L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Gran Torino – I Primi 10 Minuti e 10 Curiosità sul film

Gran Torino – I Primi 10 Minuti e 10 Curiosità sul film

Di Andrea Suatoni

—–ATTENZIONE: L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER RIGUARDO LA TRAMA DEL FILM—–

Uno dei più amati film che vedono Clint Eastwood dietro la macchina da presa è sicuramente Gran Torino del 2008, pellicola che racconta la storia della toccante amicizia fra un ex reduce della guerra di Corea di inizio anni ’50 ed una famiglia di origini asiatiche, con al centro della scena una fiammante Ford Gran Torino (automobile resa celebre dalla nota serie televisiva Starsky e Hutch).
Warner Bros ha reso disponibili su Youtube i primi 10 minuti della pellicola, mentre di seguito elenchiamo una serie di curiosità che svelano interessanti retroscena riguardo la sua lavorazione. Se invece volete vedere, o rivedere, il film completo, potete trovarlo a QUESTO LINK!

1 – Il film si apre con un funerale e si chiude con un altro: all’inizio quello di Dorothy, la moglie di Walt, mentre alla fine è proprio il protagonista interpretato dal regista stesso della pellicola Clint Eastwood a morire. Si tratta delle uniche due morti nell’intera economia del film.

2 – Il cane del protagonista Walt, Daisy, è in realtà l’amatissimo cane di famiglia di Clint Eastwood.

3 – Nel film, Walt non viene mai visto alla guida della sua Gran Torino, poiché l’auto che usa quotidianamente è una F100. E’ invece il giovane Thao – e solamente lui – che vediamo alla guida dell’auto, che al termine della pellicola gli viene lasciata in eredità.

4Thao e la sua famiglia fanno parte della comunità hmong, un popolo etnico asiatico che vive principalmente nelle regioni montane della Cina del sud, in Vietnam, in Laos, in Birmania ed in Thailandia del Nord. Le popolazioni hmong furono strumentali per la CIA durante la Guerra Civile Laotiana, che si accavallò alla contemporanea Guerra del Vietnam; in seguito alla risoluzione del conflitto negli anni ’70, furono moltissimi i hmong che chiesero (ed ottennero) asilo agli Stati Uniti per evitare di essere sterminati a causa della loro collaborazione con la CIA.

5 – In una scena del film, Walt accarezza ad una festa a casa dei suoi vicini la testa di una ragazzina hmong, scatenando scompiglio tra gli invitati e al tempo stesso dando luogo a un effetto comico per lo spettatore. Il significato della scena va ricercato all’interno della tradizione del popolo hmong: questi infatti credono che nella testa risieda l’anima di una persona, ed ogni gesto rivolto ad essa è visto come in grado di comprometterne l’integrità (soprattutto se compiuto verso qualcuno in giovane età).

6 – In termini di box office, Gran Turismo rappresenta il film di maggior successo di Clint Eastwood, relativamente ai nudi incassi; tenendo conto dell’inflazione invece si trova al terzo posto, dopo Filo da Torcere (del 1978) e Fai Come ti Pare (uscito nel 1980).

7 – Il personaggio di Walt vanta nella storia origini polacche; il suo cognome, Kowalsky, è talmente comune in Polonia da poter essere accomunato al nostrano “Rossi” o al cognome “Smith” negli Stati Uniti. In America è uso comune indicare con il termine “kowalsky” genericamente una persona di origini polacche.

8 – Secondo alcuni, Gran Torino è considerato l’unico film della carriera di Clint Eastwood in cui un personaggio da lui interpretato “perde” durante un duello o una sparatoria. In realtà, non si può dire che Walt abbia “perso”, poiché ciò che accade era stato da lui accuratamente previsto.

9 – Molti fan di Clint Eastwood hanno palesato un parallelismo fra Gran Torino ed il suo film Gli Spietati del 1992. In entrambi interpreta un personaggio della vecchia scuola che ha difficoltà ad adattarsi alla modernità incalzante, solitario e vedovo. Gli Spietati inoltre era visto come il film dell’addio di Eastwood al genere western, così come Gran Torino era visto come il film dell’addio alla carriera recitativa.

10Gran Torino era infatti come appena detto inteso inizialmente come l’ultimo film della carriera di Clint Eastwood in veste di attore: la struggente morte del suo personaggio alla fine della pellicola voleva sottointendere simbolicamente al suo ritiro dalle scene (e curiosamente è infatti l’unico film che vede un personaggio da lui interpretato perdere la vita sul grande schermo). 4 anni dopo però, nel 2012, venne convinto dal regista Robert Lorenz ad interpretare il protagonista del suo film Di Nuovo in Gioco. Da allora abbiamo rivisto Eastwood anche in American Sniper (in un cameo) e nel suo film Il Corriere – The Mule lo scorso 2018.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Godzilla Vs. Kong – I titani si affrontano nei nuovi poster 8 Marzo 2021 - 14:15

Il Re dei Mostri e l'Ottava Meraviglia del Mondo si preparano allo scontro nei nuovi poster di Godzilla Vs. Kong, in uscita a fine mese negli Stati Uniti.

The Pale Blue Eye: Netflix acquista il thriller gotico con Christian Bale 8 Marzo 2021 - 13:15

Il film, diretto da Scott Cooper e tratto dal romanzo di Louis Bayard, è stato acquistato all'European Film Market per una cifra record

Top Streaming: da WandaVision a Ginny & Georgia, le serie tv e i film più visti negli ultimi sette giorni 8 Marzo 2021 - 13:10

Quali sono i contenuti più visti su Netflix e Disney+ negli ultimi sette giorni? Ecco le Top 10 divise per film e serie tv.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.