L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Hunters – David Weil risponde alle critiche del Museo di Auschwitz‑Birkenau

Hunters – David Weil risponde alle critiche del Museo di Auschwitz‑Birkenau

Di Lorenzo Pedrazzi

LEGGI ANCHE: La recensione dei primi due episodi di Hunters

Hunters affonda le radici nella tragedia della Shoah per sviluppare un racconto di finzione, colorito e parossistico: non c’è quindi da stupirsi che stia suscitando alcune polemiche, soprattutto per una scena in particolare.

Nel primo episodio è presente un flashback ambientato in un campo di concentramento: un gerarca nazista, giocatore di scacchi fallito, utilizza i prigionieri come pedoni umani per sanguinose partite contro un campione ebreo, dove ogni “pezzo” è costretto a uccidere il proprio avversario quando invade la sua casella. Si tratta di una circostanza immaginaria, inventata dal creatore della serie, David Weil. Ebbene, il Museo e Memoriale di Auschwitz‑Birkenau ha criticato aspramente quella scena, spiegando:

Auschwitz era pieno di orribile dolore e sofferenza documentati dai racconti dei sopravvissuti. Inventare un falso gioco di scacchi umani per Hunters non è solo una pericolosa stupidaggine e una caricatura. Apre anche la porta ai futuri negazionisti. Rendiamo onore alle vittime difendendo l’accuratezza dei fatti.

Un utente di Twitter ha obiettato che un film (o una serie tv) può prendersi la libertà di modificare la realtà, ma l’account del Museo non è d’accordo:

Weil ha risposto con una lettera che troverete per intero qui di seguito. Lo showrunner sostiene che“le rappresentazioni simboliche forniscono un accesso individuale a una realtà emotiva e simbolica che ci permette di capire meglio le esperienze della Shoah”. Secondo lui, la scena degli scacchi rappresenta bene “il sadismo e la violenza perpetrate dai nazisti”. Inoltre: “Se la domanda filosofica più grande è ‘possiamo raccontare storie dell’olocausto che non siano documentari’, io credo che possiamo e che dovremmo farlo”. Perché, sottolinea l’autore, Hunters non è un documentario. E non ha mai voluto esserlo”.

Vi ricordo che la serie è già disponibile su Amazon Prime Video.

La lettera di David Weil

LEGGI ANCHE: 15 curiosità su Hunters

La sinossi

Ambientato nella New York del 1977, Hunters racconta di un eterogeneo gruppo di cacciatori di nazisti. I Cacciatori (The Hunters), così vengono chiamati da tutti, hanno scoperto che centinaia di ufficiali nazisti di alto rango si nascondono tra le persone comuni, cospirando per creare il quarto Reich negli Stati Uniti. L’eclettico team si avventura in una sanguinosa ricerca per assicurare i nazisti alla giustizia e ostacolare il loro nuovo piano genocida.

Il cast

Oltre ad Al Pacino e Logan Lerman, nel cast di Hunters figurano Jerrika Hinton (Millie Malone), Dylan Baker (Biff Simpson), Lena Olin (il Colonnello), Greg Austin (Travis Leich), Catherine Tate, Tiffany Boone (Roxy Jones), Saul Rubinek (Murray Markowitz), Carol Kane (Mindy Markowitz), Josh Radnor (Lonny Flash) e Kate Mulvany (Sister Harriet).

L’autore

La serie, composta da 10 episodi, è stata creata dall’esordiente David Weil, anche produttore esecutivo.

Fonti: Variety; ComicBook.com; TV Line

CORONAVIRUS: QUI l'elenco completo, in costante aggiornamento, di tutti i principali blockbuster che hanno subito uno slittamento sulla data di uscita o hanno optato per una distribuzione digitale.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Doogie Howser – Un reboot al femminile per Disney+ 8 Aprile 2020 - 21:58

In lavorazione per Disney+ la serie Doogie Kealoha, M.D., un reboot di Doogie Howser con Neil Patrick Harris, questa volta con una protagonista femminile

Tiger King: in America oltre 34 milioni di spettatori hanno visto la serie, ora si pensa al sequel 8 Aprile 2020 - 21:30

Grande successo per la docuserie Tiger King, sbarcata su Netflix lo scorso 20 marzo e subito diventata un piccolo, grande fenomeno. Ora si pensa ad un sequel incentrato su Carole Baskin.

My Spy con Dave Bautista acquisito da Amazon Prime Video 8 Aprile 2020 - 21:30

Anche il film di Peter Segal arriverà direttamente in streaming... almeno in USA

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Colombo 4 Marzo 2020 - 17:11

La storia di Colombo: i tre volti del tenente, Mrs. Columbo, Spielberg e...

7 cose che forse non sapevate su Forza Sugar 3 Marzo 2020 - 13:30

La parentela con Rocky Joe, il regista famoso, la sigla riciclata... sette curiosità su Forza Sugar.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Dark Angel 27 Febbraio 2020 - 16:15

Jessica Alba, il 2019 post-apocalittico visto dal 2000 e la prima infatuazione di James Cameron per Alita.