nelle nostre sale il 13 novembre, nell’attesa è stato annunciato l’arrivo del Podcast ufficiale di James Bond.

The Boys – Starlight è nei guai nel promo dell’episodio 2×07 28 Settembre 2020 - 14:15

Il tradimento di Starlight è stato scoperto nel promo di The Boys 2x07, intitolato Butcher, Baker, Candlestick Maker, su Amazon Prime Video da venerdì prossimo.

The Haunting of Bly Manor: fantasmi nascosti nei nuovi poster del sequel di Hill House 28 Settembre 2020 - 13:15

Netflix ha diffuso alcuni nuovi poster dedicati ai protagonisti del sequel di The Haunting of Hill House, intitolato The Haunting of Bly Manor.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.