L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L’autobiografia di Woody Allen cancellata da Hachette, uscirà in Italia

L’autobiografia di Woody Allen cancellata da Hachette, uscirà in Italia

Di Marco Triolo

La casa editrice Hachette ha cancellato la pubblicazione americana dell’autobiografia di Woody Allen, Apropos of Nothing, in seguito a una valanga di proteste scatenate dalla reazione di Ronan Farrow, figlio del regista e di Mia Farrow nonché autore nella scuderia di Hachette. Da anni, Farrow è uno dei principali accusatori del regista, indagato (e scagionato) nei primi anni ’90 per un presunto caso di violenze sulla figlia adottiva Dylan Farrow. Farrow ha definito un tradimento la scelta di Hachette di pubblicare il libro. Inizialmente, la casa editrice aveva deciso di tirare dritto con la pubblicazione da parte della sua divisione Grand Central Publishing. Il cambio di rotta è arrivato dopo uno sciopero dei dipendenti giovedì.

Una portavoce della casa editrice ha dichiarato:

La decisione di cancellare il libro di Mr. Allen è stata difficile. Prendiamo molto seriamente i nostri rapporti con gli autori, e non cancelliamo i libri alla leggera. Abbiamo pubblicato e continueremo a pubblicare molti libri provocatori. Come editori, ogni giorno ci assicuriamo che voci diverse e punti di vista conflittuali possano essere ascoltati.

Ma, aggiunge, dopo aver ascoltato le parti, “siamo arrivati alla conclusione che proseguire con la pubblicazione non sarebbe stato fattibile per HBG”.

Il libro sarebbe dovuto uscire il 7 aprile in USA. Il 9 arriverà invece in Italia, con il titolo A proposito di niente. E la pubblicazione, da parte de La nave di Teseo, non è stata cancellata per nulla. Lo fa sapere Elisabetta Sgarbi, direttore generale della casa editrice, su Twitter:

Il parere di Stephen King

Sulla questione è intervenuto anche Stephen King su Twitter:

La decisione di Hachette di cancellare il libro di Woody Allen mi mette a disagio. Non per lui; non me ne frega niente del signor Allen. Quello che mi preoccupa è chi verrà zittito dopo.

King aggiunge:

Se pensate che sia un pedofilo, non comprate il libro. Non andate a vedere i suoi film. Non andate ad ascoltarlo suonare jazz al Carlyle. Votate con il vostro portafoglio… tenendolo chiuso. In America, è così che si fa.

Fonte: New York Times

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Venezia: a Walter Hill il premio Cartier Glory to the Filmmaker 12 Agosto 2022 - 14:00

Il regista, che presenterà fuori concorso il suo western Dead for a Dollar, riceverà il premio alla carriera sponsorizzato da Cartier

The Punisher: Rob Zombie e Walter Hill avrebbero potuto dirigere il sequel con Thomas Jane 12 Agosto 2022 - 13:15

La star del Punisher del 2004 ha rivelato che i due registi sono stati presi in considerazione, e Hill voleva scrivere e dirigere

The Batman: il sequel non ha ancora ricevuto il via libera 12 Agosto 2022 - 12:30

Il sequel di The Batman è ancora in fase di sviluppo e non ha ancora ricevuto il via libera.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?

Prey: il film “Predator contro i Comanche”, fortunatamente, fa il suo 3 Agosto 2022 - 18:01

E ci riesce ribaltando in continuazione i concetti di preda e predatore. Le nostre impressioni sul prequel di Predator, in uscita il 5.

MCU, perché è molto importante aver annunciato due nuovi film degli Avengers 25 Luglio 2022 - 10:06

Quello che mancava nell'MCU: una nuova pianificazione, per i prossimi tre anni, con due film degli Avengers in chiusura.