L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Invictus – I Primi 10 Minuti e 10 Curiosità sul film

Invictus – I Primi 10 Minuti e 10 Curiosità sul film

Di Andrea Suatoni

Morgan Freeman e Matt Damon sono protagonisti di Invictus, film diretto da Clint Eastwood ispirato agli eventi storici  e sportivi accaduti in Sudafrica nel 1995, subito dopo il periodo dell’apartheid ed incentrato sulla figura di Nelson Mandela. Il film si concentra su un periodo delicatissimo in cui politica e sport riuscirono a fungere da catalizzatori verso un pacifico processo di integrazione e riavvicinamento fra le diverse popolazioni sudafricane.
Warner Bros ha reso disponibili su Youtube i Primi 10 minuti di Invictus, che potete vedere qui sotto; di seguito invece, una serie di curiosità sul film che svelano interessanti retroscena in fase di produzione. Se invece siete interessati a vedere (o rivedere) il film completo, potete trovarlo cliccando su QUESTO LINK!

1 – Il titolo del film prende spunto dalla poesia omonima Invictus di William Ernest Henley, che Nelson Mandela usava per alleviare il peso della sua prigionia durante l’apartheid e che Morgan Freeman, nei panni del personaggio, recita anche nella pellicola.

2Nelson Mandela in persona affermò che secondo lui solo Morgan Freeman avrebbe potuto risultare credibile nell’interpretare il suo ruolo. Freeman fu infatti il primo attore cui fu effettuato il casting per la parte, e dopo il suo provino non ci fu alcun bisogno di cercare oltre.

3Morgan Freeman si è preparato molto approfonditamente per rendere la sua interpretazione il più accurata possibile: fu facilitato in ciò dalla forte amicizia che legava lui e Mandela in persona. Guardò moltissimi video in cui l’ex presidente del Sudafrica appariva in occasioni ufficiali, cercò di copiare alla perfezione i suoi gesti, la sua camminata, il suo accento ed anche il ritmo delle sue parole. Inoltre, Freeman è mancino, mentre Mandela è destrorso: l’attore si è “allenato” per mesi ad usare la mano destra in modo naturale, per far sì che gli spettatori non notassero forzature.
Affermò quanto segue: “Non voglio cercare di recitare sembrando lui, voglio essere lui“.

4 – Nel film lo sport del Rugby ha una grande importanza: Clint Eastwood non era fan di questo sport, ma lo divenne durante la lavorazione della pellicola. Fu costretto a guardare moltissime partite ad imparare le meccaniche di gioco e del campionato, cosa che lo appassionò moltissimo.

5Matt Damon interpreta il capitano degli Springbok, Francois Pienaar: anche lui si preparò approfonditamente per il suo ruolo, recandosi ad incontrare il vero Pienaar e passando un po’ di tempo con lui, intervistandolo anche riguardo alle vicende storiche di cui fu protagonista. Damon cercò di approfondire a fondo anche la psicologia di Pienaar, le motivazioni che lo muovevano nel 1995 e addirittura le sue tattiche nel Rugby.

6 – La prigione che la squadra di Rugby visita durante il film è la stessa in cui Mandela venne davvero rinchiuso per 18 anni.

7 – L’assistente personale di Nelson Mandela, Zelda la Grange, saltuariamente presente nei luoghi della produzione, si è detta incredibilmente sorpresa dall’accuratezza delle ricostruzioni degli ambienti ma soprattutto dalla recitazione di Morgan Freeman: ha confessato che a volte dimenticava di non trovarsi di fronte al vero Mandela.

8 – La band preferita di Nelson Mandela, i Soweto String Quartet, venne appositamente assunta dalla produzione per lavorare nel film.

9 – Il fisico di Francois Pienaar era molto più massiccio di quello di Matt Damon e nonostante l’allenamento e la dieta dell’attore sarebbe stato molto difficile per lui arrivare ad una totale somiglianza. Clint Eastwood usò quindi dei brillanti trucchi di regia per far sì che il corpo di Matt Damon risultasse sullo schermo più corpulento di quanto non fosse.

10Morgan Freeman aveva in mente da tempo di realizzare spontaneamente un film che ripercorresse la vita del suo amico Nelson Mandela e che rendesse giustizia alla grandiosità dei traguardi da esso raggiunti, principalmente adattando l’autobiografia dell’uomo Long Walk to Freedom. I tagli da effettuare sarebbero stati troppi però per i tempi di una sola pellicola, ed il progetto venne abbandonato; anni più tardi Freeman fu felicissimo di lavorare in questo film, che si concentra invece in un momento specifico della vita di Mandela riuscendo a trasmettere però i valori che egli voleva trasmettere.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

No Time to Die – Rami Malek mascherato nella nuova immagine 7 Luglio 2020 - 14:00

Empire ha svelato una nuova immagine di No Time to Die che ritrae Rami Malek con la sua maschera giapponese. Inoltre, Cary Fukunaga parla del rinvio del film per l'emergenza Covid-19.

Halle Berry rinuncia ad un ruolo transgender dopo le critiche 7 Luglio 2020 - 13:00

Halle Berry ha ufficialmente rinunciato ad uno dei suoi prossimi progetti cinematografici. Ecco il suo annuncio.

Emilia Clarke nel trailer di Above Suspicion, thriller di Phillip Noyce 7 Luglio 2020 - 12:15

È disponibile il trailer di Above Suspicion, film di Phillip Noyce ispirato alla storia del primo agente dell'FBI condannato per omicidio, con Emilia Clarke e Jack Huston.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.