L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Ringworld: in arrivo la serie Amazon tratta dai romanzi di Larry Niven

Ringworld: in arrivo la serie Amazon tratta dai romanzi di Larry Niven

Di Marco Triolo

Alan Taylor, uno dei registi di punta di Game of Thrones e autore di Thor: The Dark World e Terminator: Genisys, dirigerà per Amazon il pilot di Ringworld, una serie ispirata alla saga letteraria di Larry Niven. I romanzi, scritti tra il 1970 e il 2012, fanno parte del cosiddetto Ciclo dello spazio conosciuto, l’opera più nota dell’autore americano.

Il pilot è stato scritto da Akiva Goldsman. Il suo nome sta spuntando parecchio, ultimamente: oltre a essere produttore esecutivo di Star Trek: Picard e Star Trek: Discovery, ha scritto il primo episodio dell’appena annunciata Star Trek: Strange New Worlds. Di recente ci ha anche raccontato quale fosse la sua idea per Batman v Superman. L’autore ha inoltre vinto un Oscar per la sceneggiatura di A Beautiful Mind. Il progetto è in ballo da qualche anno, ma sembra che adesso le cose stiano per muoversi.

Parlando con Collider, Goldsman ha rivelato l’ingaggio di Alan Taylor e ha aggiunto:

Non so cosa vada cercando Amazon, ma sembra che siano interessati a queste saghe di grandi dimensioni e portata […]. Di questi grossi e ricchi universi pochi sono ancora disponibili, e credo fermamente che Spazio conosciuto sia uno di essi, per quelli che, come me, erano fan di Larry Niven negli anni del liceo. Il mondo di Niven, il suo universo, oserei dire, è incredibilmente complesso e stratificato, e Ringworld [da noi I burattinai] ne è sempre stato il punto di ingresso. Menti migliori della mia hanno tentato di adattarlo, ma spero che stavolta ce la faremo.

La trama

Ringworld è incentrato su Louis Gridley Wu, un uomo del 29° Secolo che, in occasione del suo duecentesimo compleanno, parte per un lungo viaggio nello spazio insieme a una donna umana, Teela Brown, e a due alieni. La destinazione è il Mondo Anello, una struttura artificiale che orbita una stella e contiene una superficie abitabile equivalente a circa tre milioni di pianeti simili alla Terra. La struttura è stata costruita da un’antica specie aliena che potrebbe essere legata addirittura alle origini dell’umanità.

Ritorno alla fantascienza classica

Ringworld non è l’unico progetto simile in fase di sviluppo. Apple ha ordinato una serie tratta dal Ciclo della Fondazione di Isaac Asimov, mentre al nuovo Dune dovrebbe seguire la serie TV The Sisterhood. Inoltre, la saga Discworld di Terry Pratchett sarà adattata in un ciclo di serie TV.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

WandaVision: la storia del Darkhold nel Marvel Cinematic Universe 7 Marzo 2021 - 20:00

Il Darkhold comparso in WandaVision non è affatto alla sua prima apparizione nel Marvel Cinematic Universe: ecco la sua storia all'interno dell'universo unito!

Nomadland – Uscita a rischio in Cina? 7 Marzo 2021 - 19:24

Chloe Zhao è stata al centro di una polemica di stampo nazionalista in Cina che ha portato a una censura legata al film Nomadland. La pellicola potrebbe rischiare l'uscita nelle sale cinesi

The Falcon and the Winter Soldier – Sam e Bucky sono “colleghi” nel nuovo spot 7 Marzo 2021 - 19:00

La strana coppia di The Falcon and the Winter Soldier cerca una definizione del proprio rapporto nel nuovo spot, ricco di scene inedite.t

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.