L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Le Piccole donne di Greta Gerwig sono pronte per il XXI secolo | Recensione

Le Piccole donne di Greta Gerwig sono pronte per il XXI secolo | Recensione

Di Lorenzo Pedrazzi

Che sia proprio Greta Gerwig a riportare Piccole donne sul grande schermo non è certo casuale, soprattutto in rapporto al suo percorso artistico e all’attuale clima politico di Hollywood. I numerosi adattamenti cinematografici, teatrali e televisivi dimostrano il valore di un’opera in continua evoluzione nell’immaginario collettivo, a cui ogni generazione attribuisce il proprio significato e il riflesso delle proprie battaglie: così, Greta Gerwig ne scrive di suo pugno la sceneggiatura per ricordarci quanto il romanzo di Louisa May Alcott abbia ancora un peso nella formazione di una giovane donna, modellandone al contempo il racconto sul linguaggio del XXI secolo (e quindi sui tempi e i modi di un cinema che corre veloce, scarta all’improvviso e valorizza i tratti di modernità nella tradizione “classica”).

Il suo film, in effetti, ha il passo rapido e leggero dell’adolescenza, età irrequieta che le sorelle March affrontano ognuna a modo proprio. La centralità di Jo – stavolta “doppio” della regista, oltre che dell’autrice – viene chiarita fin dalla prima inquadratura, ma Gerwig amalgama le vicende delle quattro sorelle in una narrazione compatta che sintetizza sia Piccole donne sia Piccole donne crescono: l’andamento non-lineare del copione permette infatti di saltare avanti e indietro nel tempo, con deviazioni imprevedibili che costruiscono gradualmente il senso della trama. Ne deriva un linguaggio fresco e scattante, come i siparietti giocosi tra Jo e Laurie, in grado di trascinare lo spettatore dentro la storia con crescente forza centripeta; ma, al contempo, non disdegna sprazzi da elegante period drama, come nella splendida scena degli aquiloni sulla spiaggia.

Gestendo la prossemica degli attori con gran perizia, Greta Gerwig dimostra un’acuta comprensione per il mondo dell’adolescenza, poiché sa bene che la base dei rapporti sociali – soprattutto in pubertà – risiede nel contatto fisico, nella danza dei corpi che si attraggono e si respingono nello spazio. Il suo Piccole donne è giocato proprio su questo: personaggi che si avvicinano e si allontanano, si cercano l’un l’altro o si ripudiano, musicati dalla deliziosa colonna sonora di Alexandre Desplat e abbracciati dalla calda fotografia di Yorick Le Saux.

In tale contesto, l’interpretazione sofferta e viscerale di Saoirse Ronan è il mezzo attraverso cui la cineasta lancia il suo grido di emancipazione e autodeterminazione (esemplare il monologo in soffitta), ma le quattro sorelle rappresentano per lei altrettanti modi di essere donna, tutti parimenti legittimi e meritevoli di rispetto. Come quattro dita di una mano – il quinto potrebbe essere Laurie, cui Timothée Chalamet infonde una goffa delicatezza che riecheggia la sensibilità delle ragazze March – esse si aprono a ventaglio, si separano e si riavvicinano, ma senza lasciarsi dividere dalle reciproche differenze.

Nell’era post-MeToo, fra numerosi esempi di pinkwashing imposti freddamente dall’alto, Hollywood trova in Greta Gerwig un’autrice che non ha bisogno di esprimersi per proclami didascalici, ma interiorizza lo sguardo femminista con la naturalezza di chi ci crede davvero, sul modello di alcune colleghe europee. Dopo l’exploit di Lady Bird, Piccole donne è la prova definitiva del suo talento.

Piccole donne recensione


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Bob Odenkirk è “stabile” dopo il collasso sul set di Better Call Saul 29 Luglio 2021 - 8:45

Il figlio e i rappresentanti di Bob Odenkirk comunicano che l'attore è "stabile" e "starà bene" dopo il malore sul set di Better Call Saul.

Shea Whigham, Frank Grillo e Olivia Munn nel trailer dell’action The Gateway 28 Luglio 2021 - 21:30

La storia di un operatore dei servizi sociali che si ritrova a dover fronteggiare una gang per proteggere una sua assistita e suo figlio

Amazon Prime Video: tutte le novità di agosto 28 Luglio 2021 - 21:00

Tutti i titoli in arrivo nel mese di luglio, nel catalogo di Amazon Prime Video. Tra le novità Evangelion:3.0 + 1.01 Thrice Upon A Time e i capitoli precedenti, Borat Specials e le secondi stagioni di Modern Love e Star Trek: Lower Decks

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.