L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Dark: Il riassunto delle prime due stagioni della serie Netflix

Dark: Il riassunto delle prime due stagioni della serie Netflix

Di Andrea Suatoni

La terza stagione di una delle serie più complesse di sempre sta per arrivare: Dark, serie di origine tedesca che ha subito conquistato il pubblico di Netflix, con i suoi viaggi temporali e i suoi personaggi spesso in “triplice copia” (ritroviamo infatti molti dei protagonisti in epoche diverse, interpretati da attori diversi) ha mietuto moltissimi successi; lo show si prepara, sperando che la stagione 3 si riveli all’altezza delle precedenti, a diventare un cult di cui si parlerà moltissimo negli anni a venire.

Riprendere in mano le redini delle trame di Dark dopo un anno dalla fine della seconda stagione (e quasi 3 anni dalla fine della prima) è una vera e propria impresa: tentando di essere il più concisi possibile, ecco in aiuto il nostro riassunto!

DARK: STAGIONE 1

Michael Kahnwald, padre del protagonista Jonas Kahnwald, muore suicida il 21 Giugno del 2019, lasciando una lettera con la scritta “non aprire fino al 4 Novembre”.

Proprio il 4 Novembre il giovane Mikkel Nielsen, fratello della ex fidanzata di Jonas, Martha, sparisce misteriosamente nei pressi delle grotte di Winden.
Mikkel ha in realtà viaggiato nel tempo, grazie al misterioso potere delle grotte che unisce in un loop temporale 3 diverse epoche: il 2019, il 1986 ed il 1953. Per meglio spiegare, il loop non è fisso, ma unisce 3 epoche diverse con archi di 33 anni: lo scorrere del tempo ha effetto sul loop stesso (ovvero, un viaggio effettuato nel 2020 porterà al 1987 o al 1954, e viceversa). Il ragazzino viene accolto da Ines Kahnwald, che decide di adottarlo: scopriamo quindi che Mikkel crescendo diventerà in realtà il padre di Jonas, Michael, che abbiamo visto morire nel primo episodio.

Nel 1986, era già accaduto un evento simile. Il piccolo Mads Nielsen, fratello di Ulrich Nielsen (il padre di Mikkel, Martha e del loro fratello maggiore Magnus) era sparito con le stesse modalità: il corpo del ragazzino, senza vita, viene invece ritrovato proprio nel 2019. La detective Charlotte Doppler inizia le indagini, poiché a Winden sono scomparsi anche altri due ragazzi: Erik, un giovane spacciatore, e Yasin, amico di sua figlia Elizabeth, sordomuta.

Ulrich, alla ricerca di suo figlio, scopre che il rapitore dei ragazzini è Helge Doppler, il padre di Peter Doppler (che è il marito di Charlotte): sono destinati ad una serie di esperimenti volti a ricreare gli stessi viaggi del tempo che avvengono nella grotte. Dietro i tentativi di costruzione di questa “macchina del tempo” c’è il misterioso prete Noah.

Sia Jonas che Ulrich riescono a viaggiare nel tempo: il primo finisce nel 1986 e ritrova Mikkel grazie all’aiuto di un misterioso straniero che si rivelerà essere una sua versione futura, ma decide di lasciare il ragazzino nel passato per evitare di scomparire dall’esistenza (Mikkel è infatti destinato a diventare suo padre). Ulrich finisce invece nel 1953, dove tenta, fallendo, di uccidere una versione bambina di Helge, finendo per venire arrestato e quindi bloccato in quell’epoca. Ad arrestarlo è Egon Tiedemann, padre di Claudia.

Claudia Tiedemann, direttrice della centrale nucleare di Winden nel 1986, ha anche lei un ampio ruolo nella vicenda: alcuni segreti legati a dei rifiuti nucleari sepolti proprio nelle grotte di Winden (che si snodano al di sotto della centrale) sembrerebbero essere alla base della capacità di queste di viaggiare nel tempo. Ben presto Claudia scopre i poteri delle grotte: la vediamo riapparire invecchiata nel 2019, consegnando dei progetti all’orologiaio H. G. Tannhaus volti alla costruzione di una macchina del tempo.
Claudia è quindi riuscita dove Noah ha fallito: il prete la definisce come la sua più grande nemica.

La versione adulta di Jonas viaggia anche nel 2019: vuole distruggere il loop temporale sfruttando la macchina del tempo costruita da Tannhaus. Attivandola nel punto esatto dove è concentrato il potere delle grotte, dà luogo ad un enorme evento elettromagnetico, dopo il quale il giovane Jonas, intrappolato in un bunker, si ritrova inaspettatamente nel 2052, esattamente 33 anni dopo il 2019, inspiegabilmente fuori dal loop. Jonas non può ancora saperlo, ma ha in realtà, cercando di chiuderlo, ha appena creato per la prima volta il loop temporale.

Dark 3

 

DARK: STAGIONE 2

La stagione si apre nel 1921 (33 anni prima del 1954: siamo sempre all’interno del loop, ma è passato un anno), con una versione più giovane di Noah al lavoro nelle grotte che diventeranno il fulcro della storia: stanno creando artificialmente la porta che, nel futuro, collegherà le varie epoche.
Il Noah che conosciamo arriva nel 1921 ed introduce alla sua giovane controparte i viaggi nel tempo, rivelando di lavorare per il misterioso Adam.

Jonas è invece ancora nel futuro, 2053: Winden è stata distrutta da un’esplosione misteriosa, avvenuta nel “Giorno dell’Apocalisse”, il 27 Giugno 2020.  Trova nella centrale distrutta una misteriosa sfera di energia, la “particella di Dio”, che pare aver mantenuto il potere di viaggiare nel tempo. Entrando nella sfera, arriva nel 1921: cercando di tornare al suo tempo tramite il loop, scopre che la “porta” nelle grotte non è ancora stata creata. Incontra poi Noah, che gli presenta Adam: costui è una versione anziana proprio di Jonas.

Il Jonas anziano dice di aver “risolto” il mistero dei viaggi temporali: per fermare il loop infinito, è necessario che suo padre Michael, suicidatosi il 4 Novembre 2019, sopravviva. Mikkel non tonerà indietro nel tempo, Jonas non nascerà mai e il tempo verrà interamente riscritto; lo strumento grazie al quale ciò sarà possibile è una nuova particella di Dio, stavolta non creatasi casualmente come la precedente ma realizzata artificialmente proprio da Adam/Jonas: questa nuova forma di “macchina del tempo” può eludere il vincolo dei 33 anni e riportare Jonas al 2019, prima del suicidio di suo padre.

Il Jonas adulto è invece rimasto nel 2020. L’uomo si rivela a sua madre Hannah e le spiega il funzionamento dei viaggi nel tempo, portandola con sè nel passato ad incontrare Mikkel; la donna incontrerà in segreto anche Ulrich, suo ex amante, rinchiuso in un manicomio 34 anni dopo il suo viaggio nel 1953 l’anno precedente.
La donna deciderà più tardi di rimanere nel 1954, certa che per lei non ci sia ormai più nulla nel presente.

Il 20 giugno 2019, il giorno prima del suicidio di Michael Kahnwald, Jonas riesce a tornare a Winden e ad avere un confronto con il padre. Grazie all’aiuto di Claudia Tiedemann, Jonas scopre di essere stato ingannato da Adam, il cui piano è in realtà quello di portare avanti il loop all’infinito, che porterà all’apocalisse: è la nascita di Jonas ed il suo intervento nel loop l’evento principale in grado di cambiare le cose.

