Bloodshot, la recensione del cinecomic con Vin Diesel

Bloodshot, la recensione del cinecomic con Vin Diesel

Di Adriano Ercolani

È arrivato nelle sale americane il cinecomic fortemente voluto da Vin Diesel, il quale ha portato sul grande schermo il fumetto della Valiant. Diretto dall’esordiente David F.S. Wilson, Bloodshot è un esperimento produttivo e cinematografico abbastanza interessante nelle premesse: un budget medio – 45 milioni di dollari – una star di livello assoluto come Diesel, un gruppo di comprimari più o meno conosciuti e l’intenzione precisa di costruire il prodotto come un videogioco. Tutte queste componenti mescolate più o meno con cura hanno portato a un film piuttosto difficile da interpretare, che punta tutto o quasi sull’idea della “giocabilità” di storia e personaggi.

Lo spunto iniziale che permette alla trama di riavvolgersi in continuazione regala a Wilson la possibilità di organizzare la messa in scena all’insegna dell’iper-tecnologia: Bloodshot di conseguenza risulta un film in cui spesso la visione diventa più importante dello sviluppo delle psicologie dei vari personaggi. In particolar modo Ray Garrison/Bloodshot in più di un’occasione viene percepito come una marionetta nelle mani del “mastermind” Guy Pearce, e questo non permette al personaggio di sviluppare il necessario status epico per diventare un supereroe sulla scala di quelli targati Marvel o DC. Pur potendosi gustare lo spettacolo di un prodotto volutamente hi-tech Bloodshot non arriva mai o quasi a possedere il respiro e l’ampiezza dei cinecomic contemporanei, mentre sembra costantemente risultare una “scaramuccia” tra il super-soldato costruito al computer e i suoi creatori che vogliono utilizzarlo per i propri, opportunistici scopi.

Ma come scritto all’inizio, il lungometraggio di Wilson non possiede le dimensioni produttive di un blockbuster, e l’idea di contenerne le pretese è tutt’altro che sbagliata. Ci sono momenti poi in cui ci si diverte a seguire le gesta dell’eroe impossibile da fermare: merito che deve essere attribuito principalmente ai personaggi di contorno, interpretati ad esempio da un Lamorne Morris piuttosto spiritoso e da una carismatica Eiza González, probabilmente la sorpresa migliore del film. Come sempre un discorso a parte merita il talento di Guy Pearce, il quale dipinge un “villain” manipolatore ma anche ansioso, fragile, umano nelle sue sfaccettature. Vin Diesel è sicuramente in parte nel ruolo di Bloodshot e vedendo il film si capisce che deve essersi divertito un mondo a interpretarlo. La star però sfrutta eccessivamente l’icona che si è costruito con la saga di Fast and Furious, e non perde mai l’occasione di sfoderare la canottiera bianca che ha appunto reso iconico Dominic Toretto. Il fatto è che addosso ad altri personaggi rischia di ottenere un risultato parodico…

Pop-corn movie che punta tutto su un’idea di visione/videogioco di fruizione veloce e indolore, Bloodshot è un ibrido squilibrato ma abbastanza interessante: può questo tipo di produzione essere un’alternativa valida ai budget sempre più incontenibili dei grandi cinecomic moderni? Vin Diesel e il suo film provano almeno a indicare la via per un tipo di cinema di puro intrattenimento – non autoriale come Joker, tanto per intenderci – che potrebbe senz’altro essere seguita da altri. Aspettiamo e vedremo…

LEGGI ANCHE

Superman: James Gunn annuncia l’inizio delle riprese e svela il logo 1 Marzo 2024 - 9:00

Il film di James Gunn s'intitolerà semplicemente Superman, e le riprese sono iniziate ieri: ecco il primo dettaglio del costume.

Ray Winstone non ha un bel ricordo della sua esperienza in Black Widow 29 Febbraio 2024 - 12:30

Ray Winstone, interprete del Generale Dryakov, spiega perché la sua esperienza in Black Widow non è stata piacevole.

Thunderbolts, Florence Pugh rivela che le riprese sono iniziate 27 Febbraio 2024 - 9:15

Florence Pugh rivela che le riprese di Thunderbolts sono iniziate, mentre Lewis Pullman non conferma il suo casting.

Detective Conan: The Million Dollar Signpost riceve il più alto numero di sale a livello nazionale per un anime 26 Febbraio 2024 - 21:36

Detective Conan: The Million Dollar Signpost riceverà il più alto numero di sale a livello nazionale per un film animato in Giappone

Dune – Parte Due, cosa e chi dovete ricordare prima di vederlo 27 Febbraio 2024 - 11:57

Un bel ripassino dei protagonisti e delle loro storie, se è passato un po' di tempo da quando avete visto Dune.

City Hunter The Movie: Angel Dust, la recensione 19 Febbraio 2024 - 14:50

Da oggi al cinema, per tre giorni, il ritorno di Ryo Saeba e della sua giacca appena uscita da una lavenderia di Miami Vice.

X-Men ’97: che fine ha fatto Xavier (e perché ora c’è Magneto con gli X-Men)? 16 Febbraio 2024 - 10:44

Come si era conclusa la vecchia serie animata degli anni 90? Il Professor Xavier era davvero morto? (No)

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI