L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
La storia del logo Columbia Pictures e di Jennifer Joseph, la Torch Lady

La storia del logo Columbia Pictures e di Jennifer Joseph, la Torch Lady

Di Filippo Magnifico

Gli appassionati di cinema conoscono molto bene il logo della Columbia Pictures. Nasce nel 1924 e mostra una donna, conosciuta in tutto il mondo come la “Torch Lady”.

A quel tempo, negli anni ’20, la Columbia è una casa di produzione cinematografica specializzata in film a basso budget, per la maggior parte Wester, e sta cercando di imporsi sul mercato con una nuova veste.
Per il logo decide di optare su qualcosa di rassicurante, in grado di raggiungere immediatamente il cuore del pubblico americano.

Citando Ghostbusters 2, serve “Un che di buono. Un che di degno. Un che di puro“.
Serve, in poche parole, la donna più famosa d’America: la Statua della Libertà, che diventa la principale fonte di di ispirazione.

Quel logo, così imponente, così rassicurante, passa attraverso diverse trasformazioni, aggiornandosi con i tempi ma mantenendo sempre la stessa solennità.
Fino ai primi anni ’90, quando il marchio ha bisogno di un ulteriore svecchiamento.
È a quel punto che interviene Michael Deas, l’artista incaricato dalla compagnia di ridipingere il logo.
Deas non viene contattato direttamente dalla Columbia, al tempo impegnata con una profonda riorganizzazione. La riprogettazione è gestita da uno studio di design con sede a Los Angeles, The Mednick Group.

I lavori durano mesi e mentre si cerca il volto giusto per la nuova “Torch Lady” vengono fatti i consueti scatti di prova, utili per agevolare il lavoro.
Delle foto si occupa Kathy Anderson, che si avvale dell’aiuto, come modella provvisoria, di Jennifer Joseph, sua assistente.
Kathy organizza un set fotografico nel suo appartamento di New Orleans, veste di bianco e celeste la sua amica Jenny, le chiede di stringere nella sua mano un candelotto collegato alla corrente elettrica.

Il risultato? Perfetto, a tal punto che la ricerca di una modella diventa inutile e quegli scatti vengono usati per la nuova versione del logo.


Il logo della Columbia Pictures e la foto di Kathy Anderson.

La giovane Jennifer, grafica pubblicitaria, entra così nella storia del cinema. Praticamente per caso.

L’evoluzione del logo Columbia Pictures

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Uprising: Travis Knight dirigerà il film di vampiri Netflix 17 Maggio 2021 - 21:00

Da un romanzo di Raymond Villareal, un action-horror prodotto da Shawn Levy e incentrato su una rivolta globale di vampiri

Joshua Jackson è un chirurgo omicida nel trailer di Dr. Death 17 Maggio 2021 - 20:30

La storia vera di un neurochirurgo folle, con Joshua Jackson nel ruolo del protagonista. Ecco il trailer di Dr. Death.

Master of None: un video ci porta alla scoperta della stagione 3 17 Maggio 2021 - 20:15

La terza stagione di Master of None sarà disponibile su Netflix a partire dal 23 maggio. Possiamo conoscerla meglio grazie a questo video.

M.O.D.O.K., la recensione del primo episodio 17 Maggio 2021 - 10:23

Abbiamo visto in anteprima il nuovo, divertente show animato Marvel, dedicato al quel capoccione di M.O.D.O.K.

Love, Death & Robots, la seconda stagione 14 Maggio 2021 - 15:49

Sbarca su Netflix la seconda stagione di Love, Death & Robots: pochi robot, un po' di amore, abbastanza morti.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.