L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L’Uomo Invisibile e l’incredibile successo della Blumhouse!

L’Uomo Invisibile e l’incredibile successo della Blumhouse!

Di Matioski

Nel contesto di una Hollywood abituata a blockbuster altisonanti, budget alle stelle e spese folli, la Blumhouse Productions si staglia come un’alternativa vincente. La casa di produzione fondata nel 2000 da Jason Blum è specializzata in pellicole dai costi irrisori, ma capaci di ottenere risultati ai botteghini più che dignitosi. Una scommessa che non sempre ha generato risultati qualitativi all’altezza. L’Uomo Invisibile, tuttavia, sembra aver soddisfatto anche i palati più fini.

Il film nasce dalle ceneri del fu Dark Universe, il tentativo di creare un universo narrativo coeso popolato dai celebri mostri classici della Universal. Il progetto naufragò immediatamente, dopo il flop de La Mummia con Tom Cruise. Tra le pellicole già programmate, spiccava proprio L’Uomo Invisibile. Nel ruolo del protagonista si sarebbe dovuto calare Johnny Depp. Tutti i piani, però, sono saltati, e la Blumhouse è entrata in gamba tesa con il preciso intento di rimettere insieme i pezzi.

Un successo immediato

Del soggetto iniziale è rimasto ben poco, se non l’intento di rinfrescare la figura classica dell’Uomo Invisibile. Nell’interpretazione del regista Leigh Whannell, storico collaboratore di James Wan, il mostro diventa uno stalker, un predatore domestico. Una chiave di lettura molto interessante, enunciata in modo chiaro nel primo trailer del film. La protagonista, Elisabeth Moss, si trova sulla cresta dell’onda dopo la sua partecipazione alla serie The Handmaid’s Tale.

Il risultato è un lungometraggio capace di conquistare 50 milioni di dollari nel primo weekend di programmazione internazionale. A fronte di un budget di soli 7 milioni. Attualmente l’emergenza sanitaria ha fatto ritardare l’uscita del film nelle sale nostrane, ma L’Uomo Invisibile è già ampiamente rientrato nei costi, pronto a macinare profitto. Sul fronte della critica, poi, la pellicola è stata promossa con un sonante 91% di recensioni positive sul portale Rotten Tomatoes.

Il modello Blumhouse

Il modello della Blumhouse funziona, e ha molto da insegnare all’industria dell’intrattenimento cinematografico. Con le pericolose sirene delle piattaforme streaming alle porte, la sopravvivenza delle sale sembra poggiarsi sui grandi film-evento, capaci di calamitare l’attenzione del grandissimo pubblico con lustrini e paillettes. I budget lievitano sempre di più, ripercuotendosi sui costi dei biglietti, sempre più esosi per rimpinguare le casse delle major.

In questo scenario, la Blumhouse dimostra che c’è ancora spazio per pellicole di genere a basso costo. Esperimenti che permettono a registi indipendenti di mettersi in luce, facendo di necessità virtù. Non sono necessari budget gargantueschi per raccontare storie appassionanti. Il cinema di genere può ritornare alle radici, ripulendosi dagli effetti visivi magniloquenti per puntare al cuore del racconto. A dimostrarlo, almeno in questo caso, il beneplacito di pubblico e critica.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

La regina degli scacchi – Magnus Carlsen commenta la finale in un video 24 Gennaio 2021 - 21:00

Netflix ha pubblicato un video in cui il gran maestro norvegese Magnus Carlsen commenta la finale tra Beth e Borgov ne La regina degli scacchi.

Tilda Swinton in The Eternal Daughter della Hogg e Immunodeficiency di Christopher Doyle 24 Gennaio 2021 - 20:07

I prossimi progetti di Tilda Swinton sono The Eternal Daughter, già girato da Joanna Hogg e Immunodeficiency di Christopher Doyle

WandaVision – Paul Bettany dice che l’episodio 4 ci “sbalordirà” 24 Gennaio 2021 - 20:00

Rispondendo agli elogi di Chris Hewitt su Twitter, Paul Bettany assicura che il quarto episodio di WandaVision sarà sbalorditivo. Inoltre, un nuovo spot con le reazioni della critica.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.