L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Oscar 2020 – La lotta di classe vince contro tutti, Hollywood compresa

Oscar 2020 – La lotta di classe vince contro tutti, Hollywood compresa

Di Lorenzo Pedrazzi

LEGGI ANCHE: Tutti i vincitori degli Oscar 2020

Non sempre l’Academy premia il sogno, l’evasione, il cinema romantico. Ci sono momenti storici in cui le tensioni della contemporaneità bussano alla porta, e sono impossibili da ignorare persino nella bolla surreale degli Oscar, traboccante di dépense, inutili sfarzi e privilegi. Anche così – e non solo per la sua innegabile qualità artistica – si spiega il trionfo di Parasite in questa edizione degli Academy Awards, dove le produzioni hollywoodiane sono state surclassate dal film di Bong Joon-ho in tutte le categorie importanti, attori esclusi.

D’altra parte, una forte vena politica ha animato il cinema del 2019, con svariati autori della Settima Arte che hanno preso le parti dell’1% per raccontare il conflitto tra vincitori e vinti, sfruttatori e sfruttati, mettendo in scena un ribaltamento delle parti nella lotta di classe. Di questa tendenza, Parasite è l’opera più compiuta e rappresentativa, e la sua complessità tematico-visuale (non dimentichiamo lo straordinario lavoro sulle scenografie, paradossalmente non premiate dall’Oscar) l’ha reso il vincitore perfetto, una volta tanto.

La sua vittoria, però, non era scontata. Se tutti avrebbero scommesso sul Miglior Film Straniero, per il Miglior Film le produzioni in lingua inglese sembravano più quotate: soprattutto l’ottimo 1917 (che infatti ha vinto il Producers Guild Award, spesso un viatico per gli Oscar) e Joker, forte di un enorme successo internazionale e del Leone d’Oro a Venezia. Anche il film di Todd Phillips si contraddistingue per una forte matrice politica, ma Parasite, più arguto e meno populista, l’ha superato con pieno merito.

Parasite

L’exploit di Bong Joon-ho è stato sorprendente anche nel premio per la Miglior Regia, dove molti si aspettavano la vittoria di Sam Mendes (mentre il genio di Roger Deakins, per la fotografia dello stesso 1917, è stato giustamente riconosciuto). Gli acuti di Parasite, insomma, sono state le uniche eccezioni di una cerimonia scialba, che ha assegnato premi alquanto prevedibili.

Malgrado due interpretazioni eccezionali come quelle di Adam Driver e Leonardo DiCaprio, la vittoria di Joaquin Phoenix era una scommessa sicura, ma dispiace non averlo visto trionfare negli anni passati per altri ruoli. Scontata anche la vittoria di Renée Zellweger come Attrice Protagonista: nonostante ci fossero performance forse più meritevoli (in primo luogo Saoirse Ronan per Piccole donne), un biopic come Judy ha carte facili in queste situazioni.

Sacrosanto l’Oscar a Laura Dern come Non Protagonista per Marriage Story, e prevedibile anche quello a Brad Pitt per C’era una volta a… Hollywood. Certo, Al Pacino e Joe Pesci sono di un altro livello in The Irishman, ma la performance di Pitt è indubbiamente valida (anche grazie alla scrittura di Quentin Tarantino, determinante nel caratterizzare il personaggio).

L’unica concessione alla fiaba è il premio alla Sceneggiatura Non Originale, vinto dal bravissimo Taika Waititi per Jojo Rabbit. La concorrenza di Piccole donne era molto forte: Greta Gerwig ha dimostrato ancora una volta il suo talento con una trasposizione complessa e stratificata, che avrebbe meritato l’Oscar ex aequo. Waititi, però, ha saputo appropriarsi del romanzo di Christine Leunens con grande inventiva, e la sua spiccata creatività – unita alla capacità di riconfigurare i drammi della Storia in un racconto delicato e satirico – gli ha fruttato un Oscar giustissimo.

Per il resto, nessuno spazio al sogno: nemmeno alla stupenda chimera di Tarantino. Se C’era una volta a… Hollywood ribadisce la sua convinzione che il cinema abbia il potere di cambiare il mondo e la Storia, Parasite ci ricorda invece che esiste un mondo reale, là fuori, e i suoi conflitti possono esplodere da un momento all’altro.

Persino la fabbrica dei sogni, pressata da più fronti, se n’è accorta.

Jojo Rabbit recensione

GUARDA ANCHE:

L’In Memoriam degli Oscar 2020 dimentica alcune personalità importanti

Il discorso di accettazione di Joaquin Phoenix

Il discorso di accettazione di Renée Zellweger

– – Il discorso di accettazione di Brad Pitt

Eminem canta Lose Yourself e le reazioni diventano virali

L’esibizione di Billie Eilish per l’in memoriam

L’abito di Natalie Portman con i nomi delle registe snobbate dagli Oscar

L’abito di Spike Lee omaggia Kobe Bryant

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Guillermo del Toro aggiorna su Nightmare Alley e Pinocchio 3 Luglio 2020 - 23:32

Guillermo del Toro fornisce un aggiornamento sulla produzione di Nightmare Alley, le cui riprese potrebbero ricominciare in autunno e il film in stop-motion di Pinocchio

Songbird: il sindacato degli attori “boicotta” il film prodotto da Michael Bay 3 Luglio 2020 - 20:45

La produzione è accusata di non essere stata trasparente sulle misure di sicurezza adottate

Eurovision Song Contest – La playslist su Spotify 3 Luglio 2020 - 20:04

La playlist di Eurovision Song Contest: la storia dei Fire Saga è disponibile su Spotify, quali canzone vi sono rimaste in testa?

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.