L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Netflix rinuncia allo streaming in HD per accogliere l’invito a un uso responsabile delle risorse della Rete

Netflix rinuncia allo streaming in HD per accogliere l’invito a un uso responsabile delle risorse della Rete

Di Marco Lucio Papaleo

In tempi di crisi, una delle prime necessità è sempre razionalizzare le risorse a disposizione, contingentandole o quantomeno invitando all’uso responsabile delle stesse. Acqua, cibo, medicinali, accesso ai servizi essenziali. E, poi, a quelli utili. Nell’ultimo mese, data la necessità di restare quanto più possibile in casa, è fisiologicamente aumentato il consumo di prodotti audiovisivi e con esso il consumo di banda internet. Vodafone ha già confermato che solo a fine febbraio c’è stato un picco del 50% di consumo in più, sicuramente ulteriormente accresciuto con il regime di quarantena. Videogiochi online, piattaforme di streaming video quali Netflix e Infinity, servizi musicali come Spotify, download di giochi, video, l’utilizzo di programmi di videochiamata (Skype, Whatsapp e simili) per mantenere i rapporti con famiglia e amici, solo per citare le più attività più “banali”.

La richiesta dell’UE

Attività più che lecite, certo, per meglio sopportare un periodo di limitazioni come questo. L’Unione Europea, tuttavia, nella persona del Commissario europeo per il mercato interno Thierry Breton, ha richiamato in questi giorni a un “senso di responsabilità congiunto” tra operatori telefonici, piattaforme online e utenti finali, di modo che le linee non finiscano sovraccaricate, andando a impattare poi l’utilizzo della rete per questioni decisamente più importanti della visione della propria serie tv preferita. Ci si riferisce, naturalmente, al fatto che l’home schooling via Skype sia più importante dell’aperichat di turno, o che i consulti medici a distanza abbiano maggiore necessità del supporto video di una campagna di Dungeons & Dragons, soprattutto in Paesi come il nostro, non ancora dotato di una infrastruttura di reti davvero performante.

Il ruolo di Netflix & co.

Una larghissima fetta della banda internet è consumata dai servizi di streaming, quindi è più che logico che, in attesa che il recente maxi-decreto “Cura Italia” abbia effetto anche sul potenziamento delle infrastrutture (cosa certamente non immediata) tra i primi bersagli della richiesta vi siano servizi come Netflix.
Il CEO del colosso di streaming, Reed Hastings, ha deciso nelle ultime ore di aderire a questo invito, acconsentendo a ridurre il bitrate (ovvero la quantità di dati e, con essa, la qualità del segnale) del servizio, in Europa, per i prossimi trenta giorni, soprattutto nelle ore di punta, quelle serali. Sacrificare l’HD o, quantomeno, il 4K, si rivela dunque un gesto di civiltà e buon senso a cui, quindi, anche gli altri operatori dovranno in qualche modo rispondere: i riflettori sono puntati ora su YouTube, il servizio video generico più utilizzato nel mondo, e su Disney+, che aprirà i battenti in una manciata di giorni.

CORONAVIRUS: QUI l'elenco completo, in costante aggiornamento, di tutti i principali blockbuster che hanno subito uno slittamento sulla data di uscita o hanno optato per una distribuzione digitale.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

La casa di carta – Un video ufficiale riassume la stagione 3 30 Marzo 2020 - 12:15

Netflix ha pubblicato un video che riassume gli eventi della terza stagione de La casa di carta, a pochi giorni dall'uscita della quarta.

Drew Struzan condivide su Facebook i suoi poster più famosi: “Vi ricorderanno momenti felici” 30 Marzo 2020 - 11:15

L'artista Drew Struzan ha riproposto alcune delle sue opere migliori su Facebook, lanciando un messaggio speranza a tutte le persone che, per contrastare l’emergenza Coronavirus, sono chiuse dento casa in auto-isolamento.

The Office – Una reunion tra John Krasinski e Steve Carell per Some Good News 30 Marzo 2020 - 10:30

John Krasinski lancia Some Good News, il suo telegiornale dedicato alle buone notizie, e nella prima edizione fa un collegamento con Steve Carell per il quindicesimo anniversario di The Office.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Colombo 4 Marzo 2020 - 17:11

La storia di Colombo: i tre volti del tenente, Mrs. Columbo, Spielberg e...

7 cose che forse non sapevate su Forza Sugar 3 Marzo 2020 - 13:30

La parentela con Rocky Joe, il regista famoso, la sigla riciclata... sette curiosità su Forza Sugar.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Dark Angel 27 Febbraio 2020 - 16:15

Jessica Alba, il 2019 post-apocalittico visto dal 2000 e la prima infatuazione di James Cameron per Alita.