L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Too Hot To Handle: il trash sbarca su Netflix

Too Hot To Handle: il trash sbarca su Netflix

Di Andrea Suatoni

Anche la regina delle piattaforme di streaming online ha infine capitolato sotto il “peso” delle esigenze dell’utente medio: gli abbonati Netflix non hanno mai chiesto un prodotto come Too Hot to Handle (che letteralmente tradotto corrisponde a “Troppo caldo da maneggiare”), ma lo hanno avuto e lo hanno letteralmente divorato. Ma cos’è questo nuovo fenomeno mediatico? Come nasce? Come funziona?

FISSO IN TOP 10

Fin dal suo esordio, Too Hot to Handle si è imposto di peso nella classifica dei 10 prodotti più visti di Netflix: ora che tale classifica è pubblica, gli utenti possono avere un’idea di ciò che gli altri abbonati apprezzano di più, e pare proprio che il reality inglese, ancora oggi stabile al quarto posto dopo aver dominato la prima posizione la scorsa settimana, sia uno dei programmi più amati.
Complici i suoi protagonisti sexy e disinibiti e dei trailer che lasciano ben poco all’immaginazione, la curiosità del popolo di Netflix in massa ha premiato un programma che fa del trash più estremo – volutamente – il suo cavallo di battaglia, ma che riesce a non prendersi mai troppo sul serio e a volte anche a divertire, con spensieratezza e leggerezza.

TOO HOT TO HANDLE

Il reality ha un funzionamento particolare, che gli autori hanno ripreso da un episodio della serie comedy Seinfeild: la puntata 11 della quarta stagione, andata in onda nel 1992, passò alla storia per il tema attorno a cui si sviluppava, ovvero una gara fra 4 dei protagonisti per determinare chi fra loro sarebbe potuto rimanere più a lungo senza sesso o masturbazione.

Partendo da quell’idea di base, gli autori hanno creato un intero programma: in Too Hot to Handle 7 ragazzi e 7 ragazze, single incalliti e quasi dipendenti dalle relazioni da una sola notte, sono stati inseriti in un contesto tipicamente estivo e provocante, una casa in riva al mare dove potersi divertire e conoscere (tanto intimamente quanto avrebbero voluto, disse loro la produzione prima della partenza del reality). Una volta riuniti sul posto, la produzione, nelle vesti di LANA, intelligenza artificiale e “arbitro” del contest, ha svelato loro l’esistenza di un montepremi e di alcune regole.
Per l’intera durata del reality (che è durato in realtà solamente poche settimane), ai concorrenti è stata vietata qualsiasi tipo di relazione sessuale, compresi baci o autoerotismo. Per ogni trasgressione, il montepremi iniziale di 100.000 dollari sarebbe sceso (di un ammontare pari alla “gravità” della violazione commessa). Moltissimi i trasgressori in realtà: il montepremi si è fatto di episodio in episodio sempre più esiguo, mentre nascevano amori (molti dei quali rivelatisi poi fuochi di paglia) e cresceva la tensione verso i “colpevoli” di essere costati denaro agli altri concorrenti a causa delle loro condotte… disdicevoli.

A fare da sfondo al tutto, una serie di attività di gruppo gestite da LANA volte alla crescita personale dei singoli partecipanti, su una strada che (si spera…) potrebbe aiutarli ad uscire dal tunnel delle “one stand night”.

CHE FINE HANNO FATTO? (SPOILER)

Al termine del reality, il bilancio ha visto 3 esclusioni, una auto-esclusione ed una vincita a sorpresa di tutti i 10 partecipanti rimasti, che si sono divisi ciò che rimaneva del montepremi, sceso vertiginosamente e poi risalito a 75.000 dollari grazie ad una inaspettata prova (superata da Francesca ed Harry, i due che più avevano contribuito al suo abbassamento).
Due coppie sono uscite da Too Hot to Handle mano nella mano: i già citati Francesca ed Harry, lei influencer di Instagram e lui in pratica “concorrente di reality” per professione, e Rhonda e Sharron, lei madre single e manager di un ristorante e lui personal trainer e insegnante di wrestling per bambini.

Se fra i secondi pare non sia durata, Harry e Francesca invece pare siano ancora insieme: le registrazioni del programma sono terminate circa un anno fa, ma è possibile ancora oggi vederli innamorati nei rispettivi profili Instagram; Harry ha confessato che l’attuale lockdown ha rovinato i suoi piani di portare Francesca a Parigi per chiedergli di sposarlo.
Praticamente tutti i concorrenti di Too Hot to Handle sono oggi diventati degli influencer in seguito al successo del programma: se volete seguirli anche fuori dal reality, ecco di seguito i link ai loro profili Instagram!

Chloe Veitch
David Birtwistle
Francesca Farago
Harry Jowsey
Haley Cureton
Kelechi “Kelz” Dyke
Nicole O’Brien
Sharron Townsend
Rhonda Paul
Bryce Hirschberg
Lydia Clyma
Matthew Smith
Madison Wyborny
Kori Sampson

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Asterix: Alain Chabat dirigerà una serie animata in 3D per Netflix 2 Marzo 2021 - 22:17

Alain Chabat, il regista del film Asterix e Obelix - Missione Cleopatra, dirigerà una serie animata in 3D per Netflix dedicata al piccolo Gallo, basata su Asterix e il duello dei capi

Soul: il film Pixar dal 31 marzo in Blu-Ray e DVD 2 Marzo 2021 - 21:45

Soul sarà disponibile in Blu-Ray, DVD e sulle piattaforme digitali a partire dal 31 marzo. Ecco tutti i dettagli sui contenuti extra.

Roar: Nicole Kidman, Cynthia Erivo e Alison Brie nella serie Apple delle creatrici di GLOW 2 Marzo 2021 - 21:00

Creata da Liz Flahive e Carly Mensch, la serie è basata su una raccolta di racconti di Cecelia Ahern

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.