L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L’Assistente della Star e le “sfumature musicali” di Dakota Johnson, la recensione

L’Assistente della Star e le “sfumature musicali” di Dakota Johnson, la recensione

Di Filippo Magnifico

Nel corso della sua carriera, la cantante Grace Davis è riuscita a portare il suo talento e la sua ambizione alle stelle. Questo grazie anche all’indispensabile aiuto di Maggie, la sua assistente personale che non ha mai rinunciato al suo sogno di bambina: diventare una produttrice musicale.
Quando il manager di Grace (Ice Cube) le presenta un’opportunità che potrebbe dare una svolta alla sua carriera, lei e Maggie escogitano un piano che potrebbe cambiare per sempre le loro vite.

Dalla Black List al grande schermo

La storia de L’Assistente della Star (titolo originale The High Note) inizia nel lontano – ma non troppo – 2018, con una sceneggiatura scritta dall’esordiente Flora Greeson, intitolata Covers e finita nella Black List.
Per chi non lo sapesse, la cosiddetta Black List è una lista che ogni anno viene resa pubblica e raccoglie le migliori sceneggiature che, per un motivo o per l’altro non sono riuscite a diventare un film.
Alcune di loro non raggiungono mai quel traguardo, altre ci riescono ed è questo il caso, appunto, de L’Assistente della Star, che durante il suo percorso ha però cambiato titolo.
Dietro la macchina da presa troviamo Nisha Ganatra, già regista dell’ottimo E poi c’è Katherine, arrivato nelle nostre sale appena un anno fa. Il cast è invece guidato da Dakota Johnson e Tracee Ellis Ross, alle prese con dei ruoli che, come si suol dire, calzano a pennello.

The High Note

La trama, per certi versi, si può accostare a quella di E poi c’è Katherine.
Ci sono infatti alcune tematiche comuni: anche in questo caso abbiamo una giovane ragazza (la Johnson) pronta a dimostrare il suo valore, alle prese con un “boss” (la Ross), che sembra aver raggiunto ormai l’apice della sua carriera e ha bisogno di un cambiamento.
Il tutto trasportato in un ambiente che affronta un altro lato del mondo dello spettacolo. Niente televisione, insomma, a farla da padrone in questo caso c’è il mondo della musica e tutte le sue dinamiche.
Da questo punto di vista il film riesce a fare il suo dovere, ci offre una storia che parla di sogni, speranza, amore, senza però andare oltre, senza scavare fino in fondo e limitandosi a toccare in punta di piedi lo show business e la sua superficie patinata.
Non è un male, sia chiaro, ma non si può fare a meno di notare che alcune tematiche semplicemente accennate – come ad esempio il ruolo della donna nel mondo della musica – sarebbero state in grado di donare al film un ulteriore spessore se affrontate in maniera più approfondita.

Una pellicola perfetta per l’estate

Ma L’Assistente della Star non sembra voler puntare a questo. Il suo obiettivo è offrirci una storia all’insegna dei buoni sentimenti, prevedibile e al tempo stesso piacevole, dove tutto procede per il verso giusto in vista di un più che gradito (soprattutto visti i tempi in cui viviamo) lieto fine.
Si tratta di una pellicola perfetta per l’estate, come lo sono tutte quelle hit che, pur non durando per sempre, sono in grado di regalarci momenti di spensieratezza e svago.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Terminator: Production I.G realizzerà una serie animata per Netflix 26 Febbraio 2021 - 22:35

Il CEO di Production I.G rivela di aver chiesto consiglio a Mamoru Oshii. Il progetto è ancora nelle primissime fasi di sviluppo.

George Clooney e Julia Roberts di nuovo insieme in Ticket to Paradise 26 Febbraio 2021 - 20:45

Le due star interpreteranno una coppia divorziata in viaggio verso Bali per impedire alla figlia di commettere il loro stesso errore

Wandavision: La spiegazione della scena dopo i titoli di coda dell’episodio 8 26 Febbraio 2021 - 20:05

Anche nell'episodio 8 di WandaVision è presente una scena dopo i titoli di coda: ecco i possibili significati nascosti che potrebbe contenere!

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.