L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Debutto tiepido per Apple Tv+, che  fatica a ingranare

Debutto tiepido per Apple Tv+, che fatica a ingranare

Di Filippo Magnifico

Il 1° novembre Apple TV+, il nuovo servizio di streaming video on demand della mela morsicata, ha fatto il suo debutto in più di 100 paesi, tra cui il nostro, e i primi dati non sono esaltanti.

Un’analisi pubblicata da Variety e riguardante il mercato statunitense ha rivelato, infatti, che le produzioni originali Apple disponibili al lancio hanno destato un modesto interesse nel pubblico. Si tratta di un’analisi di Parrot Analytics, che ha confrontato le 24 ore successive al lancio di Apple TV+ lo scorso venerdì, con i dati raccolti nelle prime 24 ore da altri titoli disponibili per lo streaming e lanciati nel corso del 2019.

Un debutto tiepido

Come dimostra il grafico, solo SEE, la serie con protagonista Jason “Aquaman” Momoa, è riuscita ad avvicinarsi alla top 20. Decisamente deludente il risultato di The Morning Show, che la stessa Apple aveva promosso come sua serie di punta (15 milioni di dollari per episodio e una seconda stagione già confermata).

Secondo quanto riportato da Variety, la situazione non varia nel resto del mondo, dove l’interesse nei confronti degli show, in particolar modo di The Morning Show, si sta rivelando sotto le aspettative.

Si spera nel passaparola, quindi, che aumenterà con la diffusione dei prossimi episodi. Non seguire l’esempio di Netflix e non rendere disponibili le serie complete al lancio (al momento ci sono solo i primi tre episodi per ognuna) potrebbe aver giocato a sfavore ma è anche vero che altre produzioni presenti nel grafico, rilasciate settimanalmente, hanno generato un maggiore interesse nel pubblico.
Sono stati investiti per la pubblicità circa 40.3 milioni di dollari solo per i mesi di settembre e ottobre, ma a quanto pare non è bastato.

Si spera nel futuro

Apple dovrà avere un po’ di pazienza, quindi. E sebbene si sia appena affacciata sul campo può contare su un fattore che Netflix ha ottenuto solo con il tempo. Al momento i contenuti di Apple TV+ sono disponili in 100 paesi, per 2 miliardi di persone attraverso 4 miliardi di device. Con una tale diffusione, unita al giusto passaparola e all’arrivo di nuove produzioni originali, la situazione potrebbe cambiare da un momento all’altro.

QUI tutto quello che dovete sapere su Apple TV+

LEGGI ANCHE: Apple Tv+: Tutte le serie del servizio streaming di Apple

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Soul – La nuova featurette celebra l’idea di comunità 28 Novembre 2020 - 18:00

La nuova featurette di Soul - da Natale su Disney+ - contiene svariate scene inedite, e celebra l'importanza della comunità in cui Joe è cresciuto.

Hawkeye – Le riprese dalla prossima settimana a New York 28 Novembre 2020 - 17:00

A Brooklyn sono apparsi dei cartelli che annunciano l'inizio delle riprese in esterni di Hawkeye a partire da mercoledì 2 dicembre.

L’ombra dello scorpione – Bene e Male si affrontano nel nuovo poster 28 Novembre 2020 - 16:00

Le fazioni della luce e dell'oscurità si affrontano nel poster di The Stand, miniserie di CBS All Access tratta dall'omonimo romanzo di Stephen King, noto in Italia come L'ombra dello scorpione.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.