L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Irishman – Il ritorno della vecchia Hollywood

The Irishman – Il ritorno della vecchia Hollywood

Di Redazione SW

A cura di Sonia Serafini

Esce oggi al cinema l’atteso film di Martin Scorsese The Irishman, pellicola dalla lavorazione travagliata che dopo ben dieci anni vede la luce, quella della sala e del piccolo schermo. Si perché il nuovo film del regista italoamericano avrà doppia distribuzione, al cinema come di consueto e su Netflix dal 27 novembre. Una vera e propria rivoluzione che il filmaker ha descritto come una manna dal cielo, pare infatti che la pellicola avesse incontrato non pochi problemi di budget e che a risolvere tutto sia stata proprio la regina dell’intrattenimento streaming, ovvero Netflix.
Anche se Scorsese afferma che l’esperienza collettiva della sala cinematografica rimanga imbattibile questo è il futuro, un futuro nel quale cinema e streaming possano convivere senza doversi fare la guerra.

La pellicola è basata sul libro “I Heard You Paint Houses” di Charles Brandt che racconta la storia di Frank “The Irishman” Sheeran, nel film interpretato da De Niro. Circa quarant’anni di storia americana a fare da sfondo alle vicende del malavitoso De Niro amico di Jimmy Hoffa (Al Pacino) e Russell Bufalino (Joe Pesci). Hoffa, il personaggio di Al Pacino, è stato un grande sindacalista americano la cui morte è rimasta un mistero per tantissimo tempo, il film tenta di ripercorrerne gli avvenimenti e ciò che portò all’epilogo di anni di criminalità assoluta in America.

Martin Scorsese rimette in piedi la vecchia squadra con una new entry, Al Pacino, che, seppur sembri assurdo, non ha mai lavorato con il regista. Scalda il cuore vedere di nuovo tutti i grandi attori della vecchia Hollywood insieme per una pellicola incredibile, che solo un regista come Scorsese poteva dirigere. I dieci anni di lavorazione sono serviti anche per perfezionare la tecnica di CGI che serviva per ringiovanire gli attori nella storia, Scorsese aveva bisogno di una tecnologia che non richiedesse uso del green screen o tute o quant’altro perché era certo che con questa opzione Joe Pesci e compari non avrebbero mai accettato di fare il film.
Per fortuna l’evoluzione della CGI ha permesso a Scorsese di fare il suo film con risultati ottimi, l’unica cosa che gli attori hanno dovuto seguire è stato il coach per i movimenti che ricordava loro come si è quando si ha 40 anni, avendone ognuno 70!

Il film è uno spaccato di storia americana, dallo sbarco di cuba, l’assassinio di Kennedy, Bush e il maccartismo, in cui ognuno riconosce un po’ della filmografia del grande regista. Tre ore e mezza che volano via come il grande cinema sa fare. Imperdibile.

Martin Scorsese, Robert De Niro e Al Pacino parlano di The Irishman

QUI trovate la nostra recensione

LEGGI ANCHE: The Irishman – Martin Scorsese e il cast presentano il film a New York: “Non è stato facile da realizzare…”

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Disney + dal 24 marzo in Italia, ma chi si abbona ora paga meno! 24 Febbraio 2020 - 12:02

Disney+ debutterà nel nostro territorio il 24 marzo, ma a partire da oggi, per la prima volta, i fan italiani potranno abbonarsi alla piattaforma al prezzo di lancio di €59,99.

Box Office: Sonic ancora primo in America, mentre in Italia conquista Muccino 24 Febbraio 2020 - 10:57

La classifica del Box Office americano dell'ultimo weekend (21 febbraio - 23 febbraio).

Un altro indizio suggerisce che Sam Raimi dirigerà Doctor Strange 2 24 Febbraio 2020 - 10:45

Sam Raimi non parteciperà al Monster-Mania Con di Londra perché impegnato a girare un film: si tratta molto probabilmente di Doctor Strange in the Multiverse of Madness.

7 cose che forse non sapevate su Lo strano mondo di Minù 18 Febbraio 2020 - 17:22

Storia e curiosità dell'anime della signora Minù: dalle origini norvegesi alle parentele con Macross e Bomb Jack (e L'allenatore nel pallone).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Relic Hunter 12 Febbraio 2020 - 17:53

Tia Carrere e Relic Hunter, un Tomb Raider per la TV in cui si girava il mondo (senza mai lasciare il Canada).

7 cose che forse non sapevate su The Mighty Hercules 11 Febbraio 2020 - 17:00

"Hercules, hero of song and story..." Il vecchio cartoon su Hercules: la sigla, gli anime, uno dei primi super-eroi animati della TV USA.