L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Post Malone e la sua Hollywood, sanguinante e cinematografica

Post Malone e la sua Hollywood, sanguinante e cinematografica

Di Filippo Magnifico

Con la sua ultima fatica, ora nelle sale italiane, Quentin Tarantino ci ha raccontato quello che C’era una volta…a Hollywood.
Altri artisti hanno cercato di tradurre in suoni (e immagini), il famoso quartiere della città di Los Angeles, che da tempo immemorabile si alterna tra lusso e decadenza, a seconda dei punti vista.
È il principale punto di arrivo di tutti gli aspiranti VIP, ma una volta raggiunta, chissà perché, viene molto spesso snobbata.

Post Malone tra musica a cinema

C’è per esempio chi l’ha descritta come “sanguinante” e ha deciso di dedicarle non solo una canzone, ma un intero album.
Stiamo parlando di Post Malone, pseudonimo di Austin Richard Post, tra i principali esponenti di un sottogeneri dell’hip hop, conosciuto come trap, che ora va per la maggiore.

A prima vista, considerando l’innegabile somiglianza, si potrebbe scambiare per un personaggio interpretato da Shia Labeouf, ma sotto quei tatuaggi si nasconde un artista che, per certi versi, ha contribuito all’evoluzione di un genere relativamente nuovo. La sua non è semplice trap, ma unisce le contaminazioni di altri generi apparentemente distanti come country, grunge, hip-hop e R&B.

Ma anche il cinema sembra vivere in quelle note. Influenze di generi diversi, anche in questo caso. La Hollywood di Post Malone rivive nei videoclip delle sue canzoni, soprattutto quelli legati a Hollywood’s Bleeding, il suo terzo album in studio, arrivato lo scorso 6 settembre.
Si passa da un genere all’altro nelle canzoni, così come anche nei video, che comprendono anche Sunflower, presente nella colonna sonora del film animato vincitore dell’Oscar Spider-Man: Un nuovo universo.

La Hollywood di Post Malone

Animazione, atmosfere che provengono da Game of Thrones, dal cinema horror e dai polizieschi a stelle e strisce come Bad Boys o Miami Vice. Basta una semplice occhiata distratta per rendersene conto…

Dal cinema, alla musica

Il cinema sembra scorrere nel suo DNA, insomma. A dimostrazione di questo, il fatto che Post Malone prossimamente farà il suo debutto cinematografico al fianco di Mark Wahlberg nel film Netflix Wonderland, diretto da Peter Berg.
Non è il primo musicista a seguire questa strada, è vero, ma molto probabilmente è il primo a parlare di Hollywood prima ancora di entrarci.

Cinema chiusi fino al 15 gennaio, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Cinderella: Olivia Colman, Helena Bonham Carter, Anya Taylor-Joy nella pantomima prodotta da Richard Curtis 3 Dicembre 2020 - 21:56

Olivia Colman, Helena Bonham Carter e Anya Taylor-Joy protagoniste nella pantomima di Cinderella prodotta da Richard Curtis per BBC

Cynthia Erivo nel biopic di Sarah Forbes Bonetta, principessa “regalata” alla Regina Vittoria 3 Dicembre 2020 - 21:30

Un'incredibile storia vera, dimenticata dai libri di storia; Benedict Cumberbatch sarà il produttore esecutivo

House of The Dragon: un drago ritratto nei primi concept del prequel di Game of Thrones 3 Dicembre 2020 - 21:09

Prime immagini per House of the Dragon, la serie prequel di Game of Thrones che racconterà la storia della Casa Targaryen.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.