L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Morbius: è davvero ambientato nel Marvel Cinematic Universe?

Morbius: è davvero ambientato nel Marvel Cinematic Universe?

Di Matioski

Il trailer di Morbius, il nuovo film del Venomverse di casa Sony, ha suscitato non poco entusiasmo grazie ad una sorpresa inaspettata: i riferimenti al Marvel Cinematic Universe. Li abbiamo analizzati nel dettaglio in questo articolo. Le citazioni sono presenti, sono palesi, e rappresentano un caso unico nella storia del complicato rapporto tra Sony e Marvel Studios. Per la prima volta, una pellicola non supervisionata da Kevin Feige si collega, volente o nolente, all’universo narrativo da lui plasmato.

Tuttavia, è lecito interrogarsi sul vero significato e sull’effettiva importanza dei riferimenti presenti nel trailer. Il murales che indica Spider-Man come “assassino”, e la presenza di Michael Keaton, si riveleranno elementi importanti e fondanti di Morbius? Oppure la verità è un’altra? Vagliamo tre possibilità.

1) Non c’è nessun collegamento con l’MCU

I riferimenti inseriti nel trailer di Morbius potrebbero essere ingannevoli, utilizzati per aumentare il chiacchiericcio che circonda il film e nulla più. Il murales rappresenta uno Spider-Man diverso da quello di Tom Holland per non irritare i Marvel Studios. Michael Keaton interpreterà un personaggio senza nome, e resterà ambiguo: potrebbe essere l’Avvoltoio, oppure no. Ciascuno spettatore potrà vedere ciò che vorrà, senza una direzione chiara e specifica.

Una possibilità che, forse, farebbe imbestialire chiunque, ma siamo così sicuri che non possa rivelarsi veritiera? In fondo, nessuno ci ha detto che quello è proprio Adrian Toomes.

2) I collegamenti ci sono, ma poco importanti

Ritornando sulla “questione murales”, la posa e il costume del personaggio ritratto sembrano ricordare lo Spider-Man di Tobey Maguire. Di qui, congetture sulla possibilità che Morbius e Venom appartengano ad una realtà alternativa, simile a quella dell’Uomo Ragno di Tom Holland ma con importanti differenze. A giudizio di chi scrive, il tutto rischierebbe di confondere il pubblico in modo irrimediabile. Paventare un collegamento stretto con il Marvel Cinematic Universe, per poi ridimensionare il tutto a “mondo parallelo”, potrebbe essere davvero controproducente.

Perché lo Spider-Man ritratto nel murales non è quello di Tom Holland, allora? Semplice. E’ un trailer. Ormai materiali pubblicitari di questo tipo ci hanno abituato a soluzioni provvisorie, sequenze ingannevoli, effetti da rifinire. L’immagine che vediamo potrebbe essere modificata nella versione finale del film. A quel punto, il collegamento con l’universo dei Marvel Studios sarebbe palese ed evidente.

Al contempo, il personaggio di Michael Keaton potrebbe effettivamente presentarsi come Avvoltoio. Fare espliciti riferimenti al suo passato con Spidey. Tutto questo, però, in maniera estremamente limitata. Per intenderci, potremmo avere già visto tutto nel trailer. La scena mostrata potrebbe persino essere quella post-credit. Improbabile? Non proprio. Nei trailer di Venom venne mostrata a più riprese la sequenza conclusiva del film.

In sostanza, i riferimenti al Marvel Cinematic Universe potrebbero essere estremamente limitati e poco importanti. Chi ci assicura, in fondo, che quello di Keaton non sarà un breve cameo, e che il succo di ciò che dirà a Morbius sia già stato presentato nel trailer? Non diamo per scontato che il ruolo dell’Avvoltoio si riveli cruciale.

3) I collegamenti sono importanti, ma unidirezionali

Sì, quello è proprio l’Avvoltoio. Il personaggio di Michael Keaton potrebbe essere rilevante, e aprire le porte alla formazione dei Sinistri Sei, storici avversari di Spider-Man. A proposito del Tessiragnatele, il murales a lui dedicato, modificato in post-produzione o meno, fa specifico riferimento al finale di Spider-Man: Far From Home. Quindi possiamo attenderci la presenza di Tom Holland nei futuri film del Venomverse, forse addirittura già in una scena post-credit di Morbius.

Tuttavia, presa per vera questa ipotesi, difficilmente Venom e compagni verranno menzionati nel Marvel Cinematic Universe. Tutto è possibile, ma più probabilmente assisteremo ad una dinamica tipica delle serie televisive alla Agents of Shield: collegamenti unidirezionali, con il prodotto satellite che menziona costantemente gli eventi dei film principali. Film principali che, però, ignorano tutto quello che succede all’esterno della loro continuità narrativa.

Sarà dunque improbabile vedere Morbius alle prese con Blade, e sperare che il Venom di Tom Hardy possa entrare nelle fila di un nuovo team di Avengers. Il Venomverse potrebbe diventare una succursale del Marvel Cinematic Universe, con incroci tra personaggi e situazioni sì accattivanti, ma che guarderanno sempre in una sola direzione.

Conclusioni

Come di consueto, la verità potrebbe risiedere nel mezzo, e consistere in un vero e proprio mix delle tre possibilità esposte qui sopra. Oppure la nostra diffidenza non pagherà, e dunque Morbius, Venom e soci faranno parte a tutti gli effetti dell’arazzo narrativo di Kevin Feige. Hollywood ci ha abituati a colpi di scena di qualsiasi tipo. Nessuno avrebbe potuto pensare, fino a pochi giorni fa, di vedere Michael Keaton nel trailer di Morbius. Qualcosa di grosso, forse, sta bollendo in pentola, ed è impossibile prevedere la sua natura.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Candyman: in arrivo il trailer del film prodotto da Jordan Peele, i primi dettagli 22 Febbraio 2020 - 17:00

A quanto pare il trailer del nuovo Candyman prodotto da Jordan Peele arriverà la prossima settimana...

Wes Anderson parlerà di animazione ad Annecy 2020 22 Febbraio 2020 - 16:07

Wes Anderson con Jason Schwartzman e Roman Coppola sarà ospite della 60esima edizione del Festival di Annecy, per parlare di animazione

Volevo nascondermi: Elio Germano è Antonio Ligabue nelle nuove clip 22 Febbraio 2020 - 15:00

Dopo Pierfrancesco Favino in Hammamet di Gianni Amelio, è il turno di Elio Germano. Anche lui è irriconoscibile in Volevo nascondermi. Ecco due nuove clip.

7 cose che forse non sapevate su Lo strano mondo di Minù 18 Febbraio 2020 - 17:22

Storia e curiosità dell'anime della signora Minù: dalle origini norvegesi alle parentele con Macross e Bomb Jack (e L'allenatore nel pallone).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Relic Hunter 12 Febbraio 2020 - 17:53

Tia Carrere e Relic Hunter, un Tomb Raider per la TV in cui si girava il mondo (senza mai lasciare il Canada).

7 cose che forse non sapevate su The Mighty Hercules 11 Febbraio 2020 - 17:00

"Hercules, hero of song and story..." Il vecchio cartoon su Hercules: la sigla, gli anime, uno dei primi super-eroi animati della TV USA.