L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
1917 – George MacKay parla del film nella featurette sottotitolata

1917 – George MacKay parla del film nella featurette sottotitolata

Di Lorenzo Pedrazzi

LEGGI ANCHE: La recensione di 1917

01 Distribution ha pubblicato una nuova featurette di 1917 dove George MacKay parla del film bellico di Sam Mendes (American Beauty, Skyfall) ambientato durante la Prima Guerra Mondiale, girato e montato come se fosse un unico piano sequenza.

L’attore spiega che il tempo è fondamentale nella vicenda di Schofield (il suo personaggio) e Blake (Dean-Charles Chapman), due soldati dell’esercito britannico che devono consegnare un messaggio per salvare il Secondo Battaglione del Reggimento Devonshire, prossimo a cadere in una trappola. Questo aspetto è importante anche per il film in sé, trattandosi di “una fetta di tempo” nelle vite dei protagonisti. L’attore parla anche di come sono state organizzate le riprese senza tagli, definendo la copertura dello spazio a seconda delle battute.

Potrete vedere la featurette qui di seguito, ma prima vi ricordo che 1917 uscirà in Italia il 23 gennaio 2020.

La featurette

GUARDA ANCHE:

Il trailer italiano ufficiale di 1917

Il trailer finale di 1917

Una lunga featurette ci porta alla scoperta di 1917

Il primo trailer italiano di 1917

La sinossi

Al culmine della Prima Guerra Mondiale, due giovani soldati britannici, Schofield (George MacKay di Captain Fantastic) e Blake (Dean-Charles Chapman di Game of Thrones) ricevono una missione apparentemente impossibile.
In una corsa contro il tempo, devono attraversare il territorio nemico e consegnare un messaggio che arresterà un attacco mortale contro centinaia di soldati, tra cui il fratello di Blake.

Il cast

Nel cast di 1917 figurano anche Mark Strong (Shazam), Andrew Scott (Sherlock), Richard Madden (Cinderella), Daniel Mays (Rogue One), Adrian Scarborough (Christopher Robin), Jamie Parker (Harry Potter and the Cursed Child), Nabhaan Rizwan (Informer), Colin Firth (Il discorso del re), Benedict Cumberbatch (Doctor Strange) e l’esordiente Claire Duburcq.

La squadra creativa

Il direttore della fotografia è Roger Deakins (Blade Runner 2049, Skyfall), e lo scenografo è Dennis Gassner (Bugsy, Era mio padre). I costumi sono di Jacqueline Durran (Anna Karenina, Darkest Hour), mentre il montaggio è curato da Lee Smith (Dunkirk, Il Cavaliere Oscuro). La colonna sonora è opera di Thomas Newman, collaboratore di lunga data di Sam Mendes. Quest’ultimo ha scritto la sceneggiatura con Krysty Wilson-Cairns (Penny Dreadful).

Fonte: 01 Distribution


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Stallone ha un nuovo anello fortunato… Expendables 4 si avvicina! 1 Agosto 2021 - 17:00

Il protagonista e creatore del franchise ha postato su Instagram la foto del nuovo anello del suo Barney Ross. Ci siamo?

The Mandalorian: Giancarlo Esposito tornerà nella stagione 3 1 Agosto 2021 - 16:58

Giancarlo Esposito tornerà nei panni di Moff Gideon nella stagione tre di The Mandalorian, presto cominceranno la riprese

Ant-Man and the Wasp: Quantumania – Jeff Loveness condivide una simpatica foto dal set 1 Agosto 2021 - 15:00

Jeff Loveness ci mostra "la bellezza del cinema" in una foto dal set di Ant-Man and the Wasp: Quantumania, le cui riprese sono iniziate da poco.

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.