L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
George Floyd: Don Cheadle, Steve Carell e molte altre star sostengono la causa dei manifestanti

George Floyd: Don Cheadle, Steve Carell e molte altre star sostengono la causa dei manifestanti

Di Filippo Magnifico

In questi giorni molte celebrità, come ad esempio John Boyega, si sono schierate dalla parte di George Floyd. La morte dell’uomo ha fatto tornare a galla una questione che, regolarmente, si è riproposta nel territorio americano: la violenza della polizia contro le persone afroamericane.

Nomi importanti come Don Cheadle, Steve Carell, Seth Rogen e Janelle Monáe hanno deciso di sostenere la causa dei manifestanti, che sono stati arrestati durante le proteste pubbliche, facendo delle donazioni al Minnesota Freedom Fund, un’organizzazione no profit che aiuta a salvare persone con un basso reddito, che non avrebbero i mezzi per affrontare le spese che un arresto comporta.

La morte di George Floyd

George Floyd, afroamericano, è stato fermato verso le otto di sera di lunedì 25 maggio da due agenti bianchi. Secondo una nota della polizia «appariva sotto gli effetti di alcol e droga» e, sempre stando a quanto riportato dalla polizia, avrebbe opposto resistenza all’arresto.
Quello che sappiamo di sicuro è che uno dei due agenti lo ha bloccato a terra, premendogli con forza il ginocchio all’altezza del collo.

Tutto questo di fronte a moltissimi passanti, che hanno fatto notare ai poliziotti quanto fosse eccessivo e pericoloso – per la vita del povero George Floyd – quel gesto.
«Non si muove nemmeno, dannazione» ha detto uno dei passanti mentre l’agente continuava a premere con forza quel ginocchio sulla sua testa.
E George Floyd, poco dopo, ha smesso di muoversi sul serio. Per sempre.

Il suo calvario, durato ben 10 minuti, è diventato pubblico grazie al video di un passante, che ha denunciato la cosa ed è stato ricondiviso migliaia di volte.
Quattro agenti di polizia sono stati licenziati dopo questo tragico e inaccettabile evento ed è stata coinvolta l’FBI per indagare su quanto successo.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Gundam Factory Yokohama – L’inaugurazione slitta al 19 dicembre 30 Settembre 2020 - 0:28

L'inaugurazione del Gundam Factory Yokohama, prevista inizialmente per il 1 ottobre è slittata al 19 dicembre. Nuove informazioni sulla struttura, le date, gli orari e i prezzi dell'attrazione

Batman Unburied: David S. Goyer lancia un podcast sull’Uomo Pipistrello 29 Settembre 2020 - 21:30

La serie, in arrivo su Spotify, racconterà i lati oscuri della personalità di Bruce Wayne

Animali fantastici: Eddie Redmayne difende J.K. Rowling 29 Settembre 2020 - 20:45

L'attore, pur non essendo d'accordo con le affermazioni sui trans dell'autrice di Harry Potter, si è scagliato contro l'odio della comunità online

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.