L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Bombshell: la recensione del film sullo scandalo sessuale Fox News

Bombshell: la recensione del film sullo scandalo sessuale Fox News

Di Adriano Ercolani

Tre donne, tre psicologie, tre differenti punti di vista sullo scandalo riguardante gli abusi sessuali che hanno messo fine all’impero mediatico di Roger Ailes a Fox News. Sfruttando il meccanismo narrativo che gli ha permesso di guadagnare l’Oscar grazie a La grande scommessa lo sceneggiatore Charles Randolph mescola piani temporali, angolazioni, personaggi che sfondano la cosiddetta “quarta parete” parlando direttamente allo spettatore. Bombshell si presenta come un puzzle narrativo ed estetico orchestrato con enorme sapienza anche dal regista Jay Roach, autore che nel corso degli anni ha saputo fondere con sapienza politica e satira sociale: basta pensare a film TV quali Recount e Game Change, mentre al cinema ha realizzato opere altrettanto ficcanti come Candidato a sorpresa o L’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo.

Un lungometraggio stratificato

La forza primaria di Bombshell sta nella costruzione narrativa che racconta con incredibile tempismo il progressivo montare dello scandalo: la visione assolutamente non univoca né tanto meno semplicistica che il film offre è fatta di sussurri, parole accennate, frasi dal doppio senso. Una fortezza di mis-comunicazione costruita da Ailes (John Lithgow) e smontata pezzo per pezzo da coloro che hanno osato ribellarsi agli abusi suoi e di altre eminenti figure all’interno di Fox News. Ma Roach e Randolph non vogliono nascondere le ambiguità di personaggi come Megyn Kelly o Gretchen Carlson, e questo rende Bombshell ancor più credibile: ciò che viene fuori con forza è un messaggio preciso e prezioso, e cioè che non bisogna essere persone immacolate o innocenti per essere comunque nel giusto. Soprattutto la maniera in cui è tratteggiata la figura della Kelly possiede una dimensione cinica e calcolatrice che colpisce nel profondo. Sono questo personaggio e la poderosa interpretazione che Charlize Theron ne fornisce l’anima feroce di Bombshell, lungometraggio stratificato che merita di essere elogiato prima di tutto per la sua sincerità.

In un momento storico di (sacrosanta e necessaria) rivoluzione in cui avrebbe facilmente potuto ingraziarsi il favore di pubblico e critica, Jay Roach ha invece scelto di mettere in scena lo “scandalo Eiles” – uno dei momenti fondamentali di tale processo – rappresentando anche le ambiguità, le contraddizioni e le zone grigie della moralità con un coraggio impressionante. Ad aiutarlo nell’impresa non soltanto la già lodata Theron ma anche una Nicole Kidman altrettanto efficace e una Margot Robbie il cui personaggio fittizio creato apposta per il film mostra invece una certa retorica in almeno un paio di situazioni. Come pare certo l’attrice riceverà una candidatura all’Oscar come non protagonista, ma se dovesse ottenerla per Bombshell invece che per C’era una volta…a Hollywood di Quentin Tarantino sarebbe a nostro avviso un madornale errore.

Essere una donna nello showbusiness americano contemporaneo

Insieme alle tre protagoniste hanno voluto partecipare a Bombshell anche se in ruoli anche minuscoli altre star come Allison Janney, Connie Britton, Kate McKinnon, Robin Weigert, Jennifer Morrison, Ashley Greene, Alice Eve e molte altre. Artiste che hanno evidentemente sentito il bisogno di contribuire a un lungometraggio che mette in scena con coraggio e schiettezza essere una donna nello showbusiness americano contemporaneo. Un sistema in cui a quanto pare ci sono moltissimi colpevoli e pochi, pochissimi innocenti…

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Box Office Giappone: One Piece Film Red è ufficialmente il film di maggior successo del franchise 19 Agosto 2022 - 0:07

Dopo 13 giorni One Piece Film Red ha superato ¥8 miliardi al Box Office Giapponese, ha venduto 5,7 milioni di biglietti, superando così i 5.67 milioni di One Piece Film Z (2012).

Finalmente l’alba: anche Joe Keery di Stranger Things nel film di Costanzo 18 Agosto 2022 - 21:30

Keery affiancherà Willem Dafoe e Lily James nel film di Saverio Costanzo, le cui riprese si svolgeranno in Italia

American Gigolo: nuovo trailer per la serie con Jon Bernthal 18 Agosto 2022 - 20:45

La serie, ispirata al film di Paul Schrader con Richard Gere, debutterà in USA il 9 settembre, e ora ne possiamo vedere il secondo trailer

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?