L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Un giorno di pioggia a New York, la recensione del film di Woody Allen

Un giorno di pioggia a New York, la recensione del film di Woody Allen

Di Lorenzo Pedrazzi

Si dice spesso che un giorno di pioggia a New York sia comunque meglio di un giorno di sole in qualunque altro posto, ed è sicuramente ciò che pensano Woody Allen e Gatsby Welles, il personaggio interpretato da Timothée Chalamet. Ci vuole una sensibilità particolare per apprezzare una giornata uggiosa, soprattutto se accompagnata dal caos vibrante di una metropoli, ma non è certo una novità nel cinema di Allen: gran parte della filmografia alleniana parcellizza le sue nevrosi, le sue passioni e i suoi gusti in molteplici personaggi che incarnano un riflesso dell’autore, anche quando non sono interpretati da lui stesso. Guardando Un giorno di pioggia a New York, ad esempio, è facile pensare a uno dei film più recenti, quel Midnight in Paris dove Owen Wilson prestava il volto a un “doppio” di Allen; stavolta, però, il riflesso in cui il cineasta si specchia è ancora più giovane, e rievoca il prestigioso retaggio letterario di F. Scott Fitzgerald e J.D. Salinger, così come la New York di certe loro opere.

Campioni di nostalgie per epoche mai vissute, sia Woody Allen sia Gatsby Welles tornerebbero ben volentieri all’Età del Jazz, e la cercano negli scorci più “atemporali” di Manhattan: luoghi come il Plaza Hotel, il Bemelman’s Bar al Carlyle e l’orologio di Delacorte allo zoo di Central Park – ma anche le sale del MET – sembrano trascendere il flusso del tempo, come diorami di un passato sognante cullato dalle note di Frank Sinatra ed Erroll Garner. Sono proprio questi gli scenari privilegiati di Gatsby, rampollo di una ricca famiglia newyorkese che, trasferitosi nell’Upstate New York per studiare allo Yardley College, torna a Manhattan con la sua ragazza Ashleigh (Elle Fanning), aspirante reporter che deve intervistare un famoso regista (Liev Schreiber). Le loro strade si separano mentre la città è sommersa dalla pioggia, ed entrambi fanno una serie di incontri che stravolgono i loro piani.

Un giorno di pioggia a New York

Un giorno di pioggia a New York, in effetti, porta alle estreme conseguenze uno dei tópoi del cinema alleniano: il piacere di errare senza meta, in balia di una sorte – la “fortuna” di cui parlava Match Point – che è frutto del caos, non certo di un disegno predefinito. In questo vagare per le arterie della metropoli, però, c’è anche la scoperta di una comunione d’intenti, un incontro di sensibilità e interessi con uno spirito affine, proprio come accade a Gatsby quando ritrova Shannon (Selena Gomez), sorella minore di una sua ex. Se Ashleigh è molto più in sintonia con il nostro presente, Shannon e Gatsby rimpiangono il romanticismo dei vecchi film, che sperano di ritrovare nella città più cinematografica – e quindi più iconica – del mondo.

Magari le schermaglie verbali non sono più brillanti come una volta, eppure Allen riesce sempre a mettere in luce l’inevitabile spinta verso l’altro da sé, quell’esigenza di rapporti umani che – per quanto irrazionali e assurdi – ci porta alla ricerca dell’ovetto fresco ogni mattina, come recita il finale di Io e Annie. L’irrequietezza di Gatsby non nasconde questo bisogno, anzi lo esalta. Sfuggire al conformismo dell’upper class è un puro esercizio di stile (e la madre, prima dell’epilogo, gli svela che la realtà è sempre più complessa di quanto pensiamo), ma il giovane universitario non è paralizzato dalla sua disillusione: al contrario, cerca nell’amore una via d’uscita dal disincanto.

C’è ancora spazio per il romanticismo a questo mondo, sembra dirci Allen nell’ultima sequenza: basta condividere l’amore per il bello, la meravigliosa euforia che solo un’opera d’arte può donare, il fuoco della passione che scioglie il freddo pragmatismo dei nostri tempi. La gioia di un bacio rovente sotto la pioggia d’autunno, a dimostrazione di come i sensi e l’intelletto possano trovare un’insperata armonia.

A Rainy Day in New York

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Mandalorian: svelato il set LEGO della Razor Crest, e c’è anche Baby Yoda! 20 Febbraio 2020 - 21:45

LEGO ha finalmente svelato il set ufficiale della nave Razor Crest del protagonista di The Mandalorian, la serie targata Disney+ ambientata nell’universo di Star Wars.

Nathan Fillion sul suo ruolo in The Suicide Squad: “È super-segreto” 20 Febbraio 2020 - 21:30

James Gunn sta tenendo segreta l'identità del personaggio interpretato da Nathan Fillion. Perché?

Human Capital: il trailer della versione americana de Il capitale umano 20 Febbraio 2020 - 21:00

Il film, tratto dal romanzo di Stephen Amidon adattato anche da Paolo Virzì, sarà interpretato da Liev Schreiber e Maya Hawke

7 cose che forse non sapevate su Lo strano mondo di Minù 18 Febbraio 2020 - 17:22

Storia e curiosità dell'anime della signora Minù: dalle origini norvegesi alle parentele con Macross e Bomb Jack (e L'allenatore nel pallone).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Relic Hunter 12 Febbraio 2020 - 17:53

Tia Carrere e Relic Hunter, un Tomb Raider per la TV in cui si girava il mondo (senza mai lasciare il Canada).

7 cose che forse non sapevate su The Mighty Hercules 11 Febbraio 2020 - 17:00

"Hercules, hero of song and story..." Il vecchio cartoon su Hercules: la sigla, gli anime, uno dei primi super-eroi animati della TV USA.