L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Woody Harrelson al posto di Jason Statham in The Man From Toronto

Woody Harrelson al posto di Jason Statham in The Man From Toronto

Di Marlen Vazzoler

Circa una settimana fa Jason Statham, in trattative per un ruolo nella commedia d’azione The Man From Toronto, ha improvvisamente lasciato il progetto. Motivo? Divergenza d’opinione sul rating della pellicola diretta da Patrick Hughes (I mercenari 3, Come ti ammazzo il bodyguard).

Secondo tre fonti di THR dopo aver accettato di far parte del film, pare che Statham abbia avanzato all’ultimo minuto la seguente richiesta: il progetto doveva includere del materiale che garantisse un rating R.

E qui nasce il problema. I dirigenti della Sony vogliono fare un film destinato ai quattro quadranti, quindi un PG-13.

L’abbandono

A questo punto l’attore si è rivolto alla sua agenzia, la WME, per lasciare il film. Il suo team che aveva già negoziato per una commissione di $10 milioni, secondo una fonte, gli ha consigliato di rimanere a bordo.

L’agenzia gli ha fatto notare che oltre a perdere i soldi, uscire all’ultimo minuto da un film prodotto da uno studio non l’avrebbe messo in buona luce. Sony inoltre era disposta a pagare lo stipendio a otto cifre solo perché il film avrebbe avuto un rating PG-13.

Non avendo ancora firmato il contratto, Statham se né andato a sei settimane dall’inizio delle riprese in Canada. A questo punto è saltato anche il rapporto tra l’attore e i suoi agenti.

Richieste non ortodosse

Non è la prima volta che Statham avanza richieste inusuali. Come ben sappiamo nei suoi contratti per i film di Fast & Furious c’è una clausola che vieta che il suo personaggio venga picchiato troppo. Una richiesta fatta anche da Vin Diesel e Dwayne Johnson.

Ma i suoi agenti della WME hanno apparentemente posto un limite sulle richieste dei contenuti da modificare, nel caso in cui abbiamo un impatto sui profitti dello studio.

Uno scontro tra assassini

THR riporta che Woody Harrelson, che ha lavorato per la Sony ai due film di Zombieland e di Venom, sostituirà l’attore.

La pellicola scritta da Robbie Fox, e ideata da Fox e Jason Blumenthal, ruota attorno a un caso di scambio d’identità. Tutto inizia quando l’assassino più letale del mondo, conosciuto come l’Uomo di Toronto, e un buono a nulla di New York s’imbattono l’uno nell’altro in un Airbnb. Ne consegue uno scontro di personalità e tra assassini mortali.

The Man From Toronto verrà distribuito il 20 novembre.

Fonti THR, THR


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Dexter: il revival presentato al Comic-Con@Home, ecco il trailer! 25 Luglio 2021 - 22:46

Il revival di Dexter è stato presentato durante l’edizione 2021 del Comic-Con@Home. Per l’occasione è stato diffuso il primo trailer.

Doctor Who arriva al Comic-Con@Home, ecco il trailer della stagione 13 25 Luglio 2021 - 19:25

Anche Doctor Who ha avuto il suo spazio durante l’edizione 2021 del Comic-Con@Home. Ospiti del panel, Jodie Whittaker, Mandip Gill, John Bishop e Chris Chibnall, che hanno mostrato il trailer della stagione 13.

L’ultimo mercenario: Van Damme in una clip mostrata al Comic-Con 25 Luglio 2021 - 18:00

L'action-comedy con Jean-Claude Van Damme arriverà su Netflix il 30 luglio. Vediamo anche il panel del Comic-Con...

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.