L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Last Christmas: Emilia Clarke protagonista di una nuova favola natalizia, la recensione

Last Christmas: Emilia Clarke protagonista di una nuova favola natalizia, la recensione

Di Adriano Ercolani

La nuova favola natalizia scaturita dalla coppia inedita formata dal regista Paul Feig e dalla sceneggiatrice/attrice Emma Thompson funziona su due livelli ben precisi, che si intersecano tra loro con armonia formando una miscela cinematografica soltanto apparentemente realizzata per un consumo superficiale.

Prima di tutto Last Christmas è un “feel-good movie”, e difficilmente poteva essere altrimenti viste le premesse: la giovane Katerina (Emilia Clarke), figlia di immigrati venuti a vivere a Londra a causa del conflitto nella ex-Jugoslavia, ha perso se stessa dopo aver subito un trapianto di cuore. Incapace di essere affidabile, la ragazza passa le giornate tra il suo lavoro come commessa in un negozio che vende addobbi natalizi e audizioni per musical nel West End. L’incontro con l’affascinante e affidabile Tom (Henry Golding) le cambierà la vita e la aprirà all’idea che aiutare il prossimo può senz’altro aiutarti a tornare sulla retta via.

Coccolare il cuore del pubblico

Last Christmas è una favola dalla trama leggera, quasi impalpabile, che si rivela però precisa al fine di supportare le qualità di attrice della Clarke, assolutamente spigliata nell’impersonare una figura femminile che tenta di vivere con leggerezza e positività situazione emotiva e psicologica che invece leggera proprio non è. È la star esplosa con Game of Thrones il centro del film, frizzante e soavemente svagato, qualcuno con cui ci si può immedesimare con facilità assoluta. La love-story romantica con Tom si sviluppa in maniera coerente e ampiamente prevedibile, ma poco importa: Last Christmas non è il tipo di prodotto che vuole – e soprattutto deve – intrigare lo spettatore con colpi di scena o personaggi complessi. Il suo scopo è coccolare il cuore del pubblico, regalargli un’ora e quaranta di buoni sentimenti espressi attraverso uno spettacolo coerente nella sua semplicità. E qui entra in gioco il secondo livello di lettura del film, che non esitiamo a definire esplicitamente “politico”.

Un importante messaggio

Esatto, perché in piena epoca di Brexit e di estremismi xenofobi, Last Christmas mette in scena l’idea fondamentale che una comunità coesa, salda, empatica, stretta intorno ai singoli individui maggiormente bisognosi, è una comunità in piena salute. A prescindere dall’etnia e dal livello sociale. La sceneggiatura scritta dalla Thompson insieme a Bryony Kimmings mette in scena persone comuni, che stentano ma si impegnano a rendere la vita migliore per coloro che gli sono vicino, per quelli con cui condividono un’esistenza non sempre appagante, tutt’altro.

Il melting pot rappresentato dal film di Paul Feig – cineasta che sa essere leggero e insieme sottilmente arguto – è variegato, incerto, volenteroso, vitale. Imperfetto anche nella sua dimensione favolistica, che poi è ciò che il film vuole essere, ma capace di restituire agli spettatori un senso di umana dignità che è ciò di cui oggi probabilmente si ha disperatamente bisogno. Dietro la confezione scanzonata ed edificante Last Christmas ha dunque un messaggio molto preciso e importante da consegnare a tutti noi. E dovremmo seriamente farlo nostro…

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Jungle Prince of Delhi: Mira Nair dirigerà la serie Amazon 9 Luglio 2020 - 19:15

La regista de Il fondamentalista riluttante adatterà l'articolo di Ellen Barry sulla storia di una famiglia di nobili indiani decaduti

Sacha Baron Cohen colpisce ancora: lo scherzo a Rudy Giuliani 9 Luglio 2020 - 18:30

La star di Borat ha organizzato una finta intervista all'avvocato di Donald Trump, per poi interromperla indossando un bikini rosa

X-Files: com’è rivedere oggi l’episodio “scandalo” La pelle del diavolo? 9 Luglio 2020 - 17:45

L'intera serie di Chris Carter è stata caricata su Prime Video, e abbiamo deciso di rivedere uno degli episodi più controversi e amati

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.