L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
I PEGGIORI film da vedere durante la quarantena

I PEGGIORI film da vedere durante la quarantena

Di Andrea Suatoni

Stanchi dei consigli riguardo le pellicole all’ultimo grido o le serie più acclamate da guardare sul divano in questi giorni di reclusione forzata? In questo speciale riportiamo una lista di alcuni dei peggiori film mai prodotti nella storia del cinema, alcuni dei quali sono con il tempo diventati cult proprio perché… Incredibilmente “brutti”. Ecco di seguito le nostra particolarissima “selezione”!

ALEX L’ARIETE – 2000

Le entrate italiane in questa lista hanno rischiato di essere moltissime, ma abbiamo infine deciso di limitarci a due soltanto; la prima di queste riprende l’esordio sul grande schermo del celebre sciatore Alberto Tomba, cui il gruppo Cecchi Cori propose il film negli anni d’oro della sua popolarità, vestendolo dei panni di un poliziotto la cui caratteristica principale era una particolare abilità… nello sfondare porte (da qui L’Ariete).
Una più che minoritaria parte della critica è convinta che ci sia dello spirito parodistico alla base del film (come a dire: è impossibile che il prodotto finale volesse essere davvero questo), ma l’amara verità è che fin dalla sua uscita nelle sale nel 2000 Alex L’Ariete fu eletto a pellicola simbolo del cinema trash, diventando quasi immediatamente un cult, con il suo montaggio approssimativo, la sua trama superficiale, la recitazione incommentabile di Tomba ed anche una Michelle Hunziker alle prime armi che provava, inconsapevolmente quanto inutilmente, a limitare i danni.

THE ROOM – 2003

The Room del regista Tommy Wiseau venne immediatamente stroncato dalla critica al tempo della sua uscita nel 2003, a causa della sua trama inconcludente e ricchissima di buchi di sceneggiatura, ma anche a causa di interpretazioni (fra cui quella del regista, anche protagonista e sceneggiatore della sua opera) davvero bizzarre. Dall’inizio alla fine, il film non ha il minimo senso: quello che succede sullo schermo, il modo in cui gli attori enfatizzano particolari scene, la costruzione delle scenografie… uno sfacelo totale.
Nel 2017 il film è tornato alla ribalta grazie a The Disaster Artist, pellicola (candidata all’Oscar per la Miglior Sceneggiatura non Originale) che ripercorre la storia della lavorazione di The Room con James Franco nel ruolo di Tommy Wiseau.

E VENNE IL GIORNO – 2008

Arrivato dopo un periodo dorato per il celebre regista M. Night Shyamalan, E Venne il Giorno non solo venne completamente bocciato da critica e pubblico, ma collezionò anche una lunga serie di candidature ai famigerati Razzie Awards.
La trama ruota attorno ad una sorta di ribellione delle piante verso gli umani, che vengono spinti tramite un particolare feromone verso irrefrenabili istinti suicidi. Il sottotesto ambientalista che il film tenta di trasmettere sarebbe potuto anche essere apprezzabile, ma l’intera struttura narrativa del film cade continuamente nel ridicolo; addirittura anche le scelte di regia, che arrivano ad indugiare su un “vento assassino” da cui i protagonisti tentano di fuggire (per evitare di respirare i temibili feromoni), risultano bislacche e prive di senso. Al tutto si aggiunge una terribile performance del protagonista Mark Wahlberg, sicuramente una delle peggiori della sua carriera.

TROPPO BELLI – 2005

“A volte nelle città italiane, nascono e crescono dei ragazzi… troppo belli!” Così recita l’incipit del film, un’altra “perla” italiana impossibile da non citare: al tempo della maggiore esposizione degli ex tronisti Costantino Vitagliano e Daniele Interrante, da un’idea di Maurizio Costanzo (qui anche sceneggiatore) arrivava una pellicola che quasi all’unanimità è stata definita la peggiore produzione italiana mai arrivata sul grande schermo.
Troppo Belli sembra fin dall’inizio una parodia di sé stesso: regia, montaggio, doppiaggio (non citiamo neanche la recitazione), nulla si salva in questo film che sembra girato in maniera amatoriale e senza alcuna cura.

THE MANGLER – 1995

themangleropening28_opt

Tratto dal racconto Il Compressore di Stephen King, The Mangler può essere definito con quasi totale sicurezza il peggior adattamento cinematografico tratto da un’idea del “maestro del brivido”. La vicenda ruota attorno ad una macchina stiratrice assassina, che in quanto posseduta da un demone, riesce ad influenzare mentalmente tutte le persone che, a causa di incidenti più o meno fortuiti, perdono una parte del corpo fra i suoi ingranaggi. Robert “Nightmare” Englund interpreta l’antagonista principale, se escludiamo la macchina, che… Sul finire del film apre gli occhi, si anima e prende vita, iniziando ad inseguire i protagonisti.

