L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Ghostbusters Legacy parlerà del ritorno di Gozer? L’analisi del trailer

Ghostbusters Legacy parlerà del ritorno di Gozer? L’analisi del trailer

Di Filippo Magnifico

Il trailer di Ghostbusters: Legacy ha fatto ieri il suo debutto nel web e ci ha permesso di dare un’occhiata concreta a questo nuovo capitolo della saga lanciata da Ivan Reitman negli anni ’80.

Si tratta di un terzo capitolo a tutti gli effetti, che non prende in considerazione il recente reboot al femminile diretto da Paul Feig e che si collega in maniera diretta ai primi due Ghostbusters.

Sì, ma in che modo? Perché la trama al momento è avvolta da un alone di mistero ma nel trailer sono presenti alcuni dettagli che sembrano suggerire il ritorno di una figura che i fan della saga conoscono molto bene: Gozer.

Chi è Gozer?

Gozer il Gozeriano, Gozer il distruggitore, Vulguus Zildrohar, il viaggiatore è giunto, scegliete e perite! [Gozer, 1984]

Gozer è la divinità sumera del 6000 a.C. che il gruppo originale di Acchiappafantasmi ha affrontato nel primo capitolo della saga.
Come gran parte di voi ricorderà, un architetto pazzo di nome Ivo Shandor, leader di una setta devota a Gozer, aveva costruito un palazzo nel centro di New York, rendendolo una vera e propria “antenna spirituale” in grado di attirare l’energia ectoplasmatica. Il fine era proprio richiamare Gozer per porre fine a questa società, considerata troppo marcia per continuare a sopravvivere.

Il ritorno di Gozer

Nel primo trailer di Ghostbusters: Legacy sono presenti alcuni diretti richiami al film originale e in particolare a Gozer. Cerchiamo di scoprirli insieme.

Ammucchiamento simmetrico

Ammucchiamento simmetrico. Come nella turbolenza massiva di Philadelphia nel 1947. [dott. Raymond “Ray” Stantz, 1984]

I libri ammucchiati in maniera simmetrica, sono un chiaro riferimento al film originale, dove accade una cosa simile nella biblioteca pubblica di New York. Non è un segno diretto di Gozer, è vero, ma è così che tutto è iniziato anche nel 1984.

Ivo Shandor

Il richiamo più evidente a Gozer lo troviamo proprio in questa miniera, che si trova nei pressi della casa dei giovani protagonisti e che sull’insegna porta il nome “Shandor”.
Le travi metalliche con cui Ivo Shandor aveva costruito il suo palazzo/antenna di New York, erano composte da una lega speciale di selenio, tungsteno e oro.
La compagnia mineraria Shandor era stata creata per ottenere tutto il necessario per la costruzione di queste travi? Sembra decisamente l’unica spiegazione possibile…

Il “Coguaro”

Io sono Vince! Vince Clortho, mastro di chiavi di Gozer, Vulguus Zildrohar Signore del Sebouilaa. Sei il guardia di porta? [Louis Tully, 1984]

Nel film originale compaiono anche Zuul il Guardia di Porta e Vinz Clortho il Mastro di Chiavi, adoratori di Gozer che possiedono i corpi di Dana Barrett (Sigourney Weaver) e del suo vicino Louis Tully (Rick Moranis). La loro prima manifestazione, però, è sotto forma di cani infernali e quella zampa poggiata sul cofano dell’automobile del personaggio interpretato da Paul Rudd.

Una nuova generazione contro Gozer?

Come abbiamo già detto, la trama del film è al momento avvolta da un alone di mistero, ma gli indizi che vi abbiamo appena presentato suggeriscono il ritorno di Gozer, che quindi si scontrerà con una nuova generazione cresciuta con il mito degli eventi paranormali che hanno sconvolto New York nel 1984.

Non sembra però un caso che Callie (Carrie Coon) e i suoi due figli (Finn Wolfhard e Mckenna Grace) si siano trasferiti in quella casa di campagna. Nel trailer non viene detto in maniera esplicita, ma Callie è senza ombra di dubbio la figlia del Dr. Egon Spengler, interpretato dal compianto Harold Ramis.

I due bambini sono i suoi nipoti e gli evidenti rimandi a Gozer spiegherebbero anche il motivo per cui Egon aveva deciso di comprare anni prima quella fattoria nel bel mezzo del nulla. Il Dr. Spengler sapeva che Gozer era stato solo momentaneamente bloccato e che nell’ipotesi di un suo ritorno sulla Terra tutto sarebbe partito da lì…

Colleziono spore, muffe e funghi [Dr. Egon Spengler, 1984]

La trama

Arrivati in una piccola città, una madre single e i suoi due figli iniziano a scoprire la loro connessione con gli Acchiappafantasmi originali e la segreta eredità lasciata dal nonno.

Il cast

Paul Rudd interpreta Mr. Grooberson, un insegnante dei protagonisti Phoebe (McKenna Grace) e Trevor (Finn Wolfhard), figli della madre single Callie (Carrie Coon). Grooberson era un ragazzino nel 1984, quando gli Acchiappafantasmi combatterono contro Gozer a New York. Un evento che oggi è noto come “Manhattan Crossrip”, e dai più giovani è considerato quasi un mito.
Nel cast troviamo anche Finn Wolfhard (Stranger Things, IT), Carrie Coon (The Leftovers, Fargo, Avengers: Infinity War), Mckenna Grace (Le terrificanti avventure di Sabrina, Captain Marvel), Celeste O’Connor, Logan Kim e Paul Rudd (Ant-Man, Avengers: Endgame). Con loro anche Oliver Cooper.

Vecchi amici

Nel film ritroveremo Sigourney Weaver e i Ghostbusters originali. Con loro anche Annie Potts (la segretaria Janine Melnitz).

L’uscita è attesa per luglio 2020.

Un passaggio di testimone

Ghostbusters: Afterlife è un vero e proprio “passaggio di consegne” dietro la macchina da presa, poiché Jason Reitman è il figlio di Ivan Reitman, regista di Ghostbusters e Ghostbusters II.

Per Jason si tratta di un grande cambiamento nella sua carriera, che finora è sempre stata concentrata su commedie drammatiche e introspettive di natura semi-indipendente, come Thank You For Smoking, Tra le nuvole, Juno, Young Adult, Tully e il recentissimo The Front Runner. Il padre Ivan partecipa come produttore, mentre la sceneggiatura è stata scritta da Jason insieme a Gil Kenan (Monster House, Ember, Poltergeist).

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Friends: la reunion il 27 maggio su HBO Max, ecco il teaser trailer 13 Maggio 2021 - 19:56

Lo speciale HBO Max che riunirà il cast di Friends farà il suo debutto il prossimo 27 maggio. Ecco il teaser trailer!

Together: James McAvoy nel film di Stephen Daldry sul lockdown 13 Maggio 2021 - 19:15

Sarà affiancato da Sharon Horgan nella storia di una coppia con figlio piccolo alle prese con una crisi nell'anno del Covid

Army of the Dead: guarda i primi 15 minuti del nuovo Zombie Movie di Zack Snyder! 13 Maggio 2021 - 19:00

Come promesso, ecco i primi 15 minuti di Army of the Dead, il film che riporterà Zack Snyder tra gli zombie a 17 anni di distanza da L’alba dei morti viventi.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.