L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Dark Waters, la recensione del film di Todd Haynes con Mark Ruffalo

Dark Waters, la recensione del film di Todd Haynes con Mark Ruffalo

Di Adriano Ercolani

Fortemente voluto dal produttore e protagonista Mark Ruffalo, il dramma civile diretto da Todd Haynes racconta la storia vera di Robert Bilott, avvocato associato con le industrie chimiche che decide di far causa al colosso DuPont dopo la scoperta dell’avvelenamento delle acque della sua cittadina d’origine, Parkersburg nel West Virginia. Una battaglia legale iniziata nel 1998 e che attualmente non si è conclusa, ma per cui l’uomo combatte ancora.

Un film senza eroi

Rispetto alla filmografia precedente di Todd Haynes Dark Waters rappresenta qualcosa di totalmente diverso, un progetto che necessitava un approccio estetico molto più contenuto rispetto all’eleganza di grandi film da lui diretti come ad esempio Io non sono qui o più recentemente Carol. Questo però non impedisce all’autore di costruire un inizio di film davvero impressionante a livello visivo: finché la storia non si addentra pienamente nella vicenda di Bilott e della sua causa civile, Haynes si concede dei momenti di cinema visivamente preziosi, dovuti principalmente a tagli di inquadrature che rappresentano con metaforica lucidità lo scarto tra i palazzi dove vengono prese del decisioni importanti e l’America più rurale, che tali decisioni deve “subirle” senza possibilità o quasi di ribellarsi alla loro iniquità. Man mano che il protagonista si addentra nel dramma degli allevatori e degli agricoltori la cui vita viene distrutta dall’inquinamento illegale della DuPont, rischiando al tempo stesso di rovinare la sua vita personale, Haynes sceglie un tipo di regia sempre più asciutto, lasciando che sia la fotografia livida e autunnale del grande Edward Lachman – candidato all’Oscar per Lontano dal paradiso e Carol – a immergere lo spettatore in un dramma intenso, coraggioso nel mostrare tutto il dolore degli esseri umani oltre che la loro fierezza. Dark Waters è infatti un film senza eroi, soltanto persone che tentano di fare la cosa giusta e ne pagano le conseguenze, fisiche e soprattutto psicologiche. Sotto questo punto di vista Mark Ruffalo è impareggiabile nel rendere il suo Rob Bilott un uomo senza qualità se non la sua tempra morale. Il personaggio viene presentato e sviluppato al pubblico in tutta la sua verità: difficile da amare eppure totalmente da abbracciare, devoto alla sua causa e trascinato da una forza interiore che mai si tramuta in retorico eroismo. Accanto all’attore risultano molto efficaci anche Anne Hathaway, Tim Robbins e Bill Camp, anche se in ruoli in qualche modo maggiormente stereotipati.

Una riflessione amarissima sullo stato dell’America contemporanea

Il cinema di impegno civile è uno dei generi in cui l’industria dell’entertainment americano si distingue maggiormente rispetto agli altri Paesi. Dark Waters si inserisce in questo filone rispettandone le coordinate narrative con precisione, magari anche senza eccessiva originalità, ma con un’adesione emotiva alla vicenda messa in scena davvero impressionante. Todd Haynes non ha facilitato il compito al pubblico, tutt’altro: lo ha reso partecipe doloroso di cosa significhi battersi contro colossi economici come la DuPont. La rappresentazione del potere nel suo film è lugubre, logorante, fatta di attese per un verdetto che possono durare anni. Dark Waters diventa così una riflessione amarissima sullo stato civile dell’America contemporanea, retto dal profitto e per nulla interessato al benessere del cittadino comune.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Orville: il primo teaser della stagione 3, New Horizons! 24 Settembre 2021 - 11:57

La terza stagione di The Orville, intitolata New Horizons, farà il suo debutto su Hulu il prossimo 10 marzo. Ecco un teaser.

Bardo: rivelato il titolo del nuovo film di Iñárritu, sarà una commedia 24 Settembre 2021 - 11:45

Al centro un giornalista e documentarista messicano interpretato da Daniel Giménez Cacho, che torna in patria per ricongiungersi con la famiglia

Tutti i film horror in tv dal 24 al 30 settembre 24 Settembre 2021 - 11:17

ScreenWEEK è qui per proporvi una settimana all’insegna del brivido! Ecco la programmazione completa dei film horror in arrivo sul piccolo schermo nei prossimi sette giorni.

Michael Jordan e la storia di Space Jam: tutto era iniziato da Spike Lee (FantaDoc) 23 Settembre 2021 - 18:00

Fortemente voluto dal produttore e protagonista Mark Ruffalo, il dramma civile diretto da Todd Haynes racconta la storia vera di Robert Bilott, avvocato associato con le industrie chimiche che decide di far causa al colosso DuPont dopo la scoperta dell’avvelenamento delle acque della sua cittadina d’origine, Parkersburg nel West Virginia. Una battaglia legale iniziata nel […]

Ms. Marvel – La serie è stata rinviata all’inizio del 2022 23 Settembre 2021 - 12:30

Era ovvio, ma ora la conferma giunge da Variety: Ms. Marvel, inizialmente prevista per la fine dell'anno su Disney+, uscirà all'inizio del 2022.

What If…?, E se Thor fosse stato John Belushi? 22 Settembre 2021 - 15:10

Il settimo episodio di What If...? è Animal House all'asgardiana. No, sul serio.