CATWOMAN

Doveroso un “esponente” del genere cinecomic: La pellicola basata sul personaggio di Catwoman, nella versione dell’antieroina dipinta da Halle Barry, è con tutta probabilità il peggiore esempio di trasposizione dal fumetto al grande schermo. Il film rispecchia una totale mancanza di rispetto per il personaggio, ed in effetti da esso prende in prestito solo il nome di battaglia ed alcune caratteristiche: Selina Kyle diventa Patience Phillips, viene estremamente sessualizzata (dalla mise succinta ai risvolti saffici) ed inserita in una storia poco coerente e mal raccontata. Un totale insuccesso commerciale che si aggiudicò 4 Razzie Awards (Peggior film, Peggiore Attrice Protagonista, Peggior Regista e Peggior Sceneggiautra) a fronte di 7 candidature.

BIRDEMIC – 2008

Un altro film giudicato uno dei peggiori della storia del cinema è Birdemic, B-movie che ruota attorno ad un virus zombie che colpisce solamente le aquile. O almeno così appare all’inizio: il film cambia motivazioni e trama più volte, al’insegna dell’incoerenza e del non-sense (emblematico il finale in cui i protagonisti vengono salvati da uno stormo di colombe di passaggio). Birdemic è assato alla storia per la qualità estremamente scadente degli effetti speciali di computer grafica e per la incredibile incapacità degli attori, che fece a lungo dubitare che essi fingessero con intento parodistico.

BLACK SHEEP – PECORE ASSASSINE

Un altro cult da vedere assolutamente: durante la visione di Black Sheep, lo spettatore sarà continuamente portato a chiedersi se il film vuole essere una quasi intelligente parodia di sé stesso o se la produzione era composta da un team di pazzi scatenati.
Black Sheep, arrivato nel 2006 nelle sale (nel 2008 anche in quelle italiane!) racconta la storia di una cittadina di provincia dove, per produrre della lana di qualità migliore, degli imprenditori hanno modificato geneticamente delle pecore… Rendendole involontariamente violente ed affamate di carne umana.
Fin qui si potrebbe pensare di poter vedere una divertente e bislacca comedy horror: il film però si prende talmente sul serio in ogni sua scena che è impossibile non dubitare di cosa si stia in realtà susseguendo sullo schermo. Troppo difficile da spiegare, Black Sheep va davvero visto, anche solo per capire come mai alcuni degli aggregatori più importanti nel web gli abbiano attribuito valutazioni tutto sommato positive.

HOUSE OF THE DEAD – 2003

House_of_the_Dead_6778283_opt

Un tripudio di nonsensescelte sbagliate e pessima realizzazione. Tratto dal videogioco House of the Dead del 1997 della Sega, uno sparatutto in prima persona, il film omonimo uscito nel 2003 tenta di riportare sullo schermo alcune dinamiche totalmente videoludiche intraducibili in un linguaggio cinematografico, con risultati da far accapponare la pelle: come nella delirante sequenza in cui i sopravvissuti vengono “presentati” allo spettatore come personaggi da poter scegliere in base alle proprie diverse abilità. Non avete capito cosa stiamo intendendo? In effetti non è possibile senza dare uno sguardo al film, che meriterebbe quasi un posto fra i cult trash alla Sharknado o all’appena nominato Black Sheep. Alla regia del raffazzonato “zomB-Movie”, lo stesso Uwe Boll di Alone in the Dark (altro film per poco non finito in questa classifica), qui al suo primissimo film in attivo (incassò 13 milioni di dollari a fronte di una spesa di 12).

THE HUMAN CENTIPEDE 3 – 2015

Terminiamo con una delle saghe peggiori che abbiano visto la luce sul grande schermo: The Human Centipede racconta in 3 diverse pellicole non del tutto unite fra loro a livello narrativo la creazione di un “Millepiedi umano”, unendo chirurgicamente bocche e ani dei malcapitati di turno. Il terzo capitolo è all’unanimità considerato il peggiore, con il suo “millepiedi” composto di 500 detenuti di una prigione. Ma non essendoci mai limite al peggio, il regista Tom Six pare sia al lavoro su uno spin-off: The Human Caterpillar (il bruco umano, composto di persone cui verranno amputate braccia e gambe) potrebbe presto arrivare nei cinema.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Padrenostro, Endles e gli altri film della settimana 24 Settembre 2020 - 10:30

Nuovi film sono pronti per arrivare nelle sale a partire da oggi, scopriamoli insieme.

The Undoing – Trailer ufficiale per la miniserie HBO con Nicole Kidman 24 Settembre 2020 - 9:45

È disponibile il trailer ufficiale di The Undoing, la miniserie con Nicole Kidman e Hugh Grant basata sul romanzo di Jean Hanff Korelitz.

Justice League – Zack Snyder girerà nuove scene con gli attori per la Snyder Cut 24 Settembre 2020 - 8:45

Zack Snyder, Ben Affleck, Gal Gadot, Henry Cavill e Ray Fisher torneranno sul set in ottobre per girare nuove scene di Justice League. Inoltre, THR svela altri dettagli sui reshoot con Joss Whedon.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.