L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Disney Plus – Appare la dicitura ‘Contenuti culturali obsoleti’ su Dumbo e in altre ‘vecchie’ opere

Disney Plus – Appare la dicitura ‘Contenuti culturali obsoleti’ su Dumbo e in altre ‘vecchie’ opere

Di Marlen Vazzoler

.LEGGI ANCHE: Disney Plus – Il lancio funestato da problemi tecnici

Come ben sappiamo il controverso I racconti dello zio Tom, considerato offensivo e razzista nei confronti degli afroamericani, non farà parte della line-up di Disney Plus.

Sicuramente è il caso più eclatante, ma ci sono diverse produzioni per il cinema e non solo che contengono elementi oggi considerati problematici: dal corto dei tre porcellini ad alcuni cortometraggi di Topolino.

Razzismo e sterotipi

Pensiamo ad esempio a Fantasia (1940) e al personaggio di Sunflower, disegnata con esagerati tratti africani, che ha portato alla sua eliminazione a metà degli anni sessanta. O alla scena in cui la bambola di colore dagli esagerati tratti africani usa la parola slang ‘Mami’ in Santa’s Workshop (1932), eliminata poi da tutte le copie moderne.

Non dimentichiamo le discusse due strofe di ‘Arabian Nights‘ in Aladdin (1992) sostituite poi nell’edizione home video e nelle successive colonne sonore.

Ci sono diverse caricature nelle produzioni Disney: dai soldati giapponesi nel corto Commando Duck (1944) a Re Louie nel Libro della Giungla (1967). Gli stereotipi degli indiani d’America in Peter Pan (1953) o quelli asiatici dei gatti siamesi di Lilli e il Vagabondo (1955). Un elemento presente anche in Gli Aristogatti (1970) mentre in Dumbo invece abbiamo i corvi che parlano usando lo slang degli afroamericani.

Contenuti culturali obsoleti

Inizialmente si mormorava che lo studio avrebbe potuto rimuovere la sequenza dei corvi in Dumbo, una mossa in linea con quanto fatto in precedenza. Fortunatamente non ha deciso di procedere in questo modo.

La Disney ha deciso d’inserire la dicitura ‘Potrebbe contenere contenuti culturali obsoleti‘ su buona parte dei film e dei cortometraggi dello studio, principalmente le produzioni più vecchie. Anche in quelle che non contengono suddetti elementi.

Perché a questo punto non hanno inserito anche I racconti dello zio Tom? Probabilmente per non istigare polemiche, ricordiamo che la pellicola non ha nemmeno mai avuto un’edizione home video.

Cosa ne pensate di questa soluzione?

Fonte Cinema Blend

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Echo: ecco Vincent D’Onofrio nel ruolo di Kingpin sul set della serie Marvel 9 Agosto 2022 - 21:30

Ecco Vincent D’Onofrio sul set di Echo, serie dei Marvel Studios con protagonista Maya Lopez.

The Strangers: tre sequel entreranno in produzione il mese prossimo, uno sarà diretto da Renny Harlin 9 Agosto 2022 - 20:45

La saga horror The Strangers, inaugurata nel 2008, proseguirà con tre nuovi capitoli, Renny Harlin alla regia?

The Pope’s Exorcist: Franco Nero sarà il Papa nel film su Padre Amorth 9 Agosto 2022 - 20:20

L'attore italiano affiancherà Russell Crowe, che interpreterà il celebre esorcista Padre Gabriele Amorth

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?

Prey: il film “Predator contro i Comanche”, fortunatamente, fa il suo 3 Agosto 2022 - 18:01

E ci riesce ribaltando in continuazione i concetti di preda e predatore. Le nostre impressioni sul prequel di Predator, in uscita il 5.

MCU, perché è molto importante aver annunciato due nuovi film degli Avengers 25 Luglio 2022 - 10:06

Quello che mancava nell'MCU: una nuova pianificazione, per i prossimi tre anni, con due film degli Avengers in chiusura.