L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Oscar 2020: un’altra edizione senza presentatore?

Oscar 2020: un’altra edizione senza presentatore?

Di Matioski

La cerimonia degli Oscar è sempre stata caratterizzata da una tradizione che si è protratta per il corso della sua lunga storia: la figura del presentatore. Un personaggio appartenente all’industria, solitamente un attore oppure uno showman, in grado di reggere sulle sue spalle tutta l’importanza dell’evento, e di rendere la cerimonia fluida grazie ad una conduzione brillante e divertente. Un compito difficile, e che proietta il presentatore di turno al centro dell’attenzione mediatica. Vietati i passi falsi, tutto deve procedere al meglio senza sbavature. Soprattutto nell’era dei social.

La polemica Kevin Hart

La scorsa edizione degli Oscar, infatti, è stata vittima di polemiche che hanno portato l’Academy ad intraprendere una decisione storica, volente o nolente: nessun presentatore. Eppure, tutto sembrava pronto già da mesi, con l’annuncio in pompa magna di Kevin Hart come host dell’evento. L’attore è stato però travolto da uno scandalo simile a quello che aveva colpito il regista James Gunn tempo prima. Alcuni tweet e battute politicamente scorrette di Kevin Hart sono state riportate alla luce dopo anni, nonostante tutte le attenuanti del caso, scatenando una prevedibile indignazione pubblica.

L’Academy ha dunque deciso di rimuovere l’attore dall’incarico. Il risultato? Nessun altro candidato si è reso disponibile all’appello, forse a causa del timore suscitato dalla caccia alle streghe online. Gli Oscar 2019 sono dunque stati accompagnati da un clima di tensione, dissolto non appena la serata ha preso il via. Diverse star hollywoodiane e personaggi celebri si sono alternati sul palco presentando i vari premi, assicurando così varietà alla manifestazione e una maggior dinamicità, fondamentale nell’era dei social.

Una nuova tendenza

Dopo un iniziale scetticismo, il nuovo modello di conduzione ha raccolto proseliti. L’abbiamo visto recentemente replicato dagli Emmy Awards, altra manifestazione da sempre associata alla presentazione singola. Anche nel caso degli Emmy, ciascun premio è stato associato ad una specifica guest star, protagonista di sketch e siparietti comici. La domanda si pone dunque spontanea: anche l’edizione 2020 degli Oscar sarà priva del presentatore tradizionale? Prevederlo è difficile, specie considerando che la succitata edizione degli Emmy ha ottenuto ascolti pessimi.

Di certo, come già accennato, il web ci ha abituati ad un ritmo più sincopato, con un numero sempre maggiore di stimoli da decodificare. Un’abbondanza a cui siamo ormai assuefatti, e che poco si sposa con la canonicità di una cerimonia di premiazione cadenzata da una presentazione fissa e rigorosa. L’alternanza di ospiti potrebbe costituire il nuovo standard, già a partire dagli Oscar 2020. Con l’inevitabile divisione di gusti e preferenze del caso, da sempre scatenata dalla rottura di una regola prefissata e dall’instaurarsi di una nuova tendenza.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Angel – Lo spin-off di Buffy è su Star e dovete recuperarlo subito! 8 Maggio 2021 - 20:00

Angel è da oggi parte del catalogo di Star su Disney+: una perfetta occasione per recuperare un cult!

Infinite: lo sci-fi thriller di Fuqua con Wahlberg salta i cinema e passa a Paramount+ 8 Maggio 2021 - 18:07

Un altro titolo fantascientifico salterà le sale: Infinite lo scifi thriller di Fuqua con Mark Wahlberg passa a Paramount+

The Space Cinema cerca nuove risorse per tutti i multisala del circuito 8 Maggio 2021 - 17:00

In vista della ripartenza del settore, dopo la chiusura di questi mesi, l’azienda ha aperto da poco nuove posizioni per coloro che vogliono lavorare all’interno dei multisala The Space Cinema.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.