Allo stesso modo, anche Noah è stato ingannato da Adam: scopriamo che Noah è il padre di Charlotte Doppler, e che era proprio per salvarla dall’esplosione che il prete ha commesso tutti gli omicidi visti finora. Il prete scopre che per fermare l’ultimo ciclo sono necessarie alcune persone: Magnus (il fratello maggiore di Martha e Mikkel), Bartosz (il nipote di Claudia Tiedemann), Franziska Doppler (la figlia maggiore di Charlotte Doppler, sorella di Elizabeth) e Agnes Nielsen (la nonna di Ulrich Nielsen, sorella di Noah). Salvando loro dall’imminente esplosione, sarà possibile in qualche modo (vedremo come nella prossima stagione) fermare la stessa esplosione nel prossimo ciclo e fermare così per sempre il loop. E’ il Jonas adulto a trarre i ragazzi in salvo con la sua macchina del tempo; Agnes vive invece nel 1921, e su ordine di Adam uccide suo fratello Noah.

Arriviamo infine al 27 Giugno 2020, il “giorno dell’Apocalisse”. Claudia e il Jonas adulto non sono riusciti a chiudere il loop al termine della scorsa stagione (anzi, hanno involontariamente dato inizio agli eventi): per farlo devono cambiare qualcosa nel prossimo “ciclo” degli eventi per far si che l’apocalisse non avvenga, mentre per precauzione alcuni abitanti di Winden si recano nel bunker dove era intrappolato Jonas al termine della stagione precedente: si tratta di Claudia Tiedemann (la “versione” del 1987), sua figlia Regina, il giovane Noah e infine Peter Doppler insieme alla figlia Elizabeth, che scopriamo essere la madre di Charlotte. Elizabeth ha infatti concepito Charlotte con Noah (probabilmente nel futuro, essendo le loro versioni giovani sopravvissute all’esplosione e conosciutesi nel bunker per la prima volta): le due sono una la madre dell’altra.

Il giovane Jonas ritrova Martha: i due si baciano per venire interrotti da Adam, arrivato fin lì dal 1921 grazie alla particella di Dio. il Jonas anziano vuole che Jonas cambi il proprio io, diventando lui stesso in futuro: sarà il dolore per la morte di Martha a trasformarlo in Adam, che anela alla fine del mondo e dell’esistenza, ed è per questo che il vecchio uccide la ragazza. Una versione diversa di Martha però, proveniente da una realtà alternativa, compare all’improvviso, con una macchina del tempo simile a quella di Tannhaus (ma di dimensioni molto ridotte).

Da ultimo, scopriamo infine cosa ha generato l’apocalisse: i rifiuti tossici della centrale, che erano stati nascosti da uno strato di cemento, vengono portati alla luce dalle indagini dei colleghi poliziotti di Charlotte: una volta dissotterrati, questi innescano la particella di Dio “naturale” che abbiamo visto nel futuro e che Jonas userà per viaggiare al 1921. Charlotte, attraverso un wormhole aperto dalla particella, vede sua figlia/madre Elizabeth nel 2053: quando le due si toccano, l’enorme esplosione ha luogo, con la città di Winden che viene racchiusa totalmente da una sfera nera lasciando in vita solamente coloro che erano protetti dal bunker (insieme a coloro salvati dal Jonas adulto e a Jonas stesso, salvato dalla Martha “alternativa”).

Dark 3

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

See – Le riprese ricominceranno a Toronto a ottobre 24 Settembre 2020 - 17:22

Anche la serie See di Apple TV+, interpretata da Jason Momoa, si appresta a tornare sul set. Le riprese ricominceranno a Toronto il mese prossimo

Presentato il Torino Film Festival 2020, sarà un’edizione ibrida e “diffusa” 24 Settembre 2020 - 17:15

Il festival si terrà online ma anche in presenza, in dodici luoghi della città, tra cui la Mole

Batwoman – Leah Gibson e Nathan Owens nel cast; Javicia Leslie avvistata sul set 24 Settembre 2020 - 16:30

Leah Gibson e Nathan Owens sono entrati nel cast della seconda stagione di Batwoman. Intanto, ecco le prime foto dal set con la nuova protagonista Javicia Leslie.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.