L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Alfred Hitchcock nel salotto di casa

Alfred Hitchcock nel salotto di casa

Di Lorenzo Pedrazzi

Spesso tendiamo a credere che ci sia un’età giusta per avvicinarsi al lato più macabro del cinema, eppure alcuni di noi lo scoprono molto presto, quando le efferatezze degli horror e dei thriller hanno ancora un sapore proibito. Frammenti di scene sanguinarie da sbirciare con il viso coperto, mostruosità intraviste con la coda dell’occhio mentre il telecomando è nelle mani di un adulto, momenti scioccanti da gustare di nascosto: l’esperienza del cinema macabro nasce così, non certo da un’introduzione appropriata e “ufficiale”. Varchiamo quella soglia da soli, com’è giusto che sia, piantando semi che germoglieranno quando saremo più grandi.

Per quanto mi riguarda, è così che ho conosciuto Alfred Hitchcock. Come la musica che i nostri genitori ascoltano quando siamo piccoli – e ci rimane in testa per tutta la vita come se fosse nostra – anche i film passano di generazione in generazione allo stesso modo. Ho avuto la fortuna di crescere in una casa che brulicava di libri, dischi e videocassette, dove lo schermo trasmetteva film vecchi e nuovi, riprodotti su nastro o intercettati su qualche canale televisivo. Quelli di Hitchcock erano immancabili: amato e riverito come uno zio eccentrico, i suoi film trovavano spazio sui palinsesti delle reti locali e nazionali, oppure si ergevano fieri nella nostra videoteca grazie alle VHS DeAgostini. Così, mi capitava di guardare La finestra sul cortile o L’uomo che sapeva troppo mentre facevo colazione, in quelle oziose mattinate del fine settimana, con mia madre che ricordava il film a memoria.

Hitchcock, insomma, incarnava quella presenza familiare che non ci avrebbe mai delusi, e destava persino simpatia con il suo profilo panciuto e le battutine argute (come accadeva nelle introduzioni e nelle chiusure di Alfred Hitchcock presenta, serie che «riporta il crimine in casa, dove esso risiede»). Nonostante gli argomenti turpi e le scene spaventose, mia madre non riteneva necessario proteggermi da quelle visioni, e aveva ragione: la classe narrativa di Hitchcock richiedeva una guida, non certo una censura. Guardare i suoi film con un adulto significava esplorare l’orrore mano nella mano, e scoprirne la sconvolgente bellezza nei territori della finzione. Erano esperienze formative, non solo nella costruzione di un gusto che andrebbe affinato sin da piccoli, ma anche per prepararsi a uscire nel mondo. In fondo, Hitchcock non faceva altro che spettacolarizzare orrori reali, rielaborandoli attraverso le ansie e le nevrosi delle persone comuni: lasciava sfogare quelle voci interiori che cerchiamo spesso di zittire, e che soprattutto il cinema hollywoodiano tendeva a ignorare.

Non mi era difficile percepire la forza iconica di quei film, pur essendo ancora bambino. Fra i cineasti che ho conosciuto sin dall’infanzia come “autori”, Hitchcock era quello che più mi parlava attraverso le immagini, complesse e potentissime. L’inquadratura finale di Psycho, con la sua scandalosa immersione nella psiche dell’omicida, confermava il fascino di un regista capace di dialogare direttamente con l’inconscio di noi spettatori, a qualunque età. Lo stesso Psycho era uno dei cult più ricorrenti, in grado di colpire anche a occhi chiusi: l’ostinato d’archi di Bernard Herrmann sembrava immergersi nella carne di Marion Crane con la stessa forza delle coltellate. All’opposto, la fuga silenziosa nell’epilogo de Gli uccelli – il mio preferito all’epoca – dimostrava quanto l’apocalisse potesse essere quieta e snervante, ben diversa dai colossal catastrofici che affollavano le sale.

Eppure, in quella complessità figurativa c’era anche qualcosa di ludico. Le inquadrature spiazzavano per la loro originalità, i meccanismi della tensione davano un brivido irresistibile, e la ricerca dei suoi leggendari camei era un gioco a se stante. Ricordo che ogni VHS della collana DeAgostini era accompagnata da un volumetto esplicativo, e includeva sempre una sezione chiamata Dov’è Hitchy?, per individuare l’apparizione del cineasta. D’altra parte, il suo cinema è l’anello di congiunzione tra autorialità e popolarità: comunicava con una platea molto vasta, pur mantenendo il suo stile e la sua poetica. Anche per questo, lo stesso Hitchcock ha sempre mantenuto un’aura di complicità con gli spettatori, e i suoi camei rappresentano l’ammiccamento definitivo.

Con gli anni ho imparato ad apprezzarne le sfumature, vedendo film che ricorrevano meno spesso in casa mia. Appassionarmi al meraviglioso Intrigo internazionale, ad esempio, è stato anche un modo per emanciparmi dai gusti materni, mentre la visione di opere come Vertigo o Nodo alla gola è rientrata nei miei studi accademici. Nel frattempo, ho avuto modo di scoprire i lati controversi della figura hitchcockiana, come il ruolo dimenticato della moglie Alma e il rapporto ambiguo (talvolta ossessivo) con alcune attrici, quasi tutte aderenti a un preciso modello di bellezza. La sua eredità immortale, però, risiede anche in questo: la personalità artistica di Hitchcock è talmente ingombrante da proiettare sullo schermo persino le sue idiosincrasie, i suoi difetti, i suoi limiti caratteriali. E noi lo accettiamo così, come faremmo con un parente stretto che viene a farci visita la domenica mattina, portando con sé le storie turpi di un mondo pericolosamente vicino.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Locarno: Lili Hinstin lascia la direzione artistica del festival 24 Settembre 2020 - 18:00

Dopo soli due anni, il Locarno Film Festival ha perso il suo attuale direttore artistico per "divergenze strategiche"

See – Le riprese ricominceranno a Toronto a ottobre 24 Settembre 2020 - 17:22

Anche la serie See di Apple TV+, interpretata da Jason Momoa, si appresta a tornare sul set. Le riprese ricominceranno a Toronto il mese prossimo

Presentato il Torino Film Festival 2020, sarà un’edizione ibrida e “diffusa” 24 Settembre 2020 - 17:15

Il festival si terrà online ma anche in presenza, in dodici luoghi della città, tra cui la Mole

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.