L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Casablanca – I Primi 10 minuti e 10 curiosità sul film

Casablanca – I Primi 10 minuti e 10 curiosità sul film

Di Andrea Suatoni

Casablanca è uno dei film più celebri, amati e premiati della storia del cinema; un grande classico impossibile da perdere per ogni amante del buon cinema diretto di Michael Curtiz e che vede protagonisti Humprey Bogart (nel ruolo di Rick, ex contrabbandiere) ed Ingrid Bergman (Ilsa, la donna di cui Rick è innamorato, in fuga dal Regime Nazista insieme a suo marito).
Warner Bros ha reso disponibili su Youtube i primi 10 minuti del film, che vi mostriamo qui di seguito; per il film completo invece potere cliccare QUI!
In basso invece, una serie di interessanti curiosità che svelano alcuni dei retroscena della pellicola!

1Casablanca è un film fortemente anti-nazista: Warner fu il primissimo studio hollywoodiano a schierarsi apertamente (e fieramente) contro il nazismo (già negli anni ’30), ed il primo a proibire la distribuzione dei suoi film nei territori sottoposti al regime nazista. Tutti gli attori che interpretano dei nazisti all’interno del film sono in realtà tedeschi ebrei fuggiti dalla Germania.

2 – In tutte le scene in cui Humprey Bogart compare accanto ad Ingrid Bergman, l’attore era costretto ad indossare delle calzature dotate di un notevole rialzo per cercare di compensare la grande differenza di altezza fra i due. Le calzature non sono sempre state le stesse durante le riprese, ed è quindi possibile notare all’interno del film differenze di altezza variabili fra i due attori.

3Casablanca, in Marocco, fu la città scelta per ambientare il film (sostituendo l’opzione precedente, Lisbona in Portogallo) poiché fu storicamente un luogo chiave per i rifugiati in fuga dall’Europa occupata Nazista.

4 – La prima scena che fu girata fu una di quelle che riguardano il flashback ambientato a Parigi. Lo script al tempo no era ancora stato terminato, e sia Humprey Bogart che Ingrid Bergman si trovarono in difficoltà ad entrare appieno nei propri personaggi; in particolare, la Bergman non sapeva se avesse dovuto mostrare il proprio personaggio più incline ad essere innamorata di Rick o di Victor Laszlo. Il regista Michael Curtiz le consiglio un’interpretazione “a metà” fra le due opzioni.

5 – Il ruolo del protagonista sarebbe dovuto andare a Ronald Reagan, futuro Presidente degli Stati Uniti che al tempo era un apprezzato attore; all’ultimo gli fu preferito invece George Raft, che però rinunciò poco dopo. La produzione tornò da Reagan che rifiutò sdegnosamente, avendo già accettato di recitare in Million Dollar Baby; infine la scelta ricadde su Humprey Bogart.

6 – Nel Dicembre del 2012, l’iconico pianoforte di Sam fu venduto ad un’asta di collezionisti di cimeli cinematografici al prezzo di seicentomila dollari.

7 – Al termine del film, una questione rimane aperta: perché Rick non poteva tornare in America? Gli sceneggiatori Julius e Philip Epstein cercarono a lungo una motivazione valida, ma nulla sembrava davvero adatto; alla fine, decisero di lasciare la questione aperta (ma senza modificare la situazione, poiché funzionale alla storia).

8 – Oltre ad aver vinto 3 Oscar (Miglior Film, Migliore Regia per Michael Curtiz e Miglior Sceneggiatura non Originale per i fratelli Julius e Philip Epstein) a fronte di 8 nomination, il film è stato inserito al terzo posto dei migliori film della storia del cinema dall’American Film Institute nel 2007 (la classifica precedente, datata 1998, lo vedeva al secondo posto).

9 – Per tentare un interessante esperimento, nel 1980 lo script del film venne mandato ad un gran numero di studi cinematografici con il suo nome originale, “Everybody comes to Rick’s”. In molti non riconobbero lo script, e fra questi alcuni lo rifiutarono, principalmente per la mancanza di scene di sesso.

10 – Sono moltissime le frasi iconiche tratte dal film e diventate parte integrante della cultura pop. Fra queste, addirittura 6 sono state inserite nella lista dell’American Film Institute delle 100 citazioni migliori della storia del cinema:

«Alla tua salute, Bambina» (quinto posto)

«Louis, forse oggi noi inauguriamo una bella amicizia» (ventesimo posto)

«Suonala, Sam. Suona “Mentre il tempo passa”» (ventottesimo posto)

«Fermate i soliti sospetti» (trentaduesimo posto)

«Avremo sempre Parigi» (quarantatreesimo posto)

«Con tanti ritrovi nel mondo, doveva venire proprio nel mio» (sessantasettesimo posto)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere, tradizione e innovazione nella nuova serie Amazon 16 Agosto 2022 - 17:45

In un nuovo articolo pubblicato da Time scopriamo ulteriori segreti sull'attesa "serie più costosa mai realizzata"

NOPE: Daniel Kaluuya e Keke Palmer ci parlano delle loro serie preferite 16 Agosto 2022 - 16:59

Abbiamo incontrato Daniel Kaluuya e Keke Palmer, ora nelle sale italiane con il nuovo film di Jordan Peele NOPE, e abbiamo parlato con loro di serie tv.

Mercoledì: la Famiglia Addams al completo nelle nuove immagini della serie di Tim Burton 16 Agosto 2022 - 16:12

Vanity Fair ci permette di dare un nuovo sguardo a Mercoledì, la serie sulla Famiglia Addams creata da Tim Burton per Netflix.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?

Prey: il film “Predator contro i Comanche”, fortunatamente, fa il suo 3 Agosto 2022 - 18:01

E ci riesce ribaltando in continuazione i concetti di preda e predatore. Le nostre impressioni sul prequel di Predator, in uscita il 5.