L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Osamu Tezuka, il Dio dei Manga – 200 originali in mostra a Barcellona

Osamu Tezuka, il Dio dei Manga – 200 originali in mostra a Barcellona

Di Marlen Vazzoler

LEGGI ANCHE: GUIDA AI SIMULCAST – Visual, PV, cast e staff di Dororo, su Amazon Prime da gennaio 2019

Dal 31 ottobre al 6 gennaio nella Sala per le esposizioni temporanee del Museo nazionale d’arte della Catalogna si terrà la mostra Osamu Tezuka, el Dios del Manga.

All’apertura sarà presente Macoto Tezuka, figlio dell’autore, alla direzione della Tezuka Productions. Negli anni ha supervisionato gli adattamenti e le opere derivate dal lavoro del padre.

Osamu Tezuka, el Dios del Manga

Quasi 200 opere originali dell’artista giapponese Osamu Tezuka, noto come il dio dei Manga per il suo contributo alla scena fumettistica giapponese.

Questa esposizione permetterà di comprendere l’evoluzione del manga dopo la seconda guerra mondiale grazie alle opere di questo autore, uno dei più prestigiosi e prolifici al mondo.

L’influenza di Tezuka

Tezuka ha contribuito a modellare il manga moderno. Il suo lavoro è caratterizzato da una narrativa visiva molto innovativa che si ispira al cinema e all’animazione. Ha inserito nelle sue tavole velocità e movimento che raramente erano stati visti in un fumetto fino a quel momento.

Le sue storie si distinguevano per la loro lunghezza e un grande sviluppo. Per questo sono state battezzate storie-manga, in contrasto con il manga umoristico raccontato in poche pagine o vignette.

Shin Takarajima (pubblicato da Rizzoli con il titolo La nuova isola del tesoro) e le altre opere di Tezuka ebbero un grande impatto su molti lettori che decisero a loro volta di diventare dei mangaka.

L’influenza di Tezuka è stata molto importante in una serie di autori che hanno lasciato il segno nei decenni successivi. Ricordiamo Fujiko Fujio (creatore di Doraemon), Shotaro Ishinomori (nel Guinness dei primati per il maggior numero di fumetti pubblicati e autore di Cyborg 009 e Kamen Rider) e Yoshihiro Tatsumi (uno dei principali autori di gekiga).

Anche nelle opere odierne di possono ancora vedere gli echi delle influenze di Tezuka. Astro Boy, La principessa Zaffiro, Kimba il leone bianco sono delle autentiche icone. Ma non dimentichiamo i suoi manga più adulti come: I tre Adolf, Buddha, La Fenice e il chirurgo Black Jack.

La mostra è stata prodotta da FICOMIC in collaborazione con il Museo Nazionale d’Arte della Catalogna, Tezuka Productions e il Festival International de la Bande-dessinée d’Angoulême.

Fonte Museo Nazionale d’Arte della Catalogna


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Only Murders in the Building: nuovo trailer per la serie Star con Steven Martin e Martin Short 27 Luglio 2021 - 20:30

Insieme a Selena Gomez, interpreteranno tre podcaster che decidono di risolvere un delitto. dal 31 agosto su Disney+ Star

Nuove aggiunte al film autobiografico di Spielberg, tra cui Judd Hirsch 27 Luglio 2021 - 19:30

Il cast di The Fabelmans si arricchisce di quattro nuovi interpreti veterani

Batman Unburied: Winston Duke e Jason Isaacs saranno Bruce Wayne e Alfred nel podcast 27 Luglio 2021 - 18:45

Il podcast nasce da un'idea di David Goyer e vedrà Bruce Wayne nell'insolito ruolo di patologo forense. In arrivo su Spotify

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.