L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Sam Mendes propone degli aiuti per i teatri e chiede il coinvolgimento delle piattaforme

Sam Mendes propone degli aiuti per i teatri e chiede il coinvolgimento delle piattaforme

Di Marlen Vazzoler

In un editoriale pubblicato sul Financial Times, il regista Sam Mendes (1917) ha scritto che la pandemia del coronavirus ha presentato:

“La più grande sfida della vita culturale britannica sin dallo scoppio della seconda guerre mondiale”,

ed ha aggiunto che il teatro e l’intrattenimento dal vivo si trovano in grave pericolo.

I teatri del Regno Unito, tra cui quelli del Southampton, Southport e Leicester, stanno già fallendo mentre altri sono sull’orlo delle consultazioni in materia di licenziamenti, con la maggior parte del loro staff.

Il teatro dal vivo solo nel 2018 ha raccolto 34 milioni di spettatori, e spiega Mendes è stato:

“Essenziale per l’industria cinematografica e televisiva multimiliardaria del Regno Unito lanciando la carriera di letteralmente migliaia di attori, scrittori, produttori e registi”, tra cui lo stesso filmaker.

Altri settori sono stati in grado di riaprire mantenendo la distanza sociale, me i cinema e le performance dal vivo:

“Con una performance al giorno e posti vendibili ridotti in media dell’80%, semplicemente non riescono a rimanere a galla” ha continuato Mendes.

Le proposte di Mendes

Mendes ha così proposto un pacchetto di misure per aiutare a salvare il settore:

  • Innanzitutto, la forza lavoro deve essere sostenuta.

    “È necessario proseguire lo schema di conservazione del lavoro per il personale fidelizzato e deve essere creato un pacchetto che supporti l’esercito di liberi professionisti e artisti autonomi che creano gran parte dell’opera stessa”.

  • Deve essere adattato il regime di sgravi fiscali per il teastro:

    “Chiediamo che l’aliquota dello sgravio fiscale venga aumentata dal 20% al 50% per i prossimi tre anni, e che si applichi ai costi di gestione correnti della produzione e al rimontaggio delle produzioni sospese”.

  • In terzo luogo, i privati che investono in produzioni, noti come gli “Angeli teatrali”, dovrebbero essere in grado di

    “Compensare le perdite di produzione rispetto ai profitti della pr

    oduzione, un semplice sgravio attualmente non possibile ai sensi della legislazione fiscale esistente”.

  • In quarto luogo, dovrebbe essere istituito un sistema di partecipazione agli investimenti culturali. Il governo verrebbe trattato come un “Angelo”, usando

    “La stessa formula per restituire gli investimenti e condividere gli utili degli spettacoli di successo, una volta che tali spettacoli avranno recuperato i loro costi iniziali”.

I servizi streaming e la quarantena

  • Infine ha fatto appello ai servizi di streaming per contribuire finanziariamente al settore teatrale. Ha spiegato:

    “Mentre un’enorme percentuale di lavoratori ha sofferto negli ultimi tre mesi, ci sono anche molti (sussurralo) che si sono arricchiti con il Covid-19. Sarebbe profondamente ironico se i servizi di streaming – Netflix, Amazon Prime etc. – dovessero fare milioni con la quarantena dei nostri migliori attori talenti nella recitazione, produzione, scrittura e regia, mentre alla stessa cultura artistica che ha alimentato quel pool di talenti è permesso morire.

    C’è qualcuno tra queste persone disposto a usare una frazione della loro manna da Covid-19 per aiutare coloro che sono stati feriti a morte? In tal caso, spero che stia leggendo questo e che sia in grado di pensare al panorama artistico come qualcosa di più di un semplice “fornitore di contenuti”, ma piuttosto a un ecosistema che ci supporta tutti”.

Fonte Financial Times

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Scream 5: tre membri della troupe positivi al Covid-19 26 Settembre 2020 - 18:00

La produzione non si fermerà, mentre i tre positivi verranno messi in quarantena

The Boys – Homelander vuole una famiglia nel promo dell’episodio 2×07 26 Settembre 2020 - 17:00

È disponibile un primo, breve spot di The Boys 2x07, in cui Homelander presenta Stormfront a suo figlio e annuncia che vuole una famiglia.

In attesa di Fast & Furious, ecco “Feel Like I Do”, la nuova canzone di Vin Diesel 26 Settembre 2020 - 16:00

Vin Diesel ha deciso di dedicarsi alla musica e inciso in collaborazione con il Dj norvegese Kygo un brano, intitolato “Feel Like I Do”.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.