L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Bloodshot, la recensione del cinecomic con Vin Diesel

Bloodshot, la recensione del cinecomic con Vin Diesel

Di Adriano Ercolani

È arrivato nelle sale americane il cinecomic fortemente voluto da Vin Diesel, il quale ha portato sul grande schermo il fumetto della Valiant. Diretto dall’esordiente David F.S. Wilson, Bloodshot è un esperimento produttivo e cinematografico abbastanza interessante nelle premesse: un budget medio – 45 milioni di dollari – una star di livello assoluto come Diesel, un gruppo di comprimari più o meno conosciuti e l’intenzione precisa di costruire il prodotto come un videogioco. Tutte queste componenti mescolate più o meno con cura hanno portato a un film piuttosto difficile da interpretare, che punta tutto o quasi sull’idea della “giocabilità” di storia e personaggi.

Lo spunto iniziale che permette alla trama di riavvolgersi in continuazione regala a Wilson la possibilità di organizzare la messa in scena all’insegna dell’iper-tecnologia: Bloodshot di conseguenza risulta un film in cui spesso la visione diventa più importante dello sviluppo delle psicologie dei vari personaggi. In particolar modo Ray Garrison/Bloodshot in più di un’occasione viene percepito come una marionetta nelle mani del “mastermind” Guy Pearce, e questo non permette al personaggio di sviluppare il necessario status epico per diventare un supereroe sulla scala di quelli targati Marvel o DC. Pur potendosi gustare lo spettacolo di un prodotto volutamente hi-tech Bloodshot non arriva mai o quasi a possedere il respiro e l’ampiezza dei cinecomic contemporanei, mentre sembra costantemente risultare una “scaramuccia” tra il super-soldato costruito al computer e i suoi creatori che vogliono utilizzarlo per i propri, opportunistici scopi.

Ma come scritto all’inizio, il lungometraggio di Wilson non possiede le dimensioni produttive di un blockbuster, e l’idea di contenerne le pretese è tutt’altro che sbagliata. Ci sono momenti poi in cui ci si diverte a seguire le gesta dell’eroe impossibile da fermare: merito che deve essere attribuito principalmente ai personaggi di contorno, interpretati ad esempio da un Lamorne Morris piuttosto spiritoso e da una carismatica Eiza González, probabilmente la sorpresa migliore del film. Come sempre un discorso a parte merita il talento di Guy Pearce, il quale dipinge un “villain” manipolatore ma anche ansioso, fragile, umano nelle sue sfaccettature. Vin Diesel è sicuramente in parte nel ruolo di Bloodshot e vedendo il film si capisce che deve essersi divertito un mondo a interpretarlo. La star però sfrutta eccessivamente l’icona che si è costruito con la saga di Fast and Furious, e non perde mai l’occasione di sfoderare la canottiera bianca che ha appunto reso iconico Dominic Toretto. Il fatto è che addosso ad altri personaggi rischia di ottenere un risultato parodico…

Pop-corn movie che punta tutto su un’idea di visione/videogioco di fruizione veloce e indolore, Bloodshot è un ibrido squilibrato ma abbastanza interessante: può questo tipo di produzione essere un’alternativa valida ai budget sempre più incontenibili dei grandi cinecomic moderni? Vin Diesel e il suo film provano almeno a indicare la via per un tipo di cinema di puro intrattenimento – non autoriale come Joker, tanto per intenderci – che potrebbe senz’altro essere seguita da altri. Aspettiamo e vedremo…

CORONAVIRUS: QUI l'elenco completo, in costante aggiornamento, di tutti i principali blockbuster che hanno subito uno slittamento sulla data di uscita o hanno optato per una distribuzione digitale.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Drew Struzan condivide su Facebook i suoi poster più famosi: “Vi ricorderanno momenti felici” 30 Marzo 2020 - 11:15

L'artista Drew Struzan ha riproposto alcune delle sue opere migliori su Facebook, lanciando un messaggio speranza a tutte le persone che, per contrastare l’emergenza Coronavirus, sono chiuse dento casa in auto-isolamento.

The Office – Una reunion tra John Krasinski e Steve Carell per Some Good News 30 Marzo 2020 - 10:30

John Krasinski lancia Some Good News, il suo telegiornale dedicato alle buone notizie, e nella prima edizione fa un collegamento con Steve Carell per il quindicesimo anniversario di The Office.

Westworld – Il promo dell’episodio 4 e il backstage del terzo 30 Marzo 2020 - 9:30

Il ritorno dell'Uomo in Nero nel promo di The Mother of Exiles, quarto episodio di Westworld. Inoltre, una featurette ci porta dietro le quinte del terzo.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Colombo 4 Marzo 2020 - 17:11

La storia di Colombo: i tre volti del tenente, Mrs. Columbo, Spielberg e...

7 cose che forse non sapevate su Forza Sugar 3 Marzo 2020 - 13:30

La parentela con Rocky Joe, il regista famoso, la sigla riciclata... sette curiosità su Forza Sugar.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Dark Angel 27 Febbraio 2020 - 16:15

Jessica Alba, il 2019 post-apocalittico visto dal 2000 e la prima infatuazione di James Cameron per Alita.