L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Crisis on Infinite Earths: il finale riserva il cameo più sorprendente

Crisis on Infinite Earths: il finale riserva il cameo più sorprendente

Di Marco Triolo

L’evento Crisis on Infinite Earths si è concluso ieri sera in America con le ultime due parti. Gli episodi di Arrow e Legends of Tomorrow hanno messo la parola fine a un crossover che, nel bene e nel male, ha stabilito un nuovo status quo per le serie dell’Arrowverse, con cambiamenti più o meno importanti. Ma gli autori – in particolare gli sceneggiatori dell’episodio Marv Wolfman e Marc Guggenheim – non si sono lasciati sfuggire l’occasione di giocare ancora una volta con le timeline.

L’episodio contiene infatti il cameo più sorprendente di tutta la saga, come ci era stato promesso ancora a dicembre. Ezra Miller, il Flash dell’universo cinematografico DC, è apparso in una scena dividendo lo schermo con la sua controparte televisiva, Grant Gustin. La scena si svolge in un segmento dell’episodio in cui Barry Allen si sposta nella Speed Force alla ricerca dei suoi compagni, separati da un attacco dell’Anti-Monitor.

A un certo punto, Barry capita negli Star Labs e si trova davanti il Flash di Ezra Miller, con il costume visto in Justice League. I due restano meravigliati l’uno di fronte all’altro, si fanno i complimenti per i rispettivi costumi e impazziscono quando, presentandosi, scoprono di chiamarsi entrambi Barry Allen. Il Barry del cinema ha anche una strana reazione quando l’altro dice di essere anche lui Flash. “Anche tu cosa?”, chiede Miller a Gustin, salvo poi avere un’epifania – “Flash!” – come se improvvisamente avesse trovato il nome perfetto con cui battezzare se stesso. In effetti è proprio così: in Justice League, l’eroe veniva chiamato The Streak, “la striscia”, e mai The Flash. In sostanza, il Barry cinematografico trova il suo nome di battaglia proprio in questa scena. Un bel tocco, che andrà perduto se Warner Bros. rinuncerà a realizzare il tanto atteso film di Flash.

Poco prima di sparire, Barry/Ezra Miller dice: “L’ho detto a Victor che questo era possibile”. Un riferimento a Victor Stone alias Cyborg, uno dei suoi compagni di squadra in Justice League.

Un altro cameo

Nell’episodio di Legends of Tomorrow troviamo un altro cameo che non tutti avranno riconosciuto. Il signore anziano che chiede a Flash e Supergirl l’autografo è Marv Wolfman, non solo sceneggiatore di questa puntata ma del fumetto originale Crisi sulle terre infinite. Un gigante della DC a cui è stato giustamente reso omaggio alla fine del crossover televisivo.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

WandaVision: la storia del Darkhold nel Marvel Cinematic Universe 7 Marzo 2021 - 20:00

Il Darkhold comparso in WandaVision non è affatto alla sua prima apparizione nel Marvel Cinematic Universe: ecco la sua storia all'interno dell'universo unito!

Nomadland – Uscita a rischio in Cina? 7 Marzo 2021 - 19:24

Chloe Zhao è stata al centro di una polemica di stampo nazionalista in Cina che ha portato a una censura legata al film Nomadland. La pellicola potrebbe rischiare l'uscita nelle sale cinesi

The Falcon and the Winter Soldier – Sam e Bucky sono “colleghi” nel nuovo spot 7 Marzo 2021 - 19:00

La strana coppia di The Falcon and the Winter Soldier cerca una definizione del proprio rapporto nel nuovo spot, ricco di scene inedite.t

